Cerca nel blog

2009/07/17

I nastri lunari perduti sono proprio perduti

Cancellati i nastri originali della diretta dalla Luna, ci restano le copie restaurate


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sembra incredibile, ma la NASA ha cancellato i nastri della diretta del 20 luglio 1969 che mostravano lo sbarco sulla Luna. Questo è l'amaro risultato di alcuni anni di ricerca ansiosa negli sterminati archivi dell'ente spaziale, confessato ieri con notevole imbarazzo in conferenza stampa da Richard Nafzger, uno dei tecnici che all'epoca si occupò della delicatissima impresa di ricevere dalla Luna immagini televisive trasmesse da una telecamera miniaturizzata.

Come è possibile che sia stato cestinato un reperto storico così prezioso e irripetibile? Nafzger, insieme a Stan Lebar, il costruttore della telecamera Westinghouse portata sulla Luna, spiega che all'epoca l'idea di poter fabbricare una telecamera che sopportasse le vibrazioni del decollo e gli sbalzi termici nello spazio e sulla Luna e di trasmettere e ricevere un segnale televisivo da 400.000 chilometri di distanza pareva fantascienza. Non ci credeva quasi nessuno. Se si fosse vista qualche ombra indistinta, sarebbe già stato un grande risultato.

Un'immagine d'epoca della telecamera lunare (a destra).

La collocazione della telecamera a bordo del modulo lunare, in un pannello ribaltabile della fiancata della base del veicolo. La telecamera era montata sottosopra; l'immagine veniva rovesciata elettronicamente da terra.

E così fu. Ma per ottenere quella diretta sgranata furono necessarie acrobazie tecnologiche stravaganti, in un'epoca in cui la TV era tutta analogica, senza elaborazioni computerizzate: video a bassa risoluzione (320 linee orizzontali), fuori standard (10 fotogrammi al secondo, quindi slow-scan), convertito piazzando una telecamera standard davanti a un apposito monitor ad alta persistenza d'immagine.

A differenza di quello convertito, il segnale diretto dalla Luna non era videoregistrabile usando apparecchi standard, per cui la NASA lo registrò su una traccia dei nastri di telemetria. E questo fu il grave errore: i nastri contenenti le immagini in massima qualità furono etichettati come normale telemetria e archiviati insieme a tutti gli altri. Per questo furono ritenuti perduti per anni.

Richard Nafzger mostra una delle 200.000 bobine di telemetria archiviate dalla NASA.

La politica della NASA, al pari di tanti enti grandi e piccoli, era di cancellare e riusare le costose bobine di nastro magnetico delle telemetrie dopo che erano passati alcuni anni e il progetto che le aveva generate era terminato. Alla fine del progetto Apollo, la telemetria fu quindi mandata al riciclo, e con essa furono cancellate le immagini della diretta.

Sia chiaro: le immagini cancellate non mostrano nulla che non sia già stato visto. Si tratta semplicemente di una ripresa in qualità nettamente migliore delle immagini già viste. Qui accanto ne vedete un esempio: a sinistra la diretta come fu trasmessa, a destra l'immagine corrispondente così come arrivò dalla Luna, prima delle conversioni e ritrasmissioni. Possiamo fare questo confronto perché uno dei tecnici presenti fece una foto al monitor.

Per fare ammenda, la NASA ha incaricato la società di restauro cinematografico Lowry Digital di rimasterizzare le videoregistrazioni migliori recuperate dagli archivi, e i primi risultati, davvero notevoli (ne vedete un campione qui sopra), sono disponibili per lo scaricamento sul sito della NASA. Il restauro completo sarà pronto a settembre.

Ma c'è una speranza: durante le ricerche è emerso che fu effettuata una registrazione non ufficiale del segnale diretto dalla Luna. Non essendo ufficiale, il nastro non sarebbe stato destinato al riciclo. Ora la caccia si concentra su quella fantomatica bobina. A giorni verrà pubblicato il rapporto tecnico sul restauro e sulla caccia ai nastri lunari.

48 commenti:

dani ha detto...

Toh.. ma guarda caso... sono stati cancellati i nastri originali. Mi limito a riflettere perchè insinuare sarebbe fin troppo facile.

Anonimo ha detto...

Se ho capito bene non si tratta di tutti gli originali esistenti delle riprese fatte durante le missioni lunari ma solo di una parte. Correggimi se sbaglio Paolo.
Saluti.

Mario ha detto...

considerando che esistono tutte le dirette delle tv collegate all'evento sarebbe interessante capire queste che segnale prendevano, quello dalla luna o quello dalla Nasa?

Fozzillo ha detto...

Mario,
Il segnale proveniente dalla luna era fuori standard.
Vuole dire che per riceverlo ci volevano apparecchiature opportunamente modificate.
Per non parlare dell'antenna parabolica gigantesca necessaria per ricevere il debolissimo segnale proveniente dalla luna.

Tutte le dirette TV non potevano che prendere il segnale che la NASA gli forniva.

Fozzillo ha detto...

dani,

In realtà ti limiti ad insinuare perché riflettere ti risulta troppo difficile.

Anonimous ha detto...

Paolo, ma non c'erano anche dei nastri registrati dalla stazione Australiana, o sono sempre gli stessi nastri?

dani ha detto...

Fozzillo,

per fortuna ci sei tu che riesci ad utilizzare quel paio di neuroni che ti ritrovi.

markogts ha detto...

Mi limito a...

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAARRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGGHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH

markogts ha detto...

Oh, non va a capo automaticamente. Era Un ARGH prolungato.

Comunque, se non sbaglio, per le missioni successive la copertura video fu molto più efficace, giusto?

Rodri ha detto...

Chi vuole riflettere, rifletta pure, magari vada a riflettere davanti alla porta della NASA già che c'è.

Tutti gli altri festeggiano il quarantennale.

Andrea B. ha detto...

Mario,
aggiungo che il segnale della diretta dello sbarco che arrivava alla stazione australiana proveniva dallo spazio, e non poteva essere altrimenti, sennò se ne sarebbero accorti.
Quindi se credete ala messinscena dovete suppore che il segnale registrato venisse inviato da qualche sonda piazzata nello spazio ... documentatevi se questo fosse possibile, ma attenzione che la materia si fa difficiletta ( orbite sincrone, punti di Lagrange ...) per la "profondità" di pensiero e di conoscenze scientifiche del complottista... e non del "complottista da strada" ma anche di quello "scafato", che con queste teorie bislacche ci fa i soldi sopra ...auguri di buon studio !

sa ha detto...

Ma c'è davvero così tanta gente disposta a credere al finto allunaggio?

Io rimango sempre più allibito, bello che c'è scritta chiaramente anche la spiegazione del perchè!

Il segnale diretto dalla Luna non era videoregistrabile usando apparecchi standard, per cui la NASA lo registrò su una traccia dei nastri di telemetria. [...]
La politica della NASA, al pari di tanti enti grandi e piccoli, era di cancellare e riusare le costose bobine di nastro magnetico delle telemetrie dopo che erano passati alcuni anni e il progetto che le aveva generate era terminato.


http://tinyurl.com/mpckz8

Paolo Attivissimo ha detto...

Alessandro,

le altre riprese, quelle fatte durante il volo da e verso la Luna, ci sono ancora. Quelle cancellate sono soltanto le due ore e mezza circa di riprese fatte sulla Luna.


Mario,

sarebbe interessante capire queste che segnale prendevano, quello dalla luna o quello dalla Nasa?

Dalla Nasa, che a sua volta la riceveva dai radiotelescopi australiani. In un prossimo articolo su Complotti Lunari racconterò tutta la complicata faccenda.


Anonimous,

Paolo, ma non c'erano anche dei nastri registrati dalla stazione Australiana, o sono sempre gli stessi nastri?

Quei nastri sono andati perduti o cancellati. Ne resta forse una copia informale e di sicuro ci sono degli spezzoni girati su pellicola 8mm filmando il monitor.



