Cerca nel blog

2010/04/24

Disinformatico e superstizioni su Arte domani

Superstizioni in Europa: quando l'idiozia va al potere


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Salvo sorprese, domani alle 17.45 il canale franco-tedesco Arte dedicherà un servizio del programma Yourope alla superstizione online e offline. Ci dovrebbe essere un cameo da parte mia, di alcuni amici del CICAP (impegnati nella lotta alla credulità anche con la Giornata Anti-Superstizione) e soprattutto dei miei gatti.

Un'anteprima – credo integrale – del programma è disponibile qui.

47 commenti:

L'economa domestica ha detto...

Uh, una gatta, che bello. C'era un articolo accanto?

L'economa domestica ha detto...

Cosa? Ogni anno spariscono in Italia 60.000 gatti????

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

Quanti gatti hai?

44rivax ha detto...

aiuto!!

Non so il francese!!! qualcuno potrebbe aiutarmi tipo linkare qualche sito che contenga del materiale italiano?

Il gatto (impagliato??) nero mi ha fatto impressione: non perchè fosse nero ma perchè era rigido.

Di cattivo gusto?

L'economa domestica ha detto...

Dal minuto 10.30!!! Vai Paolo (ma perché hai dato l'intervista in inglese)?

Paolo Attivissimo ha detto...

ma perché hai dato l'intervista in inglese

Me l'hanno chiesto loro, per semplificare il loro lavoro.

giusy78 ha detto...

scusa Paolo

sai se questo documentario è stato trascritto in francese o inglese o in qualsiasi altra lingua?

se ci fosse il testo sarebbe più facile...

Paolo Attivissimo ha detto...

sai se questo documentario è stato trascritto in francese o inglese o in qualsiasi altra lingua?

Non so nulla, mi spiace.

L'economa domestica ha detto...

Mi sono permessa di tradurre la parte di Paolo, se ci fossero errori mazzolatemi senza ritegno

Voce narrante: "Per l'angloitaliano Paolo Attivissimo questi gruppi che si trovano in linea sono estremamente pericolosi, perché un internauta ingenuo può prendere per le loro proposte pseudo scientifiche per oro colato. Scrive delle opere informative sulle teorie del complotto e milita anche nel associazione italiana degli scettici. E'stato stupefatto nel vedere come le superstizioni fioriscano nella rete"

Paolo Attivissimo:"Alcune persone pensano che internet abbia di per sé delle facoltà paranormali. Alcuni siti web affermano che alcuni individui siano ipnotizzati e controllati da internet. C'è anche la teoria che internet sia un organismo vivente che si difende da solo. E non ci sono che pochi individui che credono a ciò. Queste teorie non sono quasi mai prese sul serio, ma sono molto diffuse nella rete".

L'economa domestica ha detto...

Provo anche con quello sul CICAP (a partire dal minuto 21.00)

Voce narrante:" Milano, una metropoli europea moderna, ma una terribile reputazione getta un'ombra (Ndt qui c'è una frase che non ho capito, HELP!)
Le associazioni per la difesa degli animali gettano un allarme, perché i gatti spariscono in pieno giorno e in pubblico. Alcuni italiani pensano di migliorare il proprio destino uccidendo queste povere bestie che incontrano, Yorope ha condotto l'inchiesta. I membri del CICAP sono molto decisi a combattere tutte le superstizioni. Simone Angioni e i suoi compagni vogliono educare i loro concittadini."

Simone Angioni:" Ancora nel 2010, le superstizioni sono profondamente ancorate nella popolazione. Sono generalmente dei fenomeni deboli, come il non passare sotto una scala o un ponteggio perché si crede che porti male. Ma esistono anche fenomeni molto più gravi, come la superstizione contro i gatti neri, che vengono torturati o uccisi"

VN:" Tra i 30 e i 60.000 gatti neri sono uccisi ogni anno in Italia. E'la cifra terribile fornita dall'Associazione per la difesa degli animali AIDAA. Il suo presidente, Lorenzo Croce, si considera come il salvatore di una specie ingiustamente perseguitata, e indaga su qualsiasi gatto sparito"

Lorenzo Croce:" Per molti, il gatto nero porta male. E la conseguenza è che questi animali sono vittime dell'ignoranza di qualcuno, o di molti, che credono che uccidendo un gatto nero non si abbia più sfortuna"

VN:"Croce si riferisce alle sparizioni e alle voci, che parlano spesso di furgoni stranieri. Appartengono ai rapitori?"

