skip to main | skip to sidebar
64 commenti

Finestra? Quale finestra?

Camera con vista


Aspettate fino a 1:03. Poi provate a dire seriamente che non ne volete una anche voi.

Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (64)
ahaha, ficaaaaata :D
Che figata *_*
Il problema è il cassettone da portarsi la collo e l'inutilità del tutto con > 1 persona :D
Fermorestando che è una figata e che ne vorrei uno :D
Tanto per rimanere in tema 3d, la pubblicità delle nuove tv 3d Samsung:
http://www.youtube.com/watch?v=H6mVWNLqtoA
Bho. Non mi piace, sa di finto, non è per me. Mi tengo la villa del Seicento da una parte e Roma dall'altra (per vostra informazione, dalla mia stanza si vede il palazzo di fronte a 10 metri).
In merito al testo dell'articolo io direi che sarebbe meglio aspettare a 2:03 perche' a 1:03 c'e' un bambino e biologicamente non posso aspettare un bambino.

L'idea non e' male anche se la killer application sarebbe una hidden feature che mostra una cosa che in inglese inizia per 'p' e finisce per 'n' [GRIN]

Le finistre ricordano da lontano quelle di vetrolento che vengono citate nel romanzo Altri giorni, altri occhi (Other Days, Other Eyes) di Bob Shaw (consigliato)
si ma la luce naturale chi me la da poi? cioè nel video è tutto fatto bene ma alla prova dei fatti (costi del lavoro a parte che saranno più alti del costo degli schermi) la luce naturale è essenziale per dare una sensazione di realtà. Forse potrebbe un pochino funzionare con i paesaggi notturni :)
mi ricorda il wii hack.

una figata pero' solo in video. dal vivo non c'e' l'effetto 3d
Se vogliamo una bambina o una Winscape?
Qui c'è la proof of concept originale di un ricercatore delle Carnagie Mellon

http://www.youtube.com/watch?v=Jd3-eiid-Uw

... sul suo sito se non sbaglio dovrebbe esserci anche il software a disposizione per chi voglia smanettare un po'...

Saluti ;)
Incredibile......
Paolo, immagino intendessi 2:03... Avevo visto il titolo su Repubblica e ho glissato con un "boh, solita cornice digitale" (che, per inciso, trovo indecentemente pessime come qualità fotografica). Invece, in effetti, ha il suo perché. Certo, come dice Oscar, il problema è anche garantire una buona luce naturale. Ma sarebbe un'idea fantastica per tante case che sono così buie, chiuse e tristi...
che cosa, una bambina? :)
Vado controcorrente, lo trovo terribile.
bello, ma inutile, come dice Higure
Carina ma se me la regalassero....non l'accetterei.
Ho sofferto per diverso tempo di una assurda sorta di fobia: I quadri mi mettevano ansia.
Oggi è quasi sparita: Mi sento a disagio solo se raffigurano persone. :-)
Figurarsi se posso tenere in salotto un oggettino simile.....
Che bello! Comunque io vendo ferramenta per finestre: spero proprio non prendano piede!!
Sono super contro corrente. Che vergogna, anche la finestra adesso. Neanche più capaci di guardare fuori dalla finestra vera e reale.
Vorrà dire che staremo la vita a guardare la finestra (virtuale) senza sapere cosa ci circonda. Malati di tecnologia, racchiusi in una scatola con televisori 32 D, dolby surround 55+1, telecomandi dappertutto ed un mondo che fuori se ne va in rovina.
Veramente un bel futuro per il bimbo in foto.
Bah, comunque IMHO ovviamente.
Anche io vado controcorrente... pur essendo amante della tecnologia, queste "finestre" a mio parere sono brutte e non prenderanno mai piede nel mercato. Piuttosto meglio una bella cornice digitale che trasmette foto o video..
Devo essere sincero, non mi piace, non mi ha detto nulla e non mi attira. Meglio un bel panorama reale. Certo se si abita in un centro città grigio è un altro paio di maniche, scegli una vista più colorata o più consona al tuo stato d'animo, anche se mancherà comunque la luce naturale.
La tecnologia deve aiutare, non rendere più finta la realtà :)
Mi unisco al coro di quelli a cui non piace. Non serve a niente, e fa pure venire il mal di mare perché i movimenti non corrispondono a quelli della testa dell'osservatore.
e devo pensare ad un futuro in cui sarò rintontita davanti ad un quadretto, per quanto spaziale? no, non ci penso proprio...
devo pensare ad un futuro in cui sarò rintontita davanti ad un quadretto, per quanto spaziale?

Vedila così: supponi di poter avere a casa tua una finestra 3D che ti fa vedere in tempo reale la vista dal Gran Canyon, dal cuore della foresta amazzonica, dall'orbita terrestre, dalle montagne della Luna, o dalle valli di Marte. Non un'immagine fissa, ma una trasmissione televisiva, in movimento, costantemente aggiornata, con una definizione talmente alta da dare l'impressione di guardare fuori da una finestra e vedere un mondo lontano.

Pensa di pagare un piccolo canone mensile per avere questa vista, finanziando in questo modo la ricerca spaziale o la tutela degli ecosistemi a rischio.

Non pensare a una finestra che replica quello che potresti andare a vedere dal vivo. Pensa a una finestra che ti permette di contemplare la meraviglia di luoghi che nessuno può raggiungere.
A parte che la stessa tecnologia si vedeva anche nelle scene tagliate di Aliens :)
Non riesco ad impressionarmi più di tanto. Per quanto realistico possa essere, non sarà mai reale, ma sarà il "solito" schermo che ci fa sentire sempre e comunque distanti da ogni cosa.
Senza contare poi la telecamera che inevitabilmente salterà, e che farà diventare la nostra finestra nera come le tenebre. Oppure ci farà rendere conto che al posto di quello schermo ci poteva stare la finestra vecchia scuola che dà sul nostro giardino.

Meglio essere ad una "patina" di distanza da un mondo distante o ad un niente dal mondo reale?

È una cosa che non riesco molto a comprendere, magari fra 20 anni avrò la casa cosparsa di Winscape :)
E' tecnicamente notevole, ma dalla mia finestra voglio vedere un mondo reale, che mi dice "non abiti in una stazione spaziale e nemmeno sopra le cascate del Niagara, abiti qui, con tutto il bello e il brutto che questo comporta".

Ad esempio, dalle mie finestre vedo il giardinetto nel mio cortile, lo vedo e mi piace, scendo 3 piani di scale e ce l'ho davanti. Lo posso toccare.

Vedo lo spazio dalle mie finestre virtuali, scendo e mi trovo davanti la tangenziale. Alienante, no grazie.
Orpo... ... speta che guardo nel portafoglio...
...mmh... no. Mi sa che mi tengo la mia veduta sul pino che ho davanti a casa...
Poi pensa che brutto... attimo di relax...adesso metto in silenzioso il cellulare, mi sdraio in poltrona, mi bevo un bel bicchiere di Barbaresco e magari mi fumo un buon sigaro mentre guardo fuori dalla finestra...ahhh che bello...

ZOT! Porca t***a! Cos'è quel gigantesco BSOD fuori dalla finestra!? :D
Angosciante........ non ho parole, è semplicemente angosciante. L'idea di vivere attorniato da schermi mi nausea.

Tempo fa abitavo in una casa con vista "cortiletto-interno-di-condominio-sovietico-semiabbandonato-con-annesse-auto-in-decadenza".... beh, francamente preferirei avere la vista su una periferia decrepita del genere, che almeno è reale, piuttosto che su una cosa fasulla come una finestra digitale. Non saprei dire perché, ma trovo repellente l'idea della finzione. Lungi da me, viva la vita e la realtà, con tutta la sua bellezza e la sua bruttezza.

Se voglio un bel paesaggio mi collego a google e digito "paesaggio" :D
@Attivissimo Gira già da una settimana... ma quando ho visto l'inquadratura dallo Shuttle ho pensato a te (tranquillo, solo sotto il versante nerd).
-T2
trovo repellente l'idea della finzione.
Credo sia questa l'espressione essenziale: finzione.
Rifiuto anch'io l'idea di una tale "finestra" in quanto finta finestra.
E non l'accetterei nemmeno se fosse proposta come quadro incorniciato e appeso a una parete. Mi infastidisce anche solo vedere appesa la riproduzione stampata di un dipinto, famoso o no: opera manuale nata per essere unica.
Non così invece per la riproduzione di un'opera grafica, ad esempio un poster, nata e pensata per essere riprodotta.
Personalmente non mi piace nemmeno la cornicetta con esposta una foto, in forma analogica o digitale che sia: ho sempre l'impressione di un triste sacrario monumentale.

Vedo che nello specifico le preferenze personali sono molto variegate e che l'oggetto non incontra un favore incondizionato.
Mah, interessante dal punto di vista tecnologico. Io non la metterei in casa mia. Personalmente sogno ancora di potermi fare lo chalet in alta montagna. Magari nella prossima vita, chissa'... :-D
Mi sembra di capire che quelli veramente controcorrente sono coloro a cui l'idea piace visto che il grosso della fiumara scorre in direzione della bocciatura!
In tal senso mi dichiaro a pieno titolo controcorrente e approvo l'idea! Anche perché, Santo Iddio!, nessuno ha detto che quella finestra digitale debba necessariamente sostituire le finestre reali! Suvvia! Un po' di fantasia! Vediamolo come un quadro tecnologicamente avanzato: chissà, magari un giorno, un futuribile e inizialmente incompreso Van Gogh riuscirà a realizzarci un capolavoro d'arte digitale! Non fermiamoci a vederlo come una banale finestra. In fondo anche il primo cannocchiale era solo uno stupido tubo con due tappi di vetro...
La penso come xenso, non necessariamente deve sostituire una finestra, ma è un nuovo media, mi imamgino panorami reali e panorami artistici di sintesi, sottofondi musicali o rumori della natura, la possibilità di scegliere diversi 'canali' (foresta amazzonica, Opea House, un robottino sparato sulla luna o una sonda spaziale con le sue immagini in diretta ...). Fantasticando si possono immaginare evoluzioni notevoli come la possibilità di interagire con la scena o con gli altri osservatori. Chi lo ha criticato a mio parere non lo ha capito, così come chi non capì le potenzialità dei computer agli albori dell'informatica domestica, però forse non faccio testo perchè a me piace moltissimo anche una aplicazione del cellulare che ricrea atmosfere sonore tipiche della natura (pioggia, temporale, onde e simili).
la vogliooooooooooooooooooooooooooo!

Non due pezzi separati, ma un solo schermo singolo che però sia maxi!
E' vero come dice qualcuno che potrebbe essere un prodotto inutile, però io ho molte difficoltà finanziarie nel potermi permettere viaggi in America e via dicendo. Almeno con una TV del genere potrei avere una piccola soddisfazione.

Poi nulla mi toglie che più avanti io possa andare in america in carne ed ossa
Chi lo ha criticato a mio parere non lo ha capito
Può darsi, ma potrebbe anche esser vero il contrario. Non è il proiettare le immagini riprese su Marte che mi disturba: anch'io nella mia stanza abbellisco il muro con quadri, fotografie ed altro. Quello che mi disturba, che trovo inutile e spocchiosamente tecnologico è il voler far finta che tutto ciò sia realmente fuori dalla finestra. E' un po' come il caminetto col fuoco finto degli americani.
E, se qualcuno lo provasse dal vivo, si renderebbe conto che perfino il nostro corpo si ribella a questa finzione, trasmettendo all'osservatore una magnifica sensazione di nausea.
Quindi, alla domanda di Paolo posso serenamente e onestamente rispondere che proprio non lo vorrei, pur essendo certamente una persona che dai gadget tecnologici si fa affascinare, e anche parecchio. Ma devono avere un senso.
Anch'io non la vedo come una cosa così negativa, ovviamente non vorrei avere tutte le finestre così (da camera mia si vede già il Monte Rosa nelle belle giornate ;)) ma sostituirei volentieri la vista della casa di fronte con una finestra di queste che mi mostrasse, che ne so, il Fuji oppure Taormina...
Sa tanto di bunker antiatomico tipo "facciamo finta che il mondo esista ancora" mi ricordo almeno un paio di film che avevano qualcosa del genere.
bello! l'evoluzione in chiave tecnologica del "trompe l'oeil"
Sarei curioso di sapere cosa ne penserebbero gli amici di ASPO:

ASPO

Ah, già, loro sono 'catastrofisti'... ;-)
Quando si usa per gadget totalmente inutili come questo vuol dire che una tecnologia non ha applicazioni intelligenti :D

Bello poter cambiare quel che vedi dalla finestra, con l'audio pure... ma a cosa serve? E soprattutto, se ci sono più "spettatori" ?