Dani,

per fortuna ci sei tu che riesci ad utilizzare quel paio di neuroni che ti ritrovi.

Discuti civilmente o risparmiati la fatica di commentare. Grazie.


Markogts,

sì, si trasmise a colori, si usò una parabola trasmittente più grande (che aveva anche l'Apollo 11, ma Neil scelse di non attivarla per non sprecare 20 minuti).


Sa,

Ma c'è davvero così tanta gente disposta a credere al finto allunaggio?

No. In realtà sono pochi ma rumorosi.

dani ha detto...

io discuto molto civilmente. perchè non riprendi il sig. Fozzillo che commentava

"dani,

In realtà ti limiti ad insinuare perché riflettere ti risulta troppo difficile."

belle discriminazioni.

Paolo Attivissimo ha detto...

Dani,

è inutile che ti lagni. Sei arrivato qui sputando sul lavoro, sulle fatiche, sui rischi e sulla competenza tecnica di 400.000 persone che collaborarono al progetto Apollo.

Vieni trattato di conseguenza.

Orsovolante ha detto...

@ Dani...

Io non cairò mai quelli come te.

Usano un computer ed internet.
Non si stupiscono di poter fare una foto con il cellulare e di poterla inviare, con lo stesso piccolo apparecchio, in tutto il mondo in tempo reale...

Ma trovano impossibile che 40 anni fa degli uomini abbiano spedito una scatola stagna sulla luna.

La tua negazione non ha origini tecniche. A mio avviso è solo un partito preso... un ideologia del complotto.

Peccato. Ti impedisce di sognare davanti a grandi avventure.

Anonimo ha detto...

@Paolo:

Grazie della delucidazione. Allora anch'io posso condividere l'ARGH! di Markogts. Sono uno storico e leggere certe cose fa male... fa malissimo....

dani ha detto...

Veramente le insinuazioni siete voi a farle, io non ho mai detto di non credere allo sbarco sulla luna, anzi. Lo trovate scritto da qualche parte per caso? Certo fate presto ad etichettare, in questo non siete molto diversi dai complottisti. Direi quasi che il numero di neuroni di Fozzillo risulta essere esattamente uguale alla somma di quelli che hanno vibravito ed il suo amico, con lo scarto di un fattore p-greco.

Rodri ha detto...

Dani, stai togliendo tempo alle tue riflessioni.

papageno ha detto...

dani:
"Veramente le insinuazioni siete voi a farle, io non ho mai detto di non credere allo sbarco sulla luna, anzi. Lo trovate scritto da qualche parte per caso?"

Sara' perche' non hai a spina dorsale per dire chiaramente come la pensi.

Paolo Attivissimo ha detto...

Dani,

io non ho mai detto di non credere allo sbarco sulla luna, anzi. Lo trovate scritto da qualche parte per caso?

Sì: "Toh.. ma guarda caso... sono stati cancellati i nastri originali. Mi limito a riflettere perchè insinuare sarebbe fin troppo facile."

Ora se queste parole vanno intepretate diversamente da quello che sembra, dillo: hai dei dubbi sulla realtà degli sbarchi lunari? Basta un sì o un no.

Janez ha detto...

È possibile sapere quanto meglio si vedrebbe, sui nastri cancellati, rispetto al filmato disponibile?

Come un DVD rispetto ad un VHS? Di più? Di meno?

Mi pare di capire che c'era una telecamera fissa a fuoco fisso che inquadrava l'esterno.

Se fosse così, per via delle sfocature, anche una migliore definizione non dovrebbe portare grande beneficio, quindi la perdita non sarebbe molto grave.

Olórin - Il Grigio Pellegrino ha detto...

E' la prima volta che scrivo su questo blog, ne approfitto per fare i miei complimenti a Paolo per il suo ottimo lavoro di "sbufalamento".

Speriamo che vengano trovati al più presto i nastri di questa copia informale, sennò poi chi li regge più quelli che la pensano come dani?

dani ha detto...

