Cerca nel blog

2009/06/08

Astrocastronerie svizzere

Asteroide passerà a 67.000.000 km dalla Terra: ma per i giornalisti "sfiorerà" il nostro pianeta


Esiste un termine italiano efficace e conciso per identificare l'analfabetismo numerico, ossia l'incapacità patologica di capire anche solo vagamente il significato dei numeri? Gli anglofoni hanno il magnifico innumeracy, coniato sullo stampo di illiteracy (analfabetismo). Ho trovato discalcolia o discalculia, che suona un po' come una malattia intestinale imbarazzante, e in effetti è un'assonanza piuttosto calzante.

Lo chiedo perché oggi m'è capitata sott'occhio l'ennesima dimostrazione che la discalcolia è una tara diffusissima fra i giornalisti, e comincio a pensare che vi sia una sorta di selezione darwiniana alla rovescia: ma per ora non mi è chiaro se si diventa giornalisti perché si è discalcolitici (essendo precluso ogni altro sbocco), oppure si diventa discalcolitici perché si è giornalisti.

Se quelli italiani ci hanno allietato — si fa per dire – con le loro perle sul mondo dell'aviazione con il disastro dell'Airbus francese e Lilli Gruber ha chiesto se i pannelli fotovoltaici funzionano soltanto di giorno (grazie a Mattia per il video), quelli svizzeri non se la cavano molto meglio.

Oggi è infatti uscita la notizia che è stata ufficializzata l'identificazione del quarto asteroide di tipo NEO (Near Earth Object) scoperto dagli astronomi svizzeri. Denominato 2009 KL2, con un diametro di 800 metri, è il primo scoperto dagli astronomi amatoriali di questo paese. Un bel risultato. Peccato che secondo Ticinonline l'asteroide a settembre "sfiorerà il nostro pianeta a 67 milioni di chilometri di distanza".

Il concetto viene ribadito con un titolo che sembra un preludio alla catastrofe: "
L'asteroide "2009 KL2" sfiorerà la Terra". Ma come si fa a scrivere che un coso che passa a sessantasette milioni di chilometri ci "sfiorerà"? 67 milioni di chilometri sono 170 volte la distanza dalla Terra alla Luna. Sono poco meno della metà della distanza dalla Terra al Sole. Sono il doppio della distanza minima fra il pianeta Venere e la Terra. Scrivere che l'asteroide "sfiorerà" la Terra è come dire che un ruttino di Carla Bruni a Parigi mi scompiglierà i capelli a Lugano.

Purtroppo i miei colleghi della RSI (Radio Svizzera di lingua italiana) non se la cavano meglio: anche per loro "Un enorme asteroide s'avvicina alla terra" e "Il corpo celeste dovrebbe sfiorare la terra -ad una distanza di 67 milioni di km- ad inizio settembre." Va meglio con il Corriere del Ticino, ma soltanto dopo l'intervento del giornalista scientifico Marco Cagnotti, dal quale ricevo i parametri orbitali aggiornati dell'asteroide forniti dal Minor Planet Center: indicano un MOID (distanza fra i punti più vicini delle orbite di due corpi celesti) di 0,1595 unità astronomiche, pari a 23,8 milioni di chilometri, ossia un sessantina di volte più distante della Luna.

Poi non lamentiamoci se c'è gente che crede che nel 2012 arriverà di soppiatto un intero pianeta, Nibiru, a farci una visita a sorpresa con cataclismi annessi.

90 commenti:

Caigo ha detto...

Sii paziente :-)
I giornalisti hanno da sempre il senso del drammatico.
Ogni volta che nei tg li vedo parlare di "cose spaziali" mi aspetto sempre di sentirli annunciare un'invasione aliena solo perchè hanno trovato uno scarafaggio in bagno.

Bera ha detto...

Ciao Paolo, per la TV Svizzera non ci sono giustificazioni però in Italia 67 milioni di km non sono molti.E'la distanza da dove trovo parcheggio ed il centro di Milano quando ci vado in macchina.
PS
Non per difendere la Gruber però lei non sapeva una cosa e l'ha chiesta.
Ci si può stupire dell'ignoranza (oltretutto lei proviene dall'unica zona d'Italia dove i fotovoltaici sono presenti in percentuali decenti) però chiedere quando non si sa mi sembra lecito ed onesto, il problema sono gli altri tromboni che affermano con sicumera su argomenti di cui non sanno nulla.
Va bhe, vado a riprendere la macchina.Ci risentiamo tra un quintale di gigabite di anni luce.

Gian_Ibanez ha detto...

Paolo, tu sei il re indiscusso dei paragoni assurdi ahahaha

Andrea g ha detto...

Beh ma se è a solo 23 milioni di chilometri allora l'asteroide ci scompiglierà veramente tutti quanti...!!! Ahahah!!!

axlman ha detto...

Discalcolitico mi suona male assai, sembra la definizione di chi non soffre di colite e/o di calcoli renali: propenderei per discalcolico (e lascerei decisamente perdere i corrispettivi termini con con la u al posto della o per ovvi motivi).
Sui dizionari non l'ho trovato, in nessuna delle due versioni, ma in rete si trova solo, appunto, discalcolico.

Dario ha detto...

Visto che l'hai citato, chiosa su Nibiru.

Gli astrofili hanno "beccato" un sasso di 800 metri e Mv 18 e spiccioli (secondo le efemeridi che hai pubblicato).

Qualcuno dei proponenti la t...
la tes....

Non ce la faccio.

Qualcuno dei proponenti la cavolata di Nibiru saprebbe spiegarmi come accidente fa a nascondersi un pianeta con massa "pari ad almeno quattro volte quella della terra"?

Leibniz Reloaded ha detto...

Paolo, consiglio piuttosto di parlare di "afasia matematica" o "acalculia", ambedue espressioni tecniche che uso da gran tempo, prese a prestito dai corposissimi librazzi della cognata psicologa - tomi ai quali ormai mi viene precluso l'accesso in mobili sotto chiave, ché ormai si sa per certo che sono ipocondriaco come Jerome K. Jerome (e Bill Bryson, per restare in tema): non riesco ad arrivare in fondo ad un foglietto illustrativo dei medicinali senza esser giunto al riconoscimento sistematico di ogni sintomo nominato, fino alla irrefutabile conclusione che di ogni e qualsiasi malattia ivi elencata, e nella peggior forma conosciuta, ho sempre sofferto fin dalla più tenera età...

theDRaKKaR ha detto...

@ bera

lo spezzone che hai visto è di una puntata della sua trasmissione "Otto e mezzo" mandata in onda il 6 giungo, giornata mondiale dell'ambiente, e per scelta redazionale (ovvero almeno solo sua, al massimo anche sua) dedicata al clima.
Ora, io non voglio che mi studi, prima di fare una trasmissione su questo argomento, le specifiche di tutti i modelli di pannelli fotovoltaici, ma sapere almeno le basi...

Gian_Ibanez ha detto...

Dario, non è vero che si nasconde. anzi, tutt'altro! addirittura, in questo video ( http://www.youtube.com/watch?v=kDJZ-x_E06I )quando viene ruotata la videocamera si muove per attirare l'attenzione!

Rodri ha detto...

Beh però se la Bruni il rutto lo fa molto rumoroso, chissà?

Se sottoponessimo la questione alla redazione di Ticinonline (che già a marzo mi ha apostrofato con un "E tu che ne sai" quando gli ho detto che un asteroide di cui parlavano non era grande 30-40 chilometri bensì 30-40 metri), risponderebbero che l'articolo è copiato tel quel dalla notizia diffusa dalla ATS, l'Agenzia Telegrafica Svizzera.

Quindi a ben guardare la scivolata assume dimensioni più gravi.

theDRaKKaR ha detto...

per chi volesse vedere la trasmissione per intero
qui

theDRaKKaR ha detto...

se leggete i commenti al video postato da ibanez vi fate un sacco di grasse risate

uno per tutti:
maya sapevano tutto ... conoscevano l'orbita d questo ianete fata qualke calcolo e lo scoprirete... e noi li abbiamo distrutti i soli ke potevano forse salvarci ... dio non può aiutarci il nulla nn può aiutarci... i soli che possono ankora forse fare qualcosa se non è trp tardi siamo noi stessi

Zatoichi ha detto...

Non per fare l'avvocato difensore della Gruber, ma c'è un motivo per cui ha fatto quella domanda: uno degli ospiti ha detto, nel criticare il fotovoltaico, "non c'è modo di far brillare il sole di notte".
Per cui, successivamente, la Gruber ha fatto quella domanda ad un altro ospite.
Qui la puntata
http://tinyurl.com/5kxwmu
min 24:40

alexandro ha detto...

TheDrakkar
Quando posti certe cose non dimenticare un link al dizionario bimbominkiese :-)
Forse trovo una piccola giustificazione allo sfioramento. Normalmente la gente non pensa in cifre così grandi in termini di distanze e visto che si parla più spesso di anni luce, può darsi che menzionare semplici km abbia tratto in inganno qualcuno, poi gli altri hanno fatto il solito copiaincolla senza rifletterci.
Nibiru? Forse qualcuno dovrebbe passare lo straccio sulla lente del proprio telescopio, e magicamente scomparirebbero innumerevoli corpi celesti in rotta verso la terra.

juhan ha detto...

E che dire di "Marte grosso come la Luna" degli americani?

juhan ha detto...

@ Leibniz Reloaded
Moooolto OT: dovresti, anzi devi assolutamente, farti un blog. I tuoi commenti sono sempre illuminanti ma non mi bastano più. Lo so che hai già tante cose da fare ma pensa a noi (nel senso che sono convinto ci sono in giro altri come me, al limite nella coda lunga). Fallo!

Massimo ha detto...

Il giorno che Carla Bruni butterà il ruttino scompigliatore capirò che c'è gente che davvero ha scoperto il vero senso del rutto e ha imparato la sua arte :)

Massimo ha detto...

Come sempre il titolo che prelude il disastro fa sempre scena :)
E questo di certo viene impartito ai giornalisti in una qualche scuola...

mattia ha detto...

Paolo, sì e no. La discalculia è l'equivalente numerico della dislessia. Ci sono diverse forme di discalculia. In alcuni casi la persona con discalculia ha solo problemi "a far di conto" perché non capisce che ruolo hanno i numeri nel calcolo ma capisce i rapporti di grandezza (cosa è grande e cosa è piccolo). Altre volte invece (e qui hai ragione), chi ha la discalcolia per esempio considera un numero grande, solo perché ha tante cifre dopo la virgola.
Però non è l'equivalente dell'analfabeta matematico!!!
Perché il discalcolico, se indirizzato bene, è capace di usare gli strumenti matematici. Delle volte anche benissimo. Ha solo dei blocchi mentali su alcuni dettagli.

mattia ha detto...

@Zatoichi
L'affermazione del Prof. Battaglia voleva essere un'assurdità per dimostrare che le energie alternative non sono vincenti.
Dice lui: vabbe', il rendimenti dei pannelli fotovoltaici è basso e fintanto che non sappiamo come aumentarlo, non posso far brillare di più il sole (sottointeso, mentre una centrale termica posso farla funzionare più ore al giorno - fondamentalmente quando voglio io).
Ha fatto l'assurdo per poter portare la ragione dalla sua parte.

E se hai qualche dubbio sul fatto che la gruber abbia detto una vaccata, guarda le facce delle altre persone nei momenti successivi. Battaglia sembra che stia scoppiando a ridere...

Personalmente non ho difficoltà a credere che abbia questa ignoranza tecnica. E la cosa che mi fa rabbia è che gente come lei sedeva al Parlamento Europeo, decidendo le nostre sorti energetiche. Mah...

Anonimo ha detto...

@Paolo

A giudicare dalle tue foto più recenti, qualche ruttino della Bruni deve essere arrivato a scompigliarti (e strapparti) i capelli! :)Ð

talpazzo ha detto...

Per fortuna c'è Cagnotti!!! Quell'uomo è un King :-) L'ho avuto come docente al liceo...
Quando ha letto gli articoli citati avrà sicuramente avvertito il rutto di Carla Bruni raggiungere la Svizzera...

CMT ha detto...

Scrivere che l'asteroide "sfiorerà" la Terra è come dire che un ruttino di Carla Bruni a Parigi mi scompiglierà i capelli a Lugano.

Be', ma questo è anche possibile, vedasi la famigerata farfalla che batte le ali ecc. ecc. (credo che i rutti della Bruni siano appena appena più possenti di un battito di ali di farfalla...) ^_-

psionic ha detto...

"è come dire che un ruttino di Carla Bruni a Parigi mi scompiglierà i capelli a Lugano"

Il che, secondo Lorentz, è più che possibile! :-D

Peccato che il clima sia un sistema caotico, ma lo spazio non troppo...

Bera ha detto...

@theDRaKKar

Perfettamente d'accordo sul fatto che la Gruber poteva prepararsi meglio.Io volevo semplicemente dire che il non sapere una cosa, ed ammetterlo, mi sembra un livello di cialtroneria accettabile. Soprattutto nel panorama dei talk-show televisivi italiani (sull'estero non so e non mi pronuncio)dove, presentatori ed ospiti, affermano con sicumera su argomenti di cui non sanno un piffero usando termini inglesi e scientifici ad minchiam.Potrei fare decine di esempi: da Costanzo che spiega vita, morte e miracoli dei coccodrilli bianchi delle fogne di NY ai deliranti consigli medici di Eleonora Brigliadori (che sarebbe da denunciare) ma non voglio andare OT.
In questo desolante panorama una come la Gruber la considero già un passo avanti.Bisogna sapersi accontentare.

lory2k ha detto...

Anch'io voglio spezzare una lancia a favore della Gruber (che in genere mi sta antipatica e non reputo nemmeno una troppo brillante): il suo discorso secondo me era molto più avanti. Cioè lei dava per scontato che il pannello fotovoltaico di notte non potesse godere della luce del sole, ma si domandava se fosse in grado, tramite accumulatori di fornire comunque energia. Secondo me ci poteva stare la domanda....

ZeD ha detto...

Ok, ora finisco a fare una figura pure peggio della gruber, ma... e la luna?
Intendo, alla fine l'albedo lunare non potrebbe *comunque* permettere di sfruttare (ovviamente con un rendimento inferiore) i pannelli fotovoltaici anche di notte?

mattia ha detto...

ad essere puntigliosi si potrebbe anche domandare: di notte... ma dove e in che stagione? Cioè, se sei in Norvergia, a luglio, probabilmente funzionano anche alle undici di sera.

(tra parentesi, ero a stoccolma due settimane fa... e vedere che il sole andava giù e risaliva in tre ore è una sensazione stranissima)

Dan ha detto...

Mah, discorsi precedenti di ospiti o meno, io non pretendo che la Gruber mi venga a descrivere il fenomeno fotoelettrico del salto elettronico in seguito all'assorbimento dei fotoni... ma nessuno con un minimo di sale in zucca farebbe un discorso del genere.

Per Bera:
il non sapere una cosa e chiedere, è accettabile. Il non sapere una cosa arcinota, e candidamente chiedrela in trasmissione come "domanda tecnica", è da asini completi. Voglio dire, ha chiesto "i pannelli fotovoltaici fanno energia con la luce?" che è come chiedere "la Terra è tonda?" a Margherita Hack. E' una cosa che anche i bambini piccoli sanno.

Per Zed:
in teoria sì, in pratica no. Ovvero, anche la luce lunare può attivare un certo effetto fotoelettrico, però è troppo debole e già il rendimento del fotovoltaico è abbastanza basso; in più è anche più discontinua del sole (raggiunge il massimo solo una volta ogni 28 giorni). E' ininfluente.
Stessa cosa per la Norvegia: il sole di mezzanotte è troppo obliquo e debole per avere rendimenti significativi.

Lo "sfioramento" a milioni di chilometri è semplicemente perchè il titolo con "qualcosa che si avvicina molto vicino alla Terra" fa effetto, punto. Non è che stanno a valutare quanto siano i milioni o miliardi o che non siano capaci di concepirlo, è solo che non gli importa. L'importante è l'articolo con il titolone altisonante.

Rado il Figo ha detto...

Non sono d'accordo: magari è noto a te, ma la prima domanda che sento fare dai non adepti è "ma i pannelli solari come funzionano di notte". Ergo, per te magari sarà ovvio, per molti altri no.

Poi non capisco in generale: ma come, partendo dal principio che non si può essere onniscienti prima si sbertucciano i giornalisti perché dopo una rapida leggicchiata sull'argomento iniziano a parlarne come esperti ed ora che qualcuno chiede (magari su un aspetto ovvio per chi conosce le cose) viene ancora sbertucciato?

Poi, mica è detto che se un qualcosa è "noto" come tale a tutti, ciò è vero (a meno di non essere in Uicchipedia): prova a chiedere in giro se a calcio per il fallo di reazione è prevista l'espulsione e senti un po' che risposte ti danno.

Anonimo ha detto...

Oh mio dio!!! La Luna in questo momento ci sta sfiorando a soli 380.000 chilometri, presto! Facciamo qualcosa!

martinobri ha detto...

prova a chiedere in giro se a calcio per il fallo di reazione è prevista l'espulsione e senti un po' che risposte ti danno.-

Secondo me sì. Sbaglio?

usa-free ha detto...

67 megabite di chilometri dalla Terra? Possiamo stare tranquilli allora! ;)

BewareOfTheVlaPlayer ha detto...

Posto che già il nome di "pannelli solari" o "pannelli fotovoltaici" dovrebbe far dedurre ai più che probabilmente la presenza del sole è un fattore non marginale per il funzionamento della cosa, che la tecnologia solare è presente nel suo piccolo nella vita di tutti i giorni (calcolatrici solari ecc.), e che quindi la domanda della Gruber mostra una lacuna su cose che lacune ormai non dovrebbero presentare, bisogna anche considerare che se lacuna deve esserci, non può riguardare una persona che
1) E' strapagata per fare informazione
2) Ha ricoperto ruoli politici (strapagati) in Europa, dove i dibattiti sull'energia sono all'ordine del giorno
3) Fa pesare le sue (infondate) opinioni in riguardo
4) Ha gestito l'intera trasmissione incriminata in maniera irriverente innanzitutto nei confronti dell'ospite in collegamento video (nn ricordo il nome), ridicolizzandolo soprttutto verso la fine della trasmissione.

Che una così ancora si chieda se i pannelli funziano di notte non è ammissibile in nessun caso

Verzasoft ha detto...

Rado,

cioè fammi capire,
se tu vai da una persona di media cultura (non un bovaro che vive fuori dal mondo, ovvio), che ha letto (e scritto) parecchio, che ha trattato e sentito trattare temi come l'energia e gli chiedi se "i pannelli solari funzionano col sole" c'è una buona possibilità che non sappia risponderti?

... non t'offendere, ma in quel caso o quello che hai di fronte è meglio che cambi mestiere e faccia, che so, il contadino (che non necessita di pannelli solari) o c'hai molta ma molta sfiga.

Leibniz Reloaded ha detto...

Quando ho iniziato a baloccarmi coi pannelli solari per i mezzi mobili, qualche anno fa, una delle domande più intelligenti che ho sentito da un profano suonava più o meno "Ma non è che di notte 'sti cosi assorbono corrente dalle batterie ?".

In ogni caso, pur tra molte contestazioni e con qualche eccesso, Battaglia ha pienissima ragione a ridicolizzare i dogmi del fondamentalismo ecologista e il pensiero "dominante" che attribuisce effetti esiziali sul clima alla limitata azione antropica.

Non esiste una singola fonte energetica "alternativa" dei sogni: tra l'altro, onirismo per onirismo, tanto vale sognare che di reattori a fusione calda D-D o D-T come ITER ne avremo presto a centinaia.

Peraltro, dati come questi erano sul "Giornale dell'Ingegnere" (organo dell'Ordine milanese) qualche anno fa:

- Un pannello solare costa 10 volte più di un motore diesel;

- Ha un rendimento relativo inferiore alla metà rispetto al medesimo motore;

- E' fruibile per meno di un quinto del tempo.

Il rapporto complessivo è pari a 1:100, per non dire del costo energetico dell'intero processo produttivo (calcolato in 320kWh complessivi per un singolo modulo Siemens da 140W).

Prego comunque di evitare inutili e noiose polemiche sui numeretti: decimale più, decimale meno, e waporware Boeing a parte, il rendimento intrinseco del silicio monocristallino non dovrebbe essere cambiato dall'epoca in cui ho letto questi dati (2001-2002).


@ Juhan: troppo buono. E poi, hai visto il mio carnet generale nel mio profilo: scriverei poche volte all'anno. A meno che tu non abbia qualche piacente zia over50 plurimiliardaria da presentarmi... ;)

Brazov ha detto...

I giornali devono vendere. E' garantita la consueta dose settimanale non solo di asteroidi che sfiorano la Terra, ma anche di ondate di gelo polare (leggi una deviazione standard sotto la media del periodo), di caldo torrido, di strage sulle strade: si considera una strage quando in un fine settimana si hanno più di venti morti, però provate a calcolare 5100 morti all'anno diviso 365 per i due o tre giorni del fine settimana, ecc. ecc.

Rado il Figo ha detto...

Verzasoft: hai completamente invertito il senso di quello che ho detto. Ergo inutile risponderti.

Martinobri: sbagliato :-)

Verzasoft ha detto...

@ Rado

Aