skip to main | skip to sidebar
24 commenti

E con questo fanno otto capitoli pronti per togliersi i dubbi sugli sbarchi lunari

Complice la piovosissima giornata al Maniero Digitale, ho finito di aggiornare massicciamente l’ottavo capitolo della versione ampliata e aggiornata di Luna? Sì, ci siamo andati, il mio libro gratuito di risposte alle tesi di complotto intorno agli sbarchi sulla Luna.

Questo capitolo si concentra sulle presunte impossibilità fisiche delle missioni lunari sostenute dai lunacomplottisti, prima fra tutti la questione delle fasce di Van Allen (vero e proprio tormentone complottista) e include anche vari video esplicativi.

Il libro è stato già sfogliato da circa 152.000 visitatori da dicembre scorso; il dubbio più letto riguarda il presunto mistero delle ombre parallele.

Non c’è ancora stata nessuna risposta, da parte dei lunacomplottisti, alla mia proposta di recensire American Moon, il nuovo video che sostiene le loro tesi, se viene fatta una donazione a Medici Senza Frontiere. A volte il silenzio spiega più di mille parole.


Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi è piaciuto, potete incoraggiarmi a scrivere ancora facendo una donazione anche voi, tramite Paypal (paypal.me/disinformatico), Bitcoin (3AN7DscEZN1x6CLR57e1fSA1LC3yQ387Pv) o altri metodi.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (24)
Ben fatto Paolo !!!
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ciao Paolo, a parte i complimenti per il fantastico lavoro che stati facendo, ti segnalo un'immagine non visibile: Figura 8.13b.
Bravissimo Paolo, complimenti perché con la tua passione condivisa da molti di noi, mantieni vivo il ricordo della più grande impresa umana al di fuori del nostro pianeta. A poco a poco i grandi protagonista di questa Storia (con la S maiuscola) se ne vanno è dunque importante che vi siano documenti come questo bellissimo libro per una memoria presente e futura. Ancora grazie Paolo!
La mancata accettazione della recensione di American Moon (a condizioni che accetterei in 3 nanosecondi se fossi convinto della validita' del video) effettivamente la dice lunga...
Per il resto, complimenti per il continuo aggiornamento del libro.
Fabio Tamborini,

Paolo hai intenzione di debunkerare la spazzatura di Mazzucco se esce online su youtube ? =)

Premesso che il libro inevitabilmente smonta anche quello (che oltretutto non è neanche materiale originale), no. Ho già spiegato le circostanze nelle quali lo farei, ma finora nessuno si è sentito sufficientemente motivato da fare donazioni in beneficenza.
Maxi62b,

ti segnalo un'immagine non visibile: Figura 8.13b.

Grazie dei complimenti: mi risulta visibile. Hai provato a ricaricare la pagina?
Paolo, per il fatto della stupidata che samantha cristoforetti avrebbe negato gli allunaggi insieme ad un altro astronauta sulla ISS https://complottilunari.blogspot.it/2016/05/davvero-un-astronauta-della-stazione.html sarebbe possibile tipo contattarla e chiederglielo ? mettendo cosi fine a questa stupidaggine =)
Paolo, io vedo la Figura 8.13b, ma non vedo la Figura 8.12a.
anzi no fa niente tanto se lo fai diranno che ti sei inventato tutto, sono senza speranza !!!
Paolo: in questa frase nel capitolo 8.1, al mio orecchio c'è una 'e' di troppo, dopo fasce di Van Allen:
"La sensibilità dei componenti elettronici alle particelle cariche è un aspetto delle fasce di Van Allen e spesso trascurato dai non esperti ed è un problema tecnico che va affrontato da ogni satellite che le attraversi frequentemente."
Roberto,

ho tolto la "e" di troppo. Grazie di averla snidata.


La Figura 8.12a è un video di Vimeo, che è presente. In che senso non la vedi? Cosa vedi al suo posto? Su che dispositivo stai leggendo? Grazie.
Fabio,

per il fatto della stupidata che samantha cristoforetti avrebbe negato gli allunaggi insieme ad un altro astronauta sulla ISS https://complottilunari.blogspot.it/2016/05/davvero-un-astronauta-della-stazione.html sarebbe possibile tipo contattarla e chiederglielo ?

Sarebbe senz'altro possibile, ma visto che è Terry Virts che parla, dovrei contattare lui. E' disponibilissimo, lo farò quando avrò finito gli aggiornamenti degli altri capitoli.
La leggo da sempre ogni giorno. Mi permetta di segnalarle un piccolo errore di battitura: Capitolo 8.9 - ...fotocamere apposite che contenevani
Buongiorno, le segnalo che il capitolo 8.3 sembra la copia del capitolo 8.2. Grazie per il suo lavoro.
Paolo: non vedevo la fig. 8.12a perché è un video di vimeo, e di default non ho abilitato vimeo in NoScript. Non avevo notato che NoScript mi segnalava il link bloccato.
Ottimo lavoro e capitolo molto, molto interessante.
Ernesto, dnapo,

grazie delle segnalazioni: ho corretto il refuso e sistemato il link nell'indice.
L'espressione nel libro sulla radioattività delle fasce di van allen
"non sono raggi gamma, raggi X o altre forme di radiazione altamente penetranti e dannose"
"non si tratta di emissioni radioattive, ma di particelle cariche"
E' fuorviante.

Tutte le radiazioni o particelle ad alta energia sono pericolose e anche se non penetranti interagendo con la materia possono produrre raggi X.

Ricordo che in realtà anche qui sulla terra siamo continuamente esposti a particelle cariche ad altissima energia, la chiave di volta è la statistica, sono pericolose? si, ma anche a Chernobyl possiamo rimanere per pochi secondi ad una certa distanza da un nucleo fortemente radioattivo senza avere effetti collaterali, l'importante è rimanere esposti il meno possibile anche se la fonte è densamente energetica.
Ciskje,

Tutte le radiazioni o particelle ad alta energia sono pericolose e anche se non penetranti interagendo con la materia possono produrre raggi X.

Certo. Infatti i video e le fonti che cito parlano anche di questo fenomeno. Ma sono raggi X secondari, prodotti dall'interazione, non raggi X "nativi".

Quello che sto cercando di spiegare nel testo è che si tratta di particelle che hanno un livello di pericolosità inferiore (a parità di tempo di esposizione) rispetto a raggi X o gamma e sono più facilmente schermabili. Tu come riformuleresti, tenendo presente che ci si rivolge a un pubblico non necessariamente esperto di energia nucleare?
Ok va bene Paolo =)
Paolo Attivissimo ha commentato:
Maxi62b,

ti segnalo un'immagine non visibile: Figura 8.13b.

Grazie dei complimenti: mi risulta visibile. Hai provato a ricaricare la pagina?

SI, grazie, ora vedo tutte le immagini... forse il problema era quello.
Capitolo 5.1
"L’operazione di inserimento della pellicola nel caricatore era piuttosto complessa e delicata, come mostrato nel video seguente, riferito a una fotocamera molto simile a quella usata sulla Luna (ma con un rullino molto più piccolo di quello Apollo, visibile invece in Figura 5.1e), e veniva effettuata dai tecnici prima della partenza dalla Terra."
Il rullino non è molto più piccolo ma molto più corto. Significa che il formato della foto è lo stesso ma che puoi fare molte meno foto.
Scatola Grande,

grazie della correzione. Ho sistemato il testo.
È molto divertente vedere come i lunacomplottisti, nel caso delle macchine fotografiche, dimentichino completamente come funziona la conduzione del calore nel vuoto, mentre invece, sembra se ne ricordino benissimo quando si parla della dispersione delle tute... Cioè, secondo loro, in nel primo caso il vuoto conduce tanto da far raggiungere la temperatura del suolo ad un oggetto tenuto in mano da un astronauta, mentre nell'altro, dovrebbe comportarsi da perfetto isolante e far bollire chi sta dentro la tuta. La cosa incredibile è che in tutti e due i casi, prendono delle cantonate colossali.
Comunque, davvero un ottimo lavoro Paolo! Grazie! :)