@Paolo
non ho alcun dubbio relativamente allo sbarco sulla luna.
I miei dubbi sono relativi al passato modo di fare della NASA..

"La politica della NASA, al pari di tanti enti grandi e piccoli, era di cancellare e riusare le costose bobine di nastro magnetico delle telemetrie dopo che erano passati alcuni anni e il progetto che le aveva generate era terminato."

Posso capire la politica del risparmio, ma... come??? tu cancelli per riusare le bobine ORIGINALI su cui è inciso un evento di tale portata storica????
Vabbè che bisogna fare.. sono americani.

Per quanto riguarda l'interpretazione delle mie parole, visto che c'è qualcuno che purtroppo non riesce a capirle (so che è faticoso per un paio di neuroni), cerco di spiegarmi meglio:

"Toh.. ma guarda caso... sono stati cancellati i nastri originali." = "Non mi stupisce una certa dose di incompetenza di certa gente nonostante tutti i soldi che riceve dai contribuenti" (E questa è un'opinione personale quindi non c'è bisogno che mi chiediate prove scientifiche di quello che dico).

"Mi limito a riflettere perchè insinuare sarebbe fin troppo facile." = Spero sia evidente ormai a cosa si riferisca l'insinuazione, di certo non allo sbarco sulla luna.


Ti è tutto chiaro adesso Doppio Neurone di un Fozz... o vuoi altre delucidazioni?

P.S. ecco adesso è arrivato anche il Pellegrino a scrivere cavolate già al suo primo messaggio.

Andrea B. ha detto...

Scusa Paolo, lo so che nell' articolo si parla specificamente de "i nastri della diretta del 20 luglio"... ma delle dirette degli altri sbarchi che si sa ? Sono stati cancellati anche quelli ?

Paolo Attivissimo ha detto...

Janez,

il video slowscan aveva una risoluzione verticale di 320 linee. Diciamo che la qualità era quella di Youtube standard, in bianco e nero.

In questo altro mio articolo trovi immagini di confronto:

http://tinyurl.com/mqbxht

Fozzillo ha detto...

Con una battuta ho fatto colpo su dani!
Ne sono lusingato, con entrambi i neuroni!

Riflettere... insinuare... tutti sti soldi dei contribuenti...

Basta seguire un po il lavoro della NASA per rendersi conto dei salti mortali che fanno per rientrare nel budget che hanno.

Riescono a fare ricerca VERA, a mandare sonde in giro per il cosmo, studiare la terra, il clima, i materiali, l'uomo, con un budget in continua diminuzione.
Sono soldi BEN spesi e BEN AMMINISTRATI.

Paolo Attivissimo ha detto...

Olorin,

non saranno certo quei nastri a far rinsavire i lunacomplottisti. Saranno preziosi per noi che abbiamo capito di essere di fronte a un momento di Storia, ma non puoi far uscire dalla testa di qualcuno con delle prove razionali un'idea che vi è entrata senza prove razionali.

Paolo Attivissimo ha detto...

Dani,

grazie del chiarimento. La tua frase iniziale era decisamente ambigua.

tu cancelli per riusare le bobine ORIGINALI su cui è inciso un evento di tale portata storica????

Ragioni con il metro di oggi. Come è stato detto in conferenza stampa, all'epoca registrare l'evento televisivamente era secondario. Contava la diretta, e quella c'è stata, bella o brutta non aveva importanza. L'obiettivo era stato raggiunto.

Per le immagini migliori, c'era (e c'è tuttora) il filmato in 16 mm a colori e ci sono 121 fotografie in 70 mm.

Vabbè che bisogna fare.. sono americani.

Attenzione ai luoghi comuni. Anche molti altri paesi hanno perso dati preziosi con lo stesso metodo. Anche la Svizzera italiana, per esempio, non ha registrazioni della propria notte dello sbarco. Idem la BBC e la RAI per altre cose.

Paolo Attivissimo ha detto...