LC:" In alcuni casi siamo riusciti ad individuare i rapitori ed anche a metterli in fuga, soprattutto la notte di Halloween"

VN:"Noi non abbiamo trovato dei cadaveri, né altre tracce. I gatti spariti potrebbero essere ancora in vita e abbandonati da qualche parte. Per saperlo ci siamo rivolti all'ufficio animali del Comune. Vi vengono sempre più spesso portati dei gatti abbandonati o non cercati"

Federica Conti:" A me non è mai capitato che cercassero in particolare gatti neri, né ad Halloween né in altre occasioni. Per me, uccidere i gatti neri per paura o superstizione, è una pratica degna del Medio Evo. E'veramente assurdo".

VN:" La persecuzione dei gatti sembra quindi più che altro un mito. Comunque, i militanti del CICAP mettono a i passanti di fronte alle loro paure più segrete. Chiedono loro di passare sotto una scala, di versare dell'olio e di veder rompere uno specchio. Tutto questo è senza conseguenze. Comunque, qualche irriducibile preferisce astenersi"

Passante:"Sfidare la sorte? Se posso evitarlo lo faccio"

VN:" Se alcuni esitano per una cosa così benigna, la lotta contro le superstizioni è ben lontana da essere vinta. E'comunque una missione cruciale, perché le paure più inoffensive possono sfociare in pericolose ossessioni".

SA:"E'chiaro che ci sono anche superstizioni pericolose. In alcune parti del mondo alcune persone sono perseguitate e anche uccise per superstizione, come gli albini in Tanzania".

VN:"Resta quindi un lavoro di educazione da portare avanti, e non solamente in Italia"

yos ha detto...

@ Economa:
Sicura di aver tradotto bene?

La seguente frase:
associazione italiana degli scettici

Non sarebbe più fedele all'originale, se fosse stata tradotta a acussì:
associazione italiana degli scettici allegri

:)

L'economa domestica ha detto...

@ Yos

Dicerolti, ho l'impressione che quelli della trasmissione non fossero molto allegri, come invece siamo noi.

@ Tutti i francofoni

Mi controllate la traduzione? Vorrei sapere le vaccate che ho fatto nel lavoro, grazie.

WeWee ha detto...

1) ARTE è un canale bellissimo, culturale e raffinato come pochi

2) Nonostante questo, la notizia dei 60.000 gatti neri che spariscono in Italia è un luogocomune di gusto molto dubbio (meglio se avessero detto che spariscono 60.000 mandolini o pizze a questo punto).

3) Traduzione dell'Economa perfetta solo piccole note:

(Minuto 21:00)probabilmente: ma una terribile reputazione getta un'ombra su questo bel quadro, sembrerebbe esistere una caccia al gatto. (il parait que de tour de chat se vit d'ici). Che ne dici?

Per il resto, bel colpo (che schifo il gatto impagliato...).

Elena ha detto...

Anche a me 60.000 gatti sembrano un'enormità.

theDRaKKaR ha detto...

la parola cadaveri mi confonde, non si parlava di gatti?

comunque la violenza sugli animali, specie se indifesi (o quasi) come i gatti è paragonabile alla violenza sui bambini, dovrebbe essere punita ancora più severamente

theDRaKKaR ha detto...

la popolazione felina romana, sia randagia sia domestica, è di circa 300.000 <a href="http://74.125.77.132/search?q=cache:OvrYpaH9dPQJ:www.comune.roma.it/repository/ContentManagement/node/P1618190915/Censimento.doc+popolazione+felina+di+roma+comune&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it</a>(1)</a>

immagino sia almeno simile a quella milanese, che però potrebbe essere più piccola, dato che nel comune di Milano ci sono meno abitanti che in quello romano

prendendo per buona l'ipotesi dell'uguaglianza 60.000 gatti l'anno scomparsi, a cui si devono aggiungere, immagino, quelli morti naturalmente o incidentalmente, porterebbero all'estinzione in breve tempo, a meno che non si inneschino meccanismi riproduttivi a protezione della specie...

bisognerebbe approfondire..

theDRaKKaR ha detto...

il link funzionante:

(1)

theDRaKKaR ha detto...

errata corrige:

il numero dei gatti scomparsi si riferisce all'intiera Italia, chiedo venia

in tal caso la cifra è molto più ragionevole

Anonimo ha detto...

