skip to main | skip to sidebar
67 commenti

Antibufala Classic: portaerei vs faro

Portaerei USA sfida faro. Vince il faro


Indagine iniziale: 2/2/2005. Ultimo aggiornamento: 15/3/2009.

Nota: Ripubblico qui quest'articolo, uscito originariamente su Zeus News nel 2005, nell'ambito della progressiva migrazione dei contenuti antibufala a questo blog.

Se siete arrivati qui seguendo un link di un articolo di Massimo Mazzucco, vi dico solo una cosa. Una persona che non trova di meglio da fare che accanirsi contro di me perché a suo parere non ho indagato abbastanza pedantemente sulle origini di una barzelletta mi sembra decisamente a corto di argomenti migliori ma molto desideroso di rendersi ridicolo. Fine della storia.


English Abstract (il resto è in italiano)

A story circulating on the Internet claims that a large US Navy vessel engaged in a very amusing radio conversation with an object with which it was about to collide. The US vessel kept insisting that it was the other party's duty to change course. The other party turned out to be a lighthouse.

Various different locations, dates and ship names are given:

– Locations: Finisterre, Newfoundland, Puget Sound, Carolinas
– Ships: USS Lincoln, Enterprise, Missouri
– Dates: 16 October 1997, October 1995

All are incorrect. There is an official Navy page that debunks this story, which has been circulating for over forty years in various publications.

Links with further information (mostly in English) are provided below.


Il testo della catena di sant'Antonio


Con le solite varianti tipiche delle catene di sant'Antonio, il testo è grosso modo questo (ho evidenziato i concetti salienti in grassetto e lasciato intatti gli errori ortografici dell'originale):

Conversazione realmente registrata sulla frequenza di emergenza marittima sul canale 106 a largo della costa di Finisterra (Galicia), tra galiziani e americani, il 16 ottobre 1997.

Spagnoli: (rumore di fondo) ... vi parla l'A-853, per favore, virate 15 gradi sud per evitare di entrare in collisione con noi. Vi state dirigendo esattamente contro di noi, distanza 25 miglia nautiche.

Americani: (rumore di fondo) ... vi suggeriamo di virare 15 gradi Nord per evitare la collisione

Spagnoli: Negativo. Ripetiamo, virate 15 gradi sud per evitare la collisione

Americani: (un'altra voce) Vi parla il Capitano di una nave degli Stati Uniti d'America. Vi intimiamo di virare 15 gradi nord per evitare la collisione.

Spagnoli: Non lo consideriamo fattibile, ne conveniente, vi suggeriamo di virare di 15 gradi per evitare di scontrarvi con noi.

Americani: (tono accalorato) VI PARLA IL CAPITANO RICHARD JAMES HOWARD, AL COMANDO DELLA PORTAEREI USS LINCOLN, DELLA MARINA DEGLI STATI UNITI D'AMERICA, LA SECONDA NAVE DA GUERRA PIU' GRANDE DELLA FLOTTAAMERICANA. CI SCORTANO 2 CORAZZATE, 6 DISTRUTTORI, 5 INCROCIATORI, 4 SOTTOMARINI E NUMEROSE ALTRE NAVI D'APPOGGIO. NON VI "SUGGERISCO" VI "ORDINO" DI CAMBIARE LA VOSTRA ROTTA DI 15 GRADI NORD. IN CASO CONTRARIO CI VEDREMO COSTRETTI A PRENDERE LE MISURE NECESSARIE PER GARANTIRE LA SICUREZZA DI QUESTA NAVE. PER FAVORE OBBEDITE INMEDIATAMENTE E TOGLIETEVI DALLA NOSTRA ROTTA!!!

Spagnoli: Vi parla Juan Manuel Salas Alcantara. Siamo 2 persone. Ci scortano il nostro cane, il cibo, 2 birre, e un canarino che adesso sta dormendo. Abbiamo l'appoggio della stazione radio "Cadena Dial de La Coruña" e il canale 106 di emergenza marittima.
Non ci dirigiamo da nessuna parte, visto che parliamo dalla terra ferma, siamo nel faro A-853 di Finisterra sulla costa Galiziana. Non abbiamo la più pallida idea di che posto abbiamo nella Classifica dei fari spagnoli. Potete prendere le misure che considerate opportune e fare quel cazzo che vi pare per garantire la sicurezza della vostra nave di merda che si sfracellerà sulla roccia. Pertanto insistiamo di nuovo e vi suggeriamo di fare la cosa più sensata e di cambiare la vostra rotta di 15 gradi sud per evitare la collisione.