Oltretutto.... è angosciante! Se uno mi piazza una telecamera nascosta in casa?

Trovo l'ipotesi di Paolo (viste "remote" in abbonamento) affascinante e interessante, sulla carta, ma piuttosto utopistica (non c'è niente di male a sognare!). Ci sono modi con cui si può contribuire alla ricerca e alla salvaguardia dell'ambiente molto più a portata di mano anche oggi ;)
@noone e @paoloattivissimo: e si, ricordo questo progetto, ormai ha qualche anno. Il sito del ricercatore e' questo ;)
Quello che mi disturba, che trovo inutile e spocchiosamente tecnologico è il voler far finta che tutto ciò sia realmente fuori dalla finestra. E' un po' come il caminetto col fuoco finto degli americani.

E' come il treno dei fratelli Lumière.

Quindi, alla domanda di Paolo posso serenamente e onestamente rispondere che proprio non lo vorrei, pur essendo certamente una persona che dai gadget tecnologici si fa affascinare, e anche parecchio. Ma devono avere un senso.

Secondo me è questo il punto dell'incomprensione, non mi entusiasma il gadget tecnologico in sè, ma l'idea che ci sta dietro, il gadget presentato dal filmato è la dimostrazione che l'idea può essere messa in pratica e in cento anni da un filmato dell'arrivo del treno può nascere un capolavoro come Mystic River (qui metteteci il vostro film preferito, accetto annche Avatr ;-)).
Poi il treno puoi andare anche a vedertelo dal vivo :-)
E' un 'idea, un ottima idea che può avere tanti sviluppi; personalmente non mi piace la linea di separazione, avrei preferito uno schermo unico da sfurttare come video per qualche film ad esempio.
Certo è meglio una finestra vera con vista sulle cascate del Niagara, ma chi vive in un ambiente senza finestre o , peggio, con finestre con vista su discarica, credo che apprezzerà.
quindi in pratica nessuno di voi (quelli che bocciano la cosa) ha delle fotografie appese alle pareti?
(finzioni che riproducono posti che non sono veramente lì, appiattiti su un foglio di carta)

avete tolto le finestre di casa sostituendole con delle fotografie?

delle volte mi domando se c'è la esatta comprensione di utilizzo, applicazione e potenzialità delle cose :D

quella è una cornice digitale, su cui mettere le foto che piacciono, per decorare l'ambiente e variarlo quando annoia senza buttare 15 euro di poster :D
E' una figata anche se il collare a mattone da mettere al collo per farla funzionare mi ricorda le esecuzioni della mala newyorkese ;-)
Io ho una stanza grande ma un po' buia sulla quale non si possono aprire altre finestre; questa cosa mi farebbe comodo come quadro "vivente".
"" Se voglio un bel paesaggio mi collego a google e digito "paesaggio" :D ""

e te lo vedi sullo schermo del pc
...cosa cambia da quello visto nel video? :D

pensa, scrivi su google paesaggio, lo trascini e lo piazzi alla parete
cambi la tappezzeria, tipo la casa sperimentale a redmond
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Boh... mi ricorda tanto le parreti TV di Fahrenheit 451...

Seguo la corrente dei contrari risalendo assieme al gruppo dei "controcorrente". Almeno come sostituzione della finestra vera.

Mi può stare bene come quadro (ma a quel punto sta bene anche fisso, senza mattoni al collo), mi può star bene come cabinotto o armadio in cui entri e ti fai un viaggio volando dove ti pare con visuale 3D reale: ecco, quello sì, anche se devo ammettere che sarebbe lo stesso abbastanza inutile, perché sarebbe solo una versione un po' più carina delle WebCam, di Google Streetview e prodotti simili.

Ma solo un pazzo può pensare che sia meglio di una finestra vera...

In effetti, probabilmente la soluzione migliore è un quadro vivente, magari a tutto soffitto o pavimento, utilizzato, come Elena diceva, come Trompe l'oeil; un po' come si è fatto sin dai tempi antichi per cercare di aumentare la sensazione di spazio all'interno di palazzi, chiese e quant'altro.
@otello: io ho un SACCO di quadri e foto (quasi tutte scattate da me, peraltro) alle pareti... ma sono lì proprio perchè sono statiche e perchè rappresentano un momento preciso ^^ Non metterei mai dei video-wall come nell'appartamento del protagonista di Total Recall.
Riconfermo la mia opinione di rifiuto sulla base di una filosofia o modo di vivere certamente molto personale.