Per theDRaKKaR

il numero dei gatti scomparsi si riferisce all'intiera Italia, chiedo venia

in tal caso la cifra è molto più ragionevole


Ad Arte hanno considerato la possibilità che i gatti non spariscano per via di superstizioni, ma perché finiscono in salmì? Anch'io credevo fosse una leggenda risalente a secoli or sono, ma un veneto (non di Vicenza, ma di Padova), mi ha assicurato che con gran discrezione i gatti li mangiano tuttora, checché ne dicano quelli che hanno querelato Bigazzi.

theDRaKKaR ha detto...

come diceva il grandissimo Lorenz (purtroppo non riesco a trovare la frase esatta) l'unico motivo davvero giustificabile per uccidere un animale è per nutrirsene

Rodri ha detto...

LOL!
Non mi avevi detto del cameo del Sojourner! :-)

Rodri ha detto...

Comunque il servizio visibile online è sicuramente la versione integrale di ciò che verrà trasmesso. Yourope in scaletta occupa 30 minuti e quelli visibili online sono 26'14".

Mauro ha detto...

Arte è un canale franco-tedesco... dato che il francese lo mastico a fatica mentre col tedesco mi guadagno il pane quotidiano... qui la versione tedesca del tutto per quelli come me:

http://www.arte.tv/de/europa/Yourope/Diese-Woche/Yourope---Dein-Europa_21/3175366,CmC=3175370.html

Saluti,

Mauro.

Gianni ha detto...

Non so se è stato chiesto, ma sarà possibile seguirlo in diretta il servizio o registrato come podcast Video? [Streaming o DVB-S]

Grazie.

@Paolo se ti capiterà, o se ci sarà il modo di organizzare farebbe piacere averti un pò nel SUD d'italia anche se immagino non sia molto comodo per te.

Anonimo ha detto...

propriu una faccia da dipendente della regina

hahaha

Anonimo ha detto...

proprio una faccia da dipendente della regina

hahahha

Paolo Attivissimo ha detto...

proprio una faccia da dipendente della regina

hahahha


Avviso di cortesia: il blog per fare le esercitazioni di cretineide non è qui.

geo ha detto...

l'ha detto veramente: 60 000 gatti spariscono in italia senza lasciar traccia! relativizzando, credo che nel canton lucerna ne spariscano di più :D

martinobri ha detto...

Se non ricordo male, una ricerca di qualche anno fa diceva che i gatti in Italia sono suppergiù 6 milioni.
60.000 scomparse quindi non è una cosa impossibile.

L'economa domestica ha detto...

Ora che mi sovviene, la voce sulle sparizioni dei gatti neri a Roma si ha soprattutto prima della celebrazione dei morti, riferita alla colonia felina del Verano.
Per fortuna, poi verificano che i micioni ci sono tutti (sono censiti) e in ottima salute.

Rodri ha detto...

Con l'agente C-BC ieri sera ci si chiedeva se e come riuscito a riprendere possesso del computer, con Pallina svaccata sopra :-)

Telecinesi? Taser? Cambiato computer? :-)

linopinolino ha detto...

Paolò Attivissimò sei fantasticò.
A prosposito che ha trovato un modo per scaricare il video dal sito di Arte?

Poorman ha detto...

La persecuzione dei gatti sembra quindi più che altro un mito. Comunque, i militanti del CICAP mettono a i passanti di fronte alle loro paure più segrete. Chiedono loro di passare sotto una scala, di versare dell'olio e di veder rompere uno specchio. Tutto questo è senza conseguenze. Comunque, qualche irriducibile preferisce astenersi"

Passare sotto la scala porta sfortuna, è dimostrato: a chi ci sta sopra! Per questo preferisco astenermi, conoscendo la mia imbranataggine!!! E se rompi uno specchio forse non avrai 7 anni di guai, ma 7000 cocci da spazzare certamente sì...
Quanto ai gatti, mi fa una gran tristezza Bigazzi al centro di polemiche per aver detto la verità, e intanto Giacobbo che diventa vicedirettore con le sue bugie...

(OT: avete notato che a Mistero non ci sarà più Ruggeri? L'hanno silurato o si sarà rifiutato? Nella nuova edizione, condotta da Raz Degan (?!!?) ci sarà anche Marco Berry... ma come, i prestigiatori non sono parte del complotto globale totale?)