Americani: Bene, ricevuto, grazie

La stessa storia circola anche in altre lingue e con numerose varianti: a volte il faro è canadese e la conversazione radio si sarebbe tenuta al largo di Terranova (Newfoundland in inglese). Anche le navi e le date cambiano spesso.


Datazione e origini


Le prime segnalazioni di questo caso (con il testo indicato sopra) sono giunte al Servizio Antibufala il 19 gennaio 2005, data in cui ha preso a circolare anche nei newsgroup italiani. Secondo Snopes.com, la storia ha iniziato a diffondersi su Internet nel 1996, ma varianti di questa storia risalgono a circa quarant'anni fa.


Perché è una bufala


La medesima storia circola, con nomi, dettagli e luoghi differenti, da oltre quarant'anni. Già questo sarebbe sufficiente a catalogarla come priva di fondamento, ma la Marina statunitense ha pubblicato anche una pagina di smentita (archiviata da Archive.org qui) datata 25 luglio 1997, che informa della vera ubicazione delle navi più frequentemente citate alle date indicate nella storia, ossia la Coral Sea, la Missouri e la Nimitz.

Snopes.com, nella sua indagine antibufala, ha inoltre frugato a ritroso alla ricerca delle origini di questa storia, trovandola come aneddoto (con altri nomi e luoghi, ma struttura identica) in una raccolta di barzellette del 1992 e in un libro di Stephen Covey del 1989, nel quale Covey indica come fonte un numero del 1987 di una pubblicazione dell'U.S. Naval Institute.

Ma si va anche più indietro: lettori di Snopes.com che hanno servito nella marina degli Stati Uniti se la ricordano verso la fine degli anni Sessanta, e Snopes.com ne trova versioni risalenti al 1939.

Una delle falle che smentisce le versioni della storia ambientate negli Stati Uniti è che, come nota un articolo della Marina citato da Snopes.com, dal 1986 nessun faro della costa USA è abitato o ha una stazione radio.

Non è nota la situazione sulle coste della Galizia, ma la versione che cita la USS Lincoln e data l'episodio al 16 ottobre 1997 è sicuramente falsa, dato che in quel periodo la portaerei non era affatto dalle parti della Galizia, secondo un sito che ne traccia la storia. Oltretutto sembra a dir poco improbabile che dopo oltre quarant'anni ci siano ripetuti battibecchi fra navi militari statunitensi e fari che seguono esattamente lo stesso copione di una barzelletta.

La storiella è dunque fasulla, ma rimane comunque una storia divertente sulla presunzione di chi si ritiene importante perché guida un mezzo meccanico senza considerare che esistono forze ben più grandi di lui.


Ringraziamenti


Grazie a Faragorn e Marcopela del forum RAI "Internet per tutti" (oggi (2009/03/15) defunto da tempo) per aver scovato informazioni preziose per questa piccola indagine.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (67)
> perché a suo parere non ho indagato abbastanza pedantemente sulle origini di una barzelletta

In effetti non è da te non indagare pedantemente...

Scherzo, ovviamente.

:-)
Anche io ho scovato una bufala:
si racconta che c'erano un inglese, un francese ed un italiano... :-)
L'avevo letta proprio oggi da Mazzucco, non l'avevo ben capita ma pensavo si trattase di una vecchia barzelletta, anche se quella che conoscevo io era ambientata in Sardegna.

Cose dette da uno che si vanta di falsificare le prove perchè "così fan tutti" lasciano sempre il tempo che trovano, a parte il fastidio di chi è vittima di questi attacchi.
No, ma davvero qualcuno credeva che fosse una storia vera?

Fin dagli anni '80 le navi civili avevano il LORAN per stabilire la posizione esatta, senza contare che il normale radar di navigazione riesce a distinguere un faro sulla terraferma da una nave.