Aggiungo che lo vedrei bene, questo aggeggio, nella camera di Mister Bean, magari accanto all'evoluzione del suo orsacchiotto in versione elettronica che gli fa ciao con la manina quando lo vede abbacchiato. Deprimente.
Cosa sono i pannelli, degli schermi OLED?
La cosa scomoda penso sia quando ci sono più persone: una vede bene l'effetto 3D, ma all'altra viene il mal di mare...
fichissimo

ps: però dai non si piò spendere energia anche per ste vaccate
Boh, sarò un somaro all'antica ma concordo al 100% con Riccardo e con chi trova meglio guardar fuori da una finestra vera e vedere il Monte Rosa.

Capisco che magari invece uno vede solo una discarica, ma almeno è autentica.
Per vedere l'amazzonia, preferisco guardare National Geographic Channel.
a me sembra una diavoleria intrigante. Magari se prende piede potrebbe ricevere le riprese in tempo reale di molti più luoghi, dal deserto, al panorama dall'everest, alla stazione spaziale, alla barriera corallina australiana, alle principali città. Io in studio ho di fronte a me una parete interna, quindi senza finestra. se invece di avere un muro vuoto davanti alla faccia 10 ore al giorno, potessi scegliere ogni mattina se per quel giorno vedere il polo nord oppure il centro di Tokyo o New York dalla baia o un'isola dei caraibi sarebbe una cosa molto divertente. Lascerei perdere le isterie orwelliane che sembrano trapelare da alcuni commenti. Una cosa come questa si userebbe su un muro interno o chiuso, non in alternativa ad una finestra vera. è solo arredamento per nerd... una divertente lava lamp del futuro. nulla di più.
Dove si compra???
E' troppo grosso: sembra un Game-boy troppo cresciuto. Non lo puoi usare per telefonare. Non è compatibile col la PS2. Manca il copia-incolla. Non ha la funzione cambia-aria come una finestra normale. Non ha il mouse. Non ha il collegamento ad internet. Non ha neppure la porta USB.
Inoltre quel sensore da 7 Kg. è scomodissimo da portare. Non ha la tastiera. Non legge i documenti Word. Il gamepad lo devi acquistare a parte. Non si capisce a che cosa serva.
Se costa meno 10000$ è una schifezza...

Ciao

Carson
...se costa più di 25000$ invece è un I-Win ed è una figata. :)

Ciao

Carson
A me quello che fa impazzire e' il fatto che l'uso della tecnologia oggi piu' ch emai fa ideare sempre nuove funzionalita' IMPOSSIBILI da prevedere.

A questo punto Paolo, ti faccio una proposta.

Prova, nel tuo sito a chiedere di prevedere dieci funzionalita' che avranno i computer, i cellulari o i sistemi di comunicazione entro 3, 5 e/o 10 anni (sembra tanto ma passano presto...). Vediamo quanti di noi sono capaci di prevedere realmente quello che sara' di uso "comune" (inteso come una funzionalita' o un oggetto disponibile - diciamo - in almeno un milione di copie).

pgc
Meraviglioso! Potrei avere la vista sul porto della mia amatissima Helsinki anche a casa a Bologna!
Non si può fare su tutta la parete? :)
A me l'idea piace...
ma non l'applicherei ad una casa, piuttosto immaginate di dover essere fra gli "abitanti" di una nave interstellare generazionale...
Una nave grossa quanto un mondo ma fatta interamente di metallo e plastica, rigorosamente racchiusa in un suo interno...
Non ci sono finestre che danno sull'esterno...

E magari quella "finestra" puo' servire a ricordare cosa abbiamo lasciato e cosa stiamo cercando...
Il mio ormai atrofizzantesi lato nerd lo vede una "ficata"... il mio lato spiritual-umanista ricorda l'orrore provato da piccolo, insieme a Lana, nella scena dell'ologramma nella Torre del Sole in "Conan ragazzo del futuro".

No, grazie.
Applicazione attualizzata.

http://yfrog.com/45ilsoleinunastanzaj

Se solo avessero curato le ombre...
Ma l'avreste mai detto che i televisori da parete esistevano già dagli anni Sessanta, almeno a giudicare da questa pubblicità? Deliziosa (la pubblicità, non la televisione-specchiera da muro).