John Wayne jr. ha detto...

@ theDRaKKaR

l'unico motivo davvero giustificabile per uccidere un animale è per nutrirsene

Si vede che Lorenz non era aracnofobo (vieni pure sul post della carta igienica per i dettagli), e non viveva nella pianura padana estiva, o si sarebbe dovuto mangiare pure le zanzare!

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

OT (ma neanche troppo)

Kazzenger!

"Alla scoperta degli Ittiti, il popolo che si chiamava così perché conosceva solo due lettere" :D

Fry Simpson ha detto...

"[...] alcuni amici del CICAP (impegnati *contro* la *lotta* alla credulità [...]"

Ohibò! Anche il CICAP ha saltato il fosso? ;D

Anonimo ha detto...

Per ǚşå÷₣ŗẻễ

OT (ma neanche troppo)

Kazzenger!

"Alla scoperta degli Ittiti, il popolo che si chiamava così perché conosceva solo due lettere" :D


Be', gli ittiti no, ma oramai certi giornalisti conoscono davvero solo poche lettere. Parlare di popoli lontani in questi termini è una maniera per sentirsi fra simili.

Paolo Attivissimo ha detto...

Refuso sistemato, grazie!

L'economa domestica ha detto...

Accademia dei pedanti ♂

Be', gli ittiti no, ma oramai certi giornalisti conoscono davvero solo poche lettere. Parlare di popoli lontani in questi termini è una maniera per sentirsi fra simili.


Adoro il tuo ottimismo di fondo...

psionic ha detto...

Comunque la battuta degli Ittiti non e' di Crozza. La diceva Natalino Balasso anni or sono.

"Gli Ittiti era un popolo semi-analfabeta. E' risaputo che gli Ittiti conoscevano solo due lettere dell'alfabeto. Non si sarebbero mai chiamati cosi'."

Riguardo gli scopi giustificabili per uccidere altri animali, ritengo che siano sostanzialmente due (cosi' sistemiamo anche la faccenda delle zanzare :-)): nutrimento e (auto)difesa.

E in questo siamo decisamente piu' etici degli altri animali (che non hanno giustamente idea di cosa sia l'"etica"), che uccidono anche per vendetta, punizione e, non ultima, competizione (genetica e non). Con buona pace di quelli che "l'uomo dovrebbe tornare alla natura"

ha detto...

Per usa-free:
"OT (ma neanche troppo)

Kazzenger!

"Alla scoperta degli Ittiti, il popolo che si chiamava così perché conosceva solo due lettere" :D"

ULTRALOL (per tutto il video)! :-D

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

Beh, siccome hai ultrallolato, e nel caso tu non abbia spulciato ulteriormente, ti segnalo anche la Prima puntata di Kazzenger

"Le piramidi: non ci hanno un po' rotto i cog**oni!?" :D

ha detto...

Per usa-free:
Visto! Ma è Crozza? A me non piace particolarmente, ma in questo caso mi devo ricredere :-)

luca ha detto...

Chiedo scusa per la domanda stupida, ma qualcuno può dirmi se bisogna avere il satellite per vedere arte? non si vede col digitale terrestre?

theDRaKKaR ha detto...

E in questo siamo decisamente più etici degli altri animali (che non hanno giustamente idea di cosa sia l'"etica"), che uccidono anche per vendetta, punizione e, non ultima, competizione (genetica e non).

mi sfugge qualcosa? l'uomo uccide per nutrizione e autodifesa, ma anche per vendetta, punizione e competizione

tra gli animali i casi di uccisione fuori da nutrizione e autodifesa sono ben pochi e, in genere, davanti un animale pericolo sai che se è sazio e se non lo spaventi non ti farà mai del male (è il trucco dei domatori, no?)

indi.. che vordì quello che hai detto? :)

theDRaKKaR ha detto...

"animale pericolo" = animale pericoloso

theDRaKKaR ha detto...

Chiedo scusa per la domanda stupida, ma qualcuno può dirmi se bisogna avere il satellite per vedere arte? non si vede col digitale terrestre?

per quel che ne so io, in Italia solo col satellite: è su Hotbird

qui una tabella che può aiutare: http://archives.arte.tv/static/pdf/Diffusion_fevrier_2009_FR.pdf