Andrea,

le altre dirette dallo spazio ci sono ancora, perché furono trasmesse usando altri metodi meno artigianali.

Ne ho qui una copia sui DVD della Spacecraft films.

Fozzillo ha detto...

Come per la sonda LRO (grandi risultati con piccolo budget), le foto che farà ai luoghi degli allunaggi non serviranno a far cambiare idea ai lunacomplottisti.

Ma a voi ve ne frega?
La sonda raccoglierà una tale quantità di informazioni sul nostro satellite che non mancheranno certo delle sorprese, in più potremo goderci le foto dei siti degli allunaggi, sarà fantastico.

E i negazionisti? Poveri loro.

Olórin - Il Grigio Pellegrino ha detto...

Ok dani, ho frainteso il tuo commento e ti chiedo scusa

papageno ha detto...

dani:
"Posso capire la politica del risparmio, ma... come??? tu cancelli per riusare le bobine ORIGINALI su cui è inciso un evento di tale portata storica????"

Perche' non leggi l'articolo con piu' attenzione?

I nastri di telemetria non sono stati usati per le trasmissioni televisive.
Le bobine riciclate contenevano una copia dei video trasmessi e registrati dalla NASA.

Paolo Attivissimo ha detto...

Papageno,

Le bobine riciclate contenevano una copia dei video trasmessi e registrati dalla NASA.

No, attenzione, forse non ho chiarito bene il problema: le bobine contenevano la versione originale, così come fu ricevuta, PRIMA della conversione analogica al formato televisivo standard.

Quindi le bobine perdute non sono una copia: sono il "master", per così dire. Il contenuto è identico a quello della diretta (che abbiamo), ma la qualità è nettamente superiore.

Olórin - Il Grigio Pellegrino ha detto...

@ Paolo

non saranno certo quei nastri a far rinsavire i lunacomplottisti

Beh, che non possano rinsavire nemmeno davanti a prove materiali sono ovviamente d'accordo.
Intendevo l'opposto, cioè che probabilmente vedranno la mancanza di quei nastri come l'ennesima "prova definitiva" del complotto... e torneranno a spammare più convinti di prima, per questo dicevo che è meglio trovarli, tutto qui

dani ha detto...

Ok ringrazio tutti per le risposte, e Pellegrino per le scuse :)
Non voglio polemizzare oltre, alla fine le polemiche sono quasi sempre sterili. Anche se a volte non sono d'accordo con la gestione della NASA (magari simpatizzo più per l'ESA :) ) spero vivamente che ci portino sempre più avanti con l'eplorazione dello spazio.

papageno ha detto...

Paolo Attivissimo,

sono io che non sono stato chiaro.

Il segnale registrato nelle bobine di telemetria e' originale nel senso che e' quello ricevuto dalla Luna.
Non e' "originale" per le trasmissioni televisive in quanto fu necessario un passo in piu' per renderlo utilizzabile come segnale televisivo.
Ma chiamarlo "master" e' probabile meno ambiguo.

E quando ho detto "copia dei video", avevo in mente il contenuto, non il segnale.
Forse e' vero che gli uomini non sono bravi a fare multitasking...

grAz ha detto...

Spiegato così, Dani, in effetti il tuo commento appare sicuramente più facilmente condivisibile e anche più sensato... in effetti anche a me viene da pensare "che cretini"... poi, certo, bisogna esserci dentro, capire le reali problematiche e modalità di gestione dei materiali alla NASA di quegli anni per capire come si possa essere giunti a un errore del genere. Che COMUNQUE è un errore, e anche grave... e la NASA non è che ci faccia bella figura.

C'è da dire però che credo CHIUNQUE abbia letto il tuo primo post l'abbia interpretato come una insinuazione complottistica. Sembra inequivocabile, in realtà...

Non è paranoia, il fatto è che di gente che viene qui a fare proselitismo, insinuazioni o risse virtuali per le teorie del complotto più strampalate ce n'è a palate... quindi meglio spendere 2 parole in più per spiegarsi meglio ed evitare le reazioni "forti" ;)

Ciao!

Marco ha detto...

Alla NASA dovrebbero assumere qualche archivista della RAI che ancora oggi ci propinano gli spettacoli di Vianello di 50 anni fa.
Che peccato, magari analizzando i video perduti si sarebbero visti i cavi attaccati agli zaini degli astro-attori. Un'occasione mancata :(

Andrea B. ha detto...

x Marco: tranquillo... i filmati ci sono ancora: quelli del primo sbarco convertiti in formato televisivo, i filmati della telecamera da 16mm in dotazione agli astronauti, più tutti i filmati originali degli altri sbarchi ... ne hai di materiale in cui cercare se pensi che c' erano dei cavi attaccati agli zaini... buon divertimento !

Mi raccomando trovali ( se ci riesci) e falli vedere al mondo intero ...se ci riesci ti metti a posto per tutta la vita, altro che Bill Kaysing !

Mettiti sul serio a cercarli e sappici dire, però non deluderci ... non dire che i cavi ci sono perchè l' hai letto su "luogocomune" !

theDRaKKaR ha detto...

eh no troppo facile così!

adesso Nafzger torna su i rifilma tutto. Con la sua videocamere personale tra l'altro!

Tsè!

Anonimous ha detto...

Paolo

le prime immagini dell LROC dei siti apollo!
http://www.nasa.gov/mission_pages/LRO/multimedia/lroimages/apollosites.html

Paolo Attivissimo ha detto...

Anonimous,

GRAZIE!! Sono eccezionali. E questo è soltanto l'inizio.

Sheldon Pax ha detto...

Indiana Jones e la bobina perduta tra ventanni potranno rebootare anche Indy ;-)

Giorgio ha detto...

Beh, ha ragione Paolo che a posteriori è troppo facile parlare... pensate che la Rai non ha mandato una sua troupe ai concerti dei Beatles (il management aveva chiesto se volevano riprendere i concerti...) perché pensava che di quel gruppo dopo sei mesi non se ne sarebbe più parlato... e i beatlesiani d'italia devon ringraziare Peppino di Capri... :)

L'economa domestica ha detto...

@ Giorgio

E la BBC che ha cancellato i Top of The Pops degli anni settanta con esibizioni di tipetti come Beatles, Rolling Stones eccetera?

Va detto (sui filmati di Vianello) che registrare prima dell'Ampex era molto difficile, si usavano cineprese vere e proprie, costosissime, quindi (oltre alle bobine cancellate) abbiamo anche il problema del "Non registrato". E quello che abbiamo è eccezionale: ricordo solamente una puntata del "Musichiere" in cui c'era un collegamento con la nazionale di calcio brasiliana (1958). Tra i giocatori ogni tanto inquadravano un ragazzino di nome Pelé.

Sono perle (altro che quelle complottiste) che stanno uscendo dal restauro dell'immenso archivio di mamma Rai (dove io darei ORO per lavorare).

Francesco Martino Sperone ha detto...

Teniamo comunque presente che ci sono delle voci che affermano che ci sia stato un regista che ha girato alcune scene della camminata sulla Luna.


Secondo me è vero a metà, ovvero alcune scene sono vere, altre ci ha pensato qualche regista perché gli americani non ammettono che qualche scena sia indecente dal punto di vista di alla visione.

Paolo Attivissimo ha detto...

Francesco Martino Sperone,

"Voci"? E di chi? E dove?

Sono quasi 50 anni che girano "voci": salta sempre fuori che le "voci" sono teorie idiote di incompetenti; nessuno, in 50 anni, ha portato una sola prova concreta.

E ti sembra normale lanciare accuse senza prove?

Vediamo se ti piace quando lo fanno a te: sai che ci sono voci che affermano che tu sia un pedofilo? E che un regista ti ha filmato durante alcuni di questi tuoi atti? Secondo me è vero a metà, ovvero alcune scene sono vere e altre ci ha pensato qualche regista a fingerle.

Dimostrami che non è vero.