Cerca nel blog

2009/12/14

L’esagono di Saturno

Dio non gioca ai dadi. Preferisce la geometria


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "telce****" e "angb59".


Questo è il polo nord del pianeta Saturno, visto da sopra. L'esagono che vedete non è un effetto fotografico, ma una struttura reale, grande più di due volte la nostra Terra, che dura da almeno trent'anni, quando la videro di sfuggita le sonde Voyager della NASA negli anni Ottanta del secolo scorso. Per via dell'inclinazione dell'asse del pianeta rispetto al piano in cui orbita lentamente, queste nubi dalla sagoma straordinariamente regolare sono rimaste al buio fino a pochi mesi fa: l'inverno polare saturniano dura quasi quindici anni.

La sonda Cassini era riuscita a catturarne immagini nell'infrarosso, ma ora ha potuto scattarne fotografie in luce normale e ritrasmetterle a Terra. Riunite in questo collage, il cui centro è nero per mancanza di dati (la regione polare estrema è ancora al buio), rivelano in un dettaglio mai visto prima una struttura la cui genesi e stabilità almeno trentennale sono per ora inspiegate. Al polo opposto del pianeta, fra l'altro, non c'è un esagono analogo, ma un ciclone grande come il nostro pianeta.

Si suppone che l'esagono sia una forte corrente atmosferica simile al jetstream terrestre, ma non si sa cosa ne regoli la forma. Maggiori dettagli sull'esagono più colossale mai visto da occhio umano (o robotico) sono nel PhotoJournal della NASA e nel sito della sonda Cassini.

Va ricordato che alla missione Cassini collaborano anche l'Agenzia Spaziale Italiana e l'ESA.

Di fronte a meraviglie e misteri del genere, le storielle trite di visite di alieni umanoidi e di presunte sfighe annunciate dai Maya impallidiscono e assumono il sapore del pane ammuffito. In tutto il loro partorire di fantasie malate, i vari veggenti, ufologi, viaggiatori astrali e fanfaroni assortiti non sono mai riusciti a concepire nulla del genere.

E a riprova delle scempiaggini che dicono, va notato che se avessero voluto dimostrare di viaggiare davvero nello spazio a bordo di navi aliene, avrebbero potuto semplicemente dire "c'è un colossale esagono al polo nord di Saturno" quarant'anni fa, prima che se ne sapesse qualcosa grazie alle missioni spaziali. Ancora una volta, la paziente fatica degli scienziati e dei tecnici dimostra che l'universo non è soltanto più strano di quello che immaginiamo: è più strano di quello che possiamo immaginare.

Giacobbo, Ruggeri, andate a cuccia. Questa non è roba per voi.

81 commenti:

Vittorio ha detto...

Scommetti che diranno che quel "buco nero" è stato criptato apposta dalla NASA per non far vedere le città dei saturniani, e quel esagono regolare non è altro che un muro di difesa? Quanto tempo mi dai prima che dicano questo?

genesis61 ha detto...

Mi piace soprattutto il tag ... "misteri veri" ...
Complimenti, come al solito.

ebonsi ha detto...

Scusa: "una struttura reale..." "...è rimasta al buio".

PS: Grazie per la foto e i link.

Luigi Rosa ha detto...

E dopo questa notizia chi li sopporta piu' i Francesi!!! :)

Riferimento alla battuta: http://fr.wikipedia.org/wiki/Hexagone_(homonymie)

ebonsi ha detto...

Come non detto: "queste nubi" mi era sfuggito. Si vede che è ancora troppo presto...

Paolo Attivissimo ha detto...

Refuso già sistemato, grazie, l'articolo m'era scappato quando era ancora in bozza.


Quanto tempo mi dai prima che dicano questo?

Probabilmente qualche imbecille l'ha già detto.

Vittorio ha detto...

Probabilmente qualche imbecille l'ha già detto.
Indubbiamente: il primo sono stato io...
Si vede che mi sto immedesimando troppo nella testa dei fuffologi.
E per intanto ieri ho spedito una mail di protesta (educata, ovviamente) a Ruggeri

Anonimo ha detto...

la natura è più "intelligente" della fantasia...

Avion ha detto...

Questa è la prova chi gli alieni sono grandi quanto interi sistemi stellari: è infatti EVIDENTE che Saturno è solo una casella del loro gigantesco tabellone su cui muovere le miniature quando combattono giocando a Dungeons & Dragons.

Grezzo ha detto...

Senza parole...

Anonimo ha detto...

Ma è ovviamente stato prodotto dagli alieni: come ben sapete da "2001: Odissea nello Spazio" (libro, non film), il monolito in cui entra Bowman è situato su un satellite di Saturno, in particolare Giapeto.
Sarà un caso? Mishhhtero!

J.

* Da pronunciare rigorosamente alla Ruggieri ;)

Turz ha detto...

@Paolo Attivissimo:
Ma non avevi detto che Dio gioca eccome ai dadi? ;-)

Hanmar ha detto...

Porc...
Sono esterrefatto! O_O
Anzi, per dirla alla cialtrobbo, trasecolo! :D

Mo' vado a vedere i link e al diavolo il lavoro!

Saluti
Michele

Paolo Attivissimo ha detto...

Ma non avevi detto che Dio gioca eccome ai dadi? ;-)

Certo. Ma Dio, per definizione, essendo onnipotente, può contemporaneamente fare una cosa e non farla. Una sorta di gatto di Schrödinger che non ha bisogno della scatola.

Hanmar ha detto...

E delle crocchette? :D

Saluti
Michele

Gianni Comoretto ha detto...

Mi sto mordendo le mani. 20 anni fa ho lavorato a Cassini, ma ho dovuto abbandonare per problemi familiari incompatibili con frequenti viaggi negli USA. Ora mi sto scervellando sulle risonanze di jetstream con risonanze pari a 6, insomma, pensandoci bene è possibile che qualcuno molto più in gamba di me arrivi a capire qualcosa sui perché di quella struttura. Ma di sicuro non ci arrivi PRIMA di averla vista.

Possibile che sui libri di Adamski non ci sia niente? Eppure ha viaggiato nel Sistema Solare in lungo e in largo.

Giuseppe Nicosia ha detto...

Adamski gli unici viaggi li faceva con gli allucinogeni ;-)

Claudio ha detto...

Ovviamente la struttura esagonale è determinata dai resti di una struttura aliena, probabilmente dei bagni termali (dicono che il polo di Saturno sia fantastico per ridare splendore alle squame).

Francesco Sblendorio ha detto...

Il centro della foto è nero perché lì c'è Nibiru e l'hanno nascosto.

Complotto.

:-D

Turz ha detto...

Certo. Ma Dio, per definizione, essendo onnipotente, può contemporaneamente fare una cosa e non farla. Una sorta di gatto di Schrödinger che non ha bisogno della scatola.

Ma sì, hai ragione, pensa che tra le discussioni del Thread Teologico è stato persino affermato che Dio potrebbe contemporaneamente esistere e non esistere.

Il che è un elegante espediente per venir fuori dall'imbarazzo della contraddizione :-)

Turz ha detto...

@Claudio:
(dicono che il polo di Saturno sia fantastico per ridare splendore alle squame)

Vorrai dire agli impianti bioplasmatici :-P

Mela ha detto...

spettacolare! da rimanere incantati!

si, mi sono davvero "incantata" stamattina, e non riesco a spostare gli occhi da cotanta meraviglia!

...che bello perdersi nei "misteri veri"!!!

...e che bello poterli ammirare, grazie anche a questo tuo stupendo blog!!!
Ciao Paolo, sono contenta di averti scovato, in questo mondo super-affollato che è il web!

Thomas Morton ha detto...

Il buco nero al centro è solo la prova che tutti i pianeti sono cavi al loro interno. Quello è l'igresso.

Pippolillo ha detto...

La struttura esagonale, benché gigantesca, mi ricorda l'estrema regolarità dei cristalli di ghiaccio. E' un fenomeno inspiegabile per ora ma magari scopriremo fra un po' che fenomeni micro possono essere replicabili in macro.

La tecnologia va avanti velocissima, solo 20 anni fa non era pensabile di andare oltre un certo ingrandimento dai telescopi terrestri causa la vibrazione atmosferica che aumentava oltre misura il rumore nell'immagine, ora vi sono sistemi negli specchi che muovendoli 100 e più volte al secondo, compensano queste perturbazioni.
Dai che prima o poi potremo usare il Teletrasporto! :)

Gino il Camionista ha detto...

Dai che prima o poi potremo usare il Teletrasporto! :)

Speriamo di no, altrimenti perdo il lavoro :-)

gabriele ha detto...

Ciao Paolo, come al solito molto interessante l'articolo, ma permettimi una critica, ultimamente sto notando che molti articoli sul finale - esagero: - degenerano in attacchi verso Ruggeri, Giacobbo e simili. Premettendo che capisco l'avversione contro chi sputa sopra all'onesto duro e magnifico lavoro di scienzati e studiosi, per racimolare poca grana, mi sembra inutile e quantomai controproducente ripetere così spesso la propria avversione verso di loro. Sono stupidi, o guidati dalla sola logica del quadagno, o semplicemente dei pressapochisti? Bene facciano, noi abbiamo ben altro di cui interessarci e tu con il tuo blog spesso ci dai preziosi spunti per guardare nella giusta direzione, perché è giusto che loro dicano cosa pensano, è giusto sbufalare le idiozie che dicono, non è così carino e utile abbassarsi a denigrarli spesso e volentieri. Facendo un parallelo con la politica - ma senza entrare nel merito delle opinioni politiche - si rischia di fare la fine della sinistra che assetata dalla rabbia (a loro modo di vedere giustissima e "santissima") verso il cavaliere non perdono occasione per dargli contro: perdendo poi palesemente di vista i loro veri valori; vedi a tal proposito le lezioni di conservatorismo che la sinistra "progressista" da al premier in materia sessuale.
Scusa (e mi scusino i lettori del tuo blog che ho annoiato) per lo sfogo ma alla causa ci tengo davvero molto, e il pericolo che tutto prendi gradatamente ma inesorabilmente una piega non conforme all'idea originale è più che reale. Chiudo sottilneando come il più grande divulgatore scientifico televisivo italiano non sia mai cascato in simili trappole.
Pace gente.

Paolo Attivissimo ha detto...

mi sembra inutile e quantomai controproducente ripetere così spesso la propria avversione verso di loro.

Considera che molti lettori capitano qui per caso, magari grazie a Google o a Facebook, o perché cercano informazioni sulle trasmissioni di Ruggeri e Giacobbo, per cui non sanno nulla di quello che ho scritto in passato.


Sono stupidi, o guidati dalla sola logica del quadagno, o semplicemente dei pressapochisti? Bene facciano, noi abbiamo ben altro di cui interessarci

Indubbiamente, ma il problema, a mio avviso, è che questo atteggiamento è deleterio. Chi si occupa di scienza non può chiudersi sdegnoso in una torre d'avorio, perché quando ne esce (e prima o poi ne esce, anche solo per chiedere fondi per la ricerca) deve fare i conti con chi invece s'è fatto imbrogliare dalle scemenze trasmesse in TV.

Se non contrasti la gramigna perché speri che se ne vada da sola, ti troverai il giardino infestato. Il disinteresse di gran parte della comunità scientifica per il disastro culturale che Voyager, Mistero e compagnia bella stanno producendo è molto, molto pericoloso.


il più grande divulgatore scientifico televisivo italiano non sia mai cascato in simili trappole.

Non direi: è sua la fondazione del CICAP, proprio per sbufalare queste stupidaggini.

Lui è più signore di me. Io mordo.

Pennuto ha detto...

A proposito di gatto di Schrödinger, un Dio quantistico non l'avevo ancora preso in esame!!!
;-)
Per l'esagono non vorrei incontrare l'ape aliena che ci vive!!!
... e non stuzzicate Giacobbo e Ruggieri
Ciao
Maurizio
(orgogliosamente facente parte della lista nera della rete degli occultatori)

Domenico_T ha detto...

assumono il sapore del pane ammuffito

Non voglio sapere come tu faccia a conoscerne il sapore. Un po' come non voglio sapere chi valuta un "fantastico cibo per cani ancora più gustoso!"

Nys ha detto...

> Dai che prima o poi potremo usare il Teletrasporto! :)

Ma se abbiamo un' anima, essa verrebbe trasportata? Se no, cosa emergerebbe dall'altra parte del teletrasporto? Verremmo uccisi? La nostra vita/coscienza verrebbe terminata in partenza e dall'altra parte uscirebbe un nuovo "io", ma il primo "io" sarebbe morto?

Nys (con il mal di testa)

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

Ok, ora tutto quello che ci serve è una brugola grande 2 volte la Terra! :D

Vittorio ha detto...

ROTLF

ǚşå÷₣ŗẻễ Sei impagabile!!!

CMT ha detto...

Ma non saranno scie chimiche particolarmente ordinate? :P

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

In ogni caso Paolo Attivissimo ha ragione da vendere: in questi giorni ho un po' di tempo libero e mi sto leggendo le voci di wiki dedicate all'astronomia. È incredibile la quantità di oggetti misteriosi presenti nell'Universo, alcuni dei quali hanno comportamenti controintuitivi. :O

Potremmo epicizzare questo thread parlando delle stelle.

Appassionati ed esperti, fatevi avanti, e parlate potabile per quanto sia possibile! :D

Baund ha detto...

Post interessantissimo. Se posso, eviterei il predicozzo standard finale pero'; trovarlo in ogni articolo, per quanto possa condividere, inizia a svalutarmene il contenuto.

Baund ha detto...

Edit: ho visto solo ora il commento di Gabriele, e concordo in pieno ovviamente. So per esperienza quanto sia difficile non rispondere alle idiozie, che ormai chiunque puo' divulgare al mondo da casa propria, ma caderci di continuo rischia di ridurre il tutto a una faida da cortile delle scuole medie. Esattamente quello che gli idioti vogliono.

Elragno ha detto...

Questa è la prova che le leggi della matematica e della geometria sono innate in ogni cosa e in ogni parte dell'universo.

Turz ha detto...

@Elragno:
Questa è la prova che le leggi della matematica e della geometria sono innate in ogni cosa e in ogni parte dell'universo.

Vogliamo ritornare al famoso dibattito sulla matematica che non è una scienza?

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

Papagenoooo! ^O^

gian ha detto...

Che quella struttura dell'atmosfera di Saturno abbia a che fare con le celle di Benard (moti convettivi nei fluidi)? La struttura di queste celle è appunto a celle (approssimativamente) esagonali...
gian

p.s. il commento "Giacobbo, Ruggeri, andate a cuccia. Questa non è roba per voi." è fanatastico: Paolo, riesci ad essere veramente tagliente :-)

gian ha detto...

Googlando un po' ho visto che qualcun altro ha già avanzato l'ipotesi della cella di cui ho accennato sopra; anche se io avevo in testa le celle di Rayleigh-Benard, che sono un po' diverse da quelle di Marangoni-Benard (di cui ho appena scoperto l'esistenza) e che _forse_ meglio spiegherebbero il fenomento in un fluido a "superficie libera", cioè senza un tappo sopra.
Se qualcuno ha qualche indicazione in più, o correzione, mi piacerebbe ragionarci su
gian

Fozzillo ha detto...

ǚşå÷₣ŗẻễ,

Datemi una brugola e vi smonterò Saturno!

Mitico!

Vittorio ha detto...

La cosa grave è che se sviti il polo nord, poi il polo sud cade!

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

Sì, è come quando sviti l'ombelico e ti cade il sedere! :D

martinobri ha detto...

Potremmo dire che Dio gioca a dadi con un dado esagonale... :-)
Come si chiama di preciso il poliedro in questione?

Elragno ha detto...

@Turz:
NOOOO!
@Martinobi:
Mi sembra che non esista un solido costruito con esagoni regolari...

Anonimo ha detto...

@Martinobri: si chiama "esacerbante" :)
A parte gli scherzi, solo triangolo, quadrato e pentagono *regolari* possono essere facce di solidi *regolari*, i cosiddetti solidi platonici: tetraedro, esaedro (=cubo), ottaedro, dodecaedro e icosaedro.

alexandro ha detto...

L'esagono saturniano è l'equivalente del pentagono, però per far felice Giulietto Chiesa le rampe missilistiche ci sono, nascoste sotto il telo nero centrale.

Thomas Morton.... ROTFL!

Antonio ha detto...

Ciao Paolo,
è vero che il silenzio della scienza è pericoloso, ma per fortuna i ricercatori (quelli veri non quelli che si autodefiniscono indipendenti) hanno altro da fare che spiegare le recenti scoperte a un pubblico che non ha una formazione adeguata. Per la divulgazione ci vogliono appunto i divulgatori, per quanto la scienza possa essere interessante non batterà mai la fantasia e le paure intrinseche nella mente umana

Paolo Attivissimo ha detto...

Per la divulgazione ci vogliono appunto i divulgatori

Certamente, ma per dare autorevolezza alla discussione con i complottisti e i ciarlatani non basta un divulgatore. Ci vuole anche l'intervento e il supporto degli esperti.

Altrimenti il ciarlatano di turno ha gioco facile nel ribattere "ma tu chi sei per criticarmi? Fammi vedere la tua laurea in meteorologia / brevetto di pilota / patente di tiratore scelto / laurea in archeologia dell'America latina".

Questo è quello che lamento: noi da soli non possiamo fare tutto. Ci serve anche l'appoggio degli scienziati autorevoli. Basta una raccolta di firme fra piloti e meteorologi che dicano "le scie chimiche sono una scemenza". O di astronomi che sottoscrivano la dichiarazione "La fine del mondo nel 2012 è una scemenza".

Considera l'efficacia che ha avuto l'intervento della NASA nella questione 2012, per esempio.

Emanuele ha detto...

sono assolutamente sbalordito dalla foto..mi lascia senza fiato e coi brividi.

è bellissima, e spero un giorno il genere umano sia in grado di capirla fino in fondo :-)

paulatz ha detto...

Segnalo il ritorno di Valentin (che nel frattempo ha fatto un salto a Casablanca ed è diventato Elena) Gli ho spedito 5 video di gente che si fa male da sola cercando di fare imprese acrobatiche. Spero lo aiutino a tenersi su.

Gian Piero Biancoli ha detto...

@ Turz
"Vogliamo ritornare al famoso dibattito sulla matematica che non è una scienza?"

Why not? Aggiungiamo pure un tocco di poesia, in fondo era Galileo che diceva che "la matematica è l’alfabeto col cui Dio ha scritto l’universo." e questo sembra essere un esempio calzante.

Salutoni a tutti

gian ha detto...

Ritiro l'ipotesi di sopra, cercando un po' meglio ho trovato questo che mi pare un po' più sensato
http://tinyurl.com/y94mep7

La teoria è spiegata qui
http://tinyurl.com/yb84pxy

Diciamo che ne ho capito sì e no 1/10... il succo dovrebbe essere che a seconda della velocità di rotazione e di un altro parametro varia la forma del poligono generato nel vortice

Interessante anche questo:
http://tinyurl.com/yan3b7r

gian
gian

Domenico ha detto...

fantastico, ora iniziano a circolare anche notizie secondo cui gli scienziai indiani avrebbero scoperto la vita sulla Luna!

http://centroufologicotaranto.wordpress.com/2009/12/14/scienziati-indiani-potrebbero-aver-scoperto-la-vita-sulla-luna/

Willy ha detto...

Ci vuole anche l'intervento e il supporto degli esperti.

Psicologi e psichiatri?



PS: Finalmente mi è arrivata sull'account di libero l'email di Elena/Valentin :-D

Camicius ha detto...

la cosa che mi sconvolge sempre in merito alle affermazioni dei complottisti-ufologi-fuffologi è come riescano in modo totalmente disinvolto a selezionare le fonti. Ovvero gli indiani hanno lanciato la sonda, ha girato per un po' intorno alla luna e non ha visto le basi. Nella testa del fuffologo, ciò implica che l'agenzia spaziale indiana faccia parte del complotto rettiliano. Però, quando dice che con l'impatto hanno (forse) trovato della materia organica, tutti a dire: "ecco la prova della presenza delle basi".
La cosa che sconvolge di più è la totale e disarmante disinvoltura con cui applicano questi ragionamenti. E tra l'altro mi chiedo due cose:
- come si fa a "ragionare" con uno che è così cieco da non vedere il contorcimento?
- come fa la scoperta di sostanze organiche a confermare la presenza delle basi? Forse che il "proiettile" indiano è finito in una fossa biologica?

(di lato lascio un altro quesito: la NASA bombarda la luna, quindi grande scandalo. Se lo fa l'agenzia indiana, nessuno ne parla. COMPLOTTO!!!)

ilpitecantropo ha detto...

@jhack.it: non vorrei contraddirti ma il libro a cui fai riferimento dovrebbe essere la sceneggiatura scritta a quattro mani da Clarke e SK (poi rimaneggiata per la versione cinematografica), mentre il romanzo da cui nacque l'idea nella mente di Kubrick è stato La Sentinella sempre dello stesso Clarke, ambientato su una più prossima Luna.
Ah, visto che leggo il blog da un pò ne approfitto per salutare tutti i rettiliani e gli antigiacobbiani che lo popolano!

HotHello ha detto...

Due piccole precisazioni. "Dio non gioca a dadi" è la famosa battuta di Einstein in cui esprimeva i suoi dubbi circa la natura probabilistica della meccanica quantistica. Il tag "misteri veri" mi sembra inappropriato, in quanto la bellissima foto mostra una scoperta scientifica -per quanto inaspettata ed affascinante- che ai miei occhi non ha nulla di misterioso né di divino.

Paolo Attivissimo ha detto...

i miei occhi non ha nulla di misterioso né di divino.

A quanto mi risulta, nessuno ha per ora una spiegazione scientifica della dinamica che porta alla formazione di quella struttura, per cui secondo me è classificabile come mistero.

Soprattutto il tag "misteri veri" serve per etichettare i post che parlano delle cose veramente intriganti della scienza, in contrapposizione ai misteri di cartapesta dei vari ufologi, catastrofisti, sciachimisti e giacobbomani.

Sul fatto del divino, il titolo è una battuta. Le mie posizioni in fatto di divinità sono piuttosto note.

Robert ha detto...

"per cui secondo me è classificabile come mistero."

Chiamiamo Ruggeri? :)

Turz ha detto...

@Paolo Attivissimo:
Sul fatto del divino, il titolo è una battuta. Le mie posizioni in fatto di divinità sono piuttosto note.

Sono piuttosto noti anche gli esperimenti che fai con i tuoi gatti ;-)

@Robert:
Chiamiamo Ruggeri?

No, non capirebbe.

Spazio1999 ha detto...

Hey! C'è Paolo in diretta su R101 !!

Domenico ha detto...

Volevo solo precisare che l'articolo sensazionalistico della vita sulla Luna in realtà, se si guarda bene, dice che la sonda ha rilevato carbonio e non poteva essere diversamente dato che la composizione lunare è la stessa della terra. Da qui a dire che quel carbonio è legato a elementi di una qualsisi forma di vita ci corre come il giorno e la notte.

Gavagai ha detto...

A proposito di gatto di Schroedinger... :D

http://23.media.tumblr.com/tumblr_kscbisJGBm1qzpwi0o1_400.jpg

Turz ha detto...

Mi sembra che non esista un solido costruito con esagoni regolari...

L'esagono ha gli angoli di 120°, se ne attacchi 3 hai già fatto 360° e quindi la superficie rimane piatta, il solido non si riesce a chiudere.

Camicius ha detto...

è una delle cose che mi affascina della geometria solida. Perché passando da due a tre dimensioni, si passa da infiniti a cinque?
E se le dimensioni spaziali fossero quattro? Quanti ipersolidi quadridimensionali regolari ci sarebbero???
Boh!

Lorenzo Daini ha detto...

Sono un Geologo, volevo solo dire che forme esagonali sono presenti in natura anche in alcuni tipi di basalti, i famosi basalti colonnari presenti in Irlanda ad esempio, in Islanda, a pantelleria ecc
vi mando il link
http://www.torinoscienza.it/img/200x200/it/s00/00/0010/00001078.png

Hanmar ha detto...

Oh, un collega! :D

Caro Lorenzo, hai perfettamente ragione.
Solo che se rammento bene le strutture esagonali dei basalti sono da ritiro, secondo i piani di minima mentre queste sono da... boh, probabilmente delle risonanze delle correnti.

Saluti
Michele

Fabrizio ha detto...

non ho il tempo di verificare che i meccanismi siano stati compresi fino in fondo, ma questo articolo dovrebbe parlare proprio del caso in questione
http://tinyurl.com/ya3s2sa

Zanna ha detto...

guarda che Dio gioca a dati eccome, in questo caso ne stava usando un di tipo 3 e gli è "scappato" su Saturno, l'unica cosa che mi chiedo è la misura della chiave per stringerlo :D

Pax ha detto...

@Zanna e a Paolo

Dio gioca a dadi e' quello sembra proprio la sagoma di un dado da 20!!!
E magari ha fatto pure un bel 20 con conseguente colpo critico! Non oso pensare l'arma!!! Sara il classico "Martello degli Dei"? ARTEFATTO!!! (Chicca per i giocatori di D&D AD&D e tutto quello che ne consegue)

Pax ha detto...

Eccolo qui il mitico dado!

Gavagai ha detto...

@Camicius
Perché passando da due a tre dimensioni, si passa da infiniti a cinque?
Se vuoi il mio parere, e' perche' ogni volta che si aumenta di una dimensione, aumentano le condizioni richieste per creare una figura regolare. Esempio: in due dimensioni basta che angoli e lati siano uguali. In tre occorre anche chiedere che in ogni vertice si incontrino lo stesso numero di superfici. In quattro occorre in piu' anche il fatto che in ogni vertice si devono incontrare lo stesso numero di "solidi". E cosi' via...

E se le dimensioni spaziali fossero quattro? Quanti ipersolidi quadridimensionali regolari ci sarebbero???
Questa la so! In quattro dimensioni ci sono sei politopi (ovvero figure quadridimensionali) regolari: agli "equivalenti" dei solidi platonici in 4d si aggiunge il 24-celle, che nel mondo "di qua" non esiste. Poi, da cinque dimensioni in avanti, la cosa si stabilizza: per 5 dimensioni ci sono solo piu' 3 "figure" regolari, e cosi' pure in 6, 7, 8, 1000... dimensioni (ovvero l'equivalente n-dimensionale del tetraedro, quello del cubo e quello del suo duale, l'ottaedro). Se vuoi approfondire l'argomento ti consiglio questa rivista di matematica ricreativa (Rudi Mathematici, pag. 28 del numero 82): http://www.rudimathematici.com/archivio/082.pdf

Saluti!

Salvatore ha detto...

Questo può aiutare?

http://it.wikipedia.org/wiki/Ipercubo

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

"In quattro dimensioni ci sono sei politopi"

Paolo sarebbe felicissimo :P

theDRaKKaR ha detto...

sono anche notevoli, seppure poco misteriosi, i vortici "classici" all'interno del vortice esagonale

l'emozione che mi danno queste immagini è quasi mistica

Alessandro ha detto...

"Dio gioca eccome ai dadi"

http://it.wikipedia.org/wiki/Dado_(meccanica)

Turz ha detto...

"In quattro dimensioni ci sono sei politopi"

Paolo sarebbe felicissimo :P


Il politopone o i suoi poligatti?

Mimmo ha detto...

La forma regolare è "facilmente" spiegabile secondo alcuni studi: http://tinyurl.com/polyvort
purtroppo il video non riesco a trovarlo, è comunque presente su youtube, e hanno dimostrato come dei fluidi in rotazione, in determinate circostanze riescono a produrre forme geometriche pseudo-regolari.
Uno degli articoli è qui http://tinyurl.com/polyvort2

gian ha detto...

@Mimmo
probabilmente ti riferisci ai filmati che avevo linkato sopra: gli autori sono gli stessi dello studio da te indicato...
http://tinyurl.com/yan3b7r
gian