Dai, e' una bella barzelletta...
Ah, il titolo è davvero azzeccato, Antibufala Classic. Un vero "classicissimo"! Ovviamente non mancano le infinite varianti, compresa l'immancabile versione con i carabinieri al posto degli americani.
Però Paolo sei CAttivissimo. Citare con noncuranza l'ormai defunto forum RAI "Internet per tutti" come se esistesse ancora... per un attimo ho avuto un tuffo al cuore. Certo, il blog che hai adesso è di qualità eccelsa, ma non si possono dimenticare i vecchi tempi...
Dì a Mazzucco di venire a Lugano a ripetere le sue accuse! :-D
Mi sa che VibraVito ha scatenato un bel putiferio. Essendo il più gettonato dai "debunker" ha scatenato una corsa a chi la spara più grossa, prima Strakerino con lo scopo delle scie chimiche la creazione di una nuova razza di androidi (direttamente da Blade Runner), e ora Mazzucco che definisce Wikipedia un cancro perchè vi scrivono i "debunker", ma se proprio su Wikipedia si possono trovare le "perle" più gustose del complottismo! Ho proprio l'impressione che ogni capetto del popolo complottista stia disperatamente cercando di rimanere sulla cresta dell'onda sparandone sempre di più grosse...
Se Mazzucco e soci controllassero anche solo la metà di quello che ha fatto Paolo per questo post...

lui controllerebbe il doppio :-)
Poorman, hai ragione. Ho aggiunto la funerea precisazione.
ahahah come barzelletta è divertente :D
invece la storia è vera, ed è avvenuta nel lago di lugano (che notoriamente pullula di portaerei americane). possibile che tu non te ne sia accorto? ma già, sei impegnato a distribuire scie chimiche…
carino anche il racconto del comandante della vespucci, la nave scuola italiana: passando davanti a gibilterra si sentì chiedere per radio: «what ship?», con molta spocchia. la vespucci è riconoscibile a mille miglia di distanza, da chiunque, e lui rispose: «what rock?». la raccontò alcuni anni fa in tv, penso che sia vera (almeno questa…)
Mio padre me l'ha raccontata la prima volta 20 anni fa come barzelletta. La nave in questione era tedesca comandata da Otto Fon Glughen o qualcosa del genere :)
ma è bellissima :DDDD
Soprattutto perché il canale di emergenza marittima VHF è il 16, non il 106 che non esiste.
In HF invece la frequenza per le emergenze è 2182 Khz, ma non ha un numero di canale.
Aggiungerei inoltre che gli operatori radio di un faro si identificano con il nome del faro, non con il suo numero di classificazione (che ha una forma completamente diversa). Comunque anch'io questa storiella la sapevo da molto più tempo: è una di quelle che uso, quando sono nelle mie vesi di skipper-volontario-a-tempo-perso-di-belle-barche-a-vela, per distrarre l'equipaggio quando si profila all'orizzonte un cumulonembo dall'aspetto minaccioso...
Io non ho capito se Mazzucco si pone in difesa della veridicità della barzelletta, oppure si lamenta per smontare Paolo e basta...

...in ogni caso, ponendosi come debunker di un debunker, diventa un debunker o no?
Veramente un debunker di un debunker, per doppia negazione, diventa un bunker.
Un mitomane come Mazzucco che ha sostenuto la cura anticancro a base di bicarbonato in un paese serio sarebbe in galera insieme al quel delinquente del suo amico medico!

bob
Visto che si parla di Mazzucco, potete farvi un giro sulla sua pagina di Wikipedia. E' in corso una discussione -a cui partecipa lo stesso Mazzucco, insieme ad altri "luogocomuni"- i quali sostengono che la pagina deve parlare del fatto che lui sostenga la cura Simoncini, ma non deve riportare il fatto che Simoncini sia un medico radiato e pluricondannato.
E' evidente che la storiella della portanerei Lincoln si una bufale...Nel 1997 l'US NAVY non aveva corazzate e da sempre la nave ammiraglia di una delle flotte dell'US NAVY NON è una portaerei...
Mazzucco ormai è alla frutta...
sì, è quello che ho pensato anche io, ci ho messo mezz'ora solo per capire dove voleva andare a parare...
altro piccolo dettaglio: non si è chiesto nessuno cosa siano i "6 DISTRUTTORI"? perché a occhio a me sembra una traduzione-spaghetti di DESTROYER, ovvero - in italiano - CACCIATORPEDINIERE.
questo basterebbe a definire il tutto…
Beh, in fondo Chiesa aveva tradotto "Droni" con "Parassiti militari".
Una barzelletta potrà pure avere lo stesso livello di accuratezza, no? ;)
mi piace come barzelletta..ma veramente qualcuno l'ha presa per vera?questa non e' una bufala e' di piu'...una leggenda metropolitana..
Io sono letteralmente deliziato dai post di Mazzucco, peccato non averlo conosciuto prima...
:)
La fonte recita:

"On Sept. 11, 1997, Lincoln pulled into San Francisco bay for the first time in almost two years to conduct an air power demonstration as part of the Fleet Week celebration there. The Blue Angels performed a show over the Bay within view of the city and the crew of the ship. After several hours, the ship departed at flank speed heading for homeport after several weeks of CQ and training.

During its longest underway period (40 days) since WestPac ‘95, Lincoln conducted almost continuous flight operations, loaded 4,000,000 lbs. of material and ammunition, successfully completed nearly every phase of "Ready Carrier" qualifications and gave 100's of distinguished visitors, including 40 Admirals and Generals, an opportunity to see what their hard earned tax dollars are being spent on.

After another underway period, Lincoln returned to Everett Dec. 20, 1997 just in time for the holidays."


Attivissimo recita:

"Non è nota la situazione sulle coste della Galizia, ma la versione che cita la USS Lincoln e data l'episodio al 16 ottobre 1997 è sicuramente falsa, dato che in quel periodo la portaerei non era affatto dalle parti della Galizia, secondo un sito che ne traccia la storia."
Mazzucco faceva notare che l'articolo non riportava dove si trovasse la portaerei in quel giorno di ottobre.

Possiamo però ricavanre, prendendo seriamente la barzelletta in considerazione, che la portaerei non sarebbe mai potuta giungere in tempo nel punto in cui dicono per via della velocità di 60 Km/h...

Però non avete capito la critica mossa da Mazzucco.

Ed è indubbio che su wikipedia ci sia stato la volontà di quelcuno di calunniarlo.
Dmonax,

trovo assolutamente ridicolo che ci s'incaponisca su una barzelletta, ma se proprio dobbiamo farlo, facciamolo.

Mi si accusa di aver citato un sito che in realtà non dice che la Lincoln non era in Galizia il 16 ottobre 1997? Va bene.

Il sito che cito dice il 17 settembre 1997 la Lincoln era nella Baia di San Francisco. Costa ovest degli Stati Uniti.

Dice che la Lincoln il 20 dicembre 1977 era ad Everett, costa ovest degli Stati Uniti.

Come avrebbe fatto una portaerei a raggiungere la costa della Galizia in un mese, considerato che Panama presumibilmente non era utilizzabile come scorciatoia?
Però non avete capito la critica mossa da Mazzucco.

Ed è indubbio che su wikipedia ci sia stato la volontà di quelcuno di calunniarlo.


Chi semina vento raccoglie tempesta.
Direi che posso anche togliere il "presumibilmente" per Panama: le dimensioni massime (Panamax) delle navi che possono usare il canale sono 294 m di lunghezza per 32 di larghezza per 65.000 t di dislocamento.

La portaerei USS Lincoln supera tutte e tre. Per esempio, è larga il doppio.
Paolo, potresti verificare una notizia che mi ha dato mio cuggino? Dice che vicino a casa sua un agricoltore ha trovato una pattuglia con due carabinieri in un campo, quando si è avvicinato per chiedere cosa fosse successo i due hanno risposto" Stavamo inseguendo dei malviventi, quando a un certo punto ci hanno seminati!".
Puoi controllare se vera? Puoi?

PS
Non ho niente contro la benemerita, è solo la prima barzelletta che mi è venuta in mente....
tral resto, la parte iniziale di questo dialogo assomiglia moltissimo a un frammento di un libro di clive cussler!

coincidenze?
Non per Boyager!
Poveri carabinieri... un mio amico è da poco diventato carabiniere, chissà quante barzellette nuove imparerà!

P.s. Molto OT: O grande sbufalatore, mi hanno sempre raccontata come storia vera e non barzelletta quella del carabiniere che in banca "gira" fisicamente l'assegno. (Va beh, c'è ancora chi racconta come storia vera quella dell'elefante allo zoo safari... manco uno si chiamasse Damian...). E' vera o è una bufala?
Paolo, sai che ti vogliamo bene ma ti vogliamo bene anche se ammetti serenamente che in effetti c'è stato un eccesso di zelo, capita, non succede niente

Se mi permetti lo sfottò diciamo è uscita la tua vena svizzera hihihii
Mi ricorda le elementari... era una barzelletta che mi piaceva moltissimo raccontare e alla quale ridevano sempre tutti, ogni tanto la racconto ancora. Non sapevo che ci esistesse gente così allocca da credere che si tratti di un fatto vero !!! :D Mi sbellico!!! Fa più ridere della barzelletta stessa!!!
Paolo, scusa l'OT, ma tu collabori con Computer Idea?

Cacchio l'ho letto dal numero 11 fino a settembre scorso e non ho mai visto la tua firma...

La mia fonte è la tua pagina su wikipedia

Fine OT
Personalmente trovo ridicolo che qualcuno possa arrivare a sospettare della veridicità di una storiella palesemente creata per far ridere (uno schema umoristico classico tra l'altro...). Sarebbe come sospettare che i film dei fratelli Marx o dei Monty Python siano ispirati a storie vere!!
Nel 1966, una trasmissione radiofonica su rete locale della RAI in quel di Trieste, Prima chiamata "Cari Stornei" e di seguito "el Campanon" di Caprpinteri e Faraguna, iniziava una serie di racconti in chiave ironica, storie di personaggi fra la prima e la seconda guerra mondiale.
La trasmissione ebbe successo al punto che vennero scritti libri chiamati "le Maldobrie".
Vi si narrano avvenimenti marinai e non, con soggetti ambientati all'epoca in scenari marinari.

Uno fra questi, vede il sig. Bortolo che racconta alla s.ra Nina il fatto di una grossa nave che impone al faro sulle coste istriane, di spostarsi dalla loro rotta.

I nomi delle navi non sono gli stessi, e i fatti vengono ambientati in un contesto storico anteguerra, sottolineando alcune "facilonerie" marine, che secondo gli autori si verificavano in quei tempi.
Replicante Cattivo:
il sogno di una vita "in linea": la casta degli amministratori di Uicchipedia contro gli elleccini! Scontro tra titani del (finto) sapere e della libertà di espressione (solo la propria: chi dice la verità non è gradito).

Prevedo momenti di grande ilarità con buona pace dei kdw.
Mazzucco è arrabbiato nero solo perché nella pagina di Wikipedia che dovrebbe parlare di LUI, proprio di LUI, solo di LUI, viene menzionato il suo terribile e potente arcinemico.
Ovvero, si è accorto di non contare un Caspio.

Allora accusa Paolo di avere scritto lui la voce che lo riguarda. Questo lo consolerebbe un po'.
Poorman ha detto...
Mazzucco ormai è alla frutta...


Sono anni che vedo questa espressione riferita a questo o quel complottista. Eppure costoro continuano a vivacchiare nelle loro nicchie ecologiche.

Per me sono frugivori, come le scimmie.

mc
A me fa morire dal ridere..
troppo divertente.
io 'sta storiella la ho sempre e solo saputa al solo livello di barzelletta, tipo "c'erano un italiano, un tedesco ed un inglese..."
No Thomas. Mazzucco (e seguaci) pretende che si dica semplicemente "Mazzucco sostiene la cura proposta da Simoncini" STOP!

Invece la pagina dice "Mazzucco sostiene al cura proposta da Simoncini, medico radiato dall'ordine e condannato in primo grado per omicidio colposo e truffa aggravata"
Ora qui non si sta parlando dell'ultimo episodio -di cui ha parlato anche Paolo- di una prova falsificata (che volendo potrebbe essere soggetta a diatribe e discussioni che meriterebbero comunque un contraddittorio da parte di Mazzucco).
Il fatto che Simoncini sia stato radiato dall'Albo e condannato, invece, è indiscutibile: è successo, punto! Nessuno può dire il contrario; al limite si può sostenere che le condanne siano ingiuste, ma questo rientra nelle opinioni personali.

Il cancro è un argomento delicato, su cui troppa gente ha versato lacrime e disperazione. Se un lettore arriva sulla pagina di Mazzucco e legge che questo signore "sostiene la cura di...", potrebbe pensare che esiste una cura. A quel punto, una breve descrizione di chi sia Simoncini è doverosa, giusto perchè il lettore possa capire che questa cura ha tutte le premesse per non essere considerata valida. Se poi vorrà, andrà sulla pagina di Simoncini, ma almeno non leggerà di presunte cure per il cancro.
Questa storiella l'ho postata io in una delle sue varianti, nel lontano 1986 (potrei sbagliarmi di 1 o 2 anni ma non di piu' visto che la raccolsi in un momento particolare della mia vita fra il 1983 e appunto il 1986) sul newsgroup it.hobby.umorismo ed e' ricompresa fra le raccolte del mitico Dr.Zap http://www.drzap.it
Replicante: questo spiega in parte perché Mazzucco è arrabbiato con Wiki, ma non spiega perché nella sua replica, in ben due articoli, dedichi tanto tempo ad attaccare i debunker che con Wikipedia c'entrano ben poco.
Thomas: secondo te? :)
Vatti a vedere le sue faq sull 11/9: tra le prime 5 o 6 compare la domanda "chi è Paolo Attivissimo?"
A me sta benissimo che una persona in buona fede possa avere dei dubbi sul buco nel Pentagono o sulle presunte esplosioni delle torri. Ma in questo caso, sia che la persona sia propensa o meno a credere al complotto, davvero tra le sue prime domande ci potrebbe essere "chi è Paolo Attivissimo"?

E' un comportamento che si usa tantissimo in politica: quando un politico viene criticato per il suo operato, anzichè tentare di difendersi o giustificarsi, se la prende con chi gli ha mosso le critiche (possibilmente tentando di screditarlo...oppure ricorrendo all'insulto).
Ecco perchè, secondo una frase -che fortunatamente è stata cancellata dalla pagina- Mazzucco dice "sarebbe da assassini non battere tutte le piste possibili nella ricerca di una cura vera e propria per il cancro "
Anzichè cercare di difendere la cura Simoncini, preferisce accusare tutti quelli che si oppongono a quella cura, dicendo che almeno è un tentativo per fare qualcosa e va apprezzato indipendentemente dal risultato. Qualcosa della serie "male non può fare",lo stesso ragionamento di chi diffonde gli appelli via mail, anche se fasulli. Beh, una persona che deve affrontare il cancro si aggrappa a qualunque speranza; fornirgliene una falsa è qualcosa di cui vergognarsi, quindi non è vero che non male.
@Thomas

in ben due articoli, dedichi tanto tempo ad attaccare i debunker che con Wikipedia c'entrano ben poco.

Probabilmente perchè ritiene più semplice e facile screditare chi l'ho ha screditato che nascondere la verità sul ex medico e la scarsa efficacia della sua cura.

Infatti non si fà problemi a dire che Simoncini è radiato dall'albo, solo cerca di sottovalutare la cosa dicendo che anche se radiato è sempre un medico, e se vuole può andare all'estero e chiedere un'abilitazione, senza dover rifare l'università, per poter esercitare come medico.

Goebbels diceva: Ripetere una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità

E se ci fate caso i vari "guru" continuano a ripetere bugie finch'è qualcuno comincia a crederci, vedi "Vito" e gl'impianti bioplasmatici di Paolo.

Per chi non è al corrente dei retroscena consiglio di leggere il post sulla cura del cancro , e i commenti, di Mazzucco su Luogocomune e il Blog di Wewee

Potrete constatare che le polemiche sulle barzellette delle portaerei sono solo "cortine fumogene".
Lascia dir le genti, torre che non crolla all'impeto dei venti.
Replicante: ma anche sulla pagina di Simoncini ci sono state diatribe sul fatto che era stata inserita la vicenda della radiazione dall'albo, con Fefochip (il "segretario" di Simoncini) che nelle discussioni in Uicchi pretendeva che fosse tolta in quanto lesiva della dignità del Simoncini...
Ma caro Paolo Attivissimo, ma non hai mai sentito parlare dell'esperimento di Philadelphia.... a mon dieu l'US Navy ne ha fatti di progressi da quel dì. Che ci vuole per loro trasportare una portaerei dalle coste del Pacifico a quelle della Galizia! Ufff è questo tentativo che ha scatenato l'attuale crisi economica... :DDDDD
se ammetti serenamente che in effetti c'è stato un eccesso di zelo, capita, non succede niente

Lo so e lo apprezzo :-)

Ma qui non è eccesso di zelo. Come scrissi già anni fa a Mazzucco quando contestò questa mini-indagine, che diamine, è una barzelletta, l'indagine è proporzionata alla serietà della storiella.

Mica stiamo parlando delle prove del secondo cecchino di Kennedy.
Giuliano,

ma tu collabori con Computer Idea?

Non più, e da anni. Fu una cosa molto occasionale, credo un paio di articoli.
Ma caro Paolo Attivissimo, ma non hai mai sentito parlare dell'esperimento di Philadelphia

Certo che ne ho sentito parlare. Ero lì.
Pasquino: ma non hai mai sentito parlare dell'esperimento di Philadelphia.

Che bello, erano anni che cercavo di ricordarmi il titolo del film che avevo visto in un remoto passato :P
http://italian.imdb.com/title/tt0087910/

Grazie!
Ma caro Paolo Attivissimo, ma non hai mai sentito parlare dell'esperimento di Philadelphia

Certo che ne ho sentito parlare. Ero lì.


C'era anche David Copperfield?
C'era anche David Copperfield?

Certo. Al guinzaglio aveva la marmotta che faceva il cioccolato.
cioccolato svizzero

vedi, gira gira sempre li finiamo

e poi dici che non sei a capo di un complotto
però ripensandoci forse a capo del complotto c'è LA MARMOTTA
Io l'ho letta anni fa in un'e-mail di un amico, presentata come barzelletta. E in effetti la situazione è proprio da barzelletta, fosse stato un episodio realmente accaduto sarebbe stato troppo assurdo.
Questa storia dalle mie parti circola da anni come barzelletta, ovviamente con faro e nave variabili.
Cmq, volevo aggiungere per amore di precisione riferendomi alla versione spagnola, che non esiste nessun faro A-853 in Galizia. La numerazione (una lettera e quattro cifre) non è certo dell'elenco fari spagnolo (Libro de Faros) che prevede numerazioni di sole lettere. Sembra piuttosto la numerazione tipica dell'elenco internazionale redatto dall'ammiragliato britannico (ALL, Admiralty List of Light) che prevede una lettera ed un numero di 3 o quattro cifre. La lettera si riferisce alla regione geografica, e la lettera A è riservata ai fari britannici e a quelli francesi nel canale della manica. I fari spagnoli nell'atlantico sono nel volume D dell'ALL, per cui i loro codici iniziano tutti con la lettera D. Il codice del faro di Finisterra è D-1742 e non A-853. Che mi risulti, l'edificio dei faristi ospita un hotel e pertanto il faro non è presidiato.
Purtroppo ha ricominciato a girare come video su youtube in cui si sente la "discussione" via radio tra la portaerei e il faro spagnolo, il tutto correlato di sottotitoli in italiano. Il video successivamente è stato ripreso da molti utenti che l'hanno ripubblicato nei rispettivi canali. Leggendo i commenti viene un magone a scoprire quanta gente creda che sia vero e se la prende con chi cerca di spiegare che si tratta di una bufala ricorrente... -__-
Come ho già scritto tanti anni fa, che questa sia una barzelletta non esiste il menomo dubbio. Però, alla luce di quello che è successo dopo dalle parti del Giglio, tanto incredibile purtroppo non lo è più...
non avevo visto questo articolo... ma questa barzelletta mi venne raccontata da un inquilino del condominio dove abito intorno al 1990... sommergibile contro faro, con sommergibile incavaloato nero che ripete più volte di spostarsi... e alla fine il faro si svela per quello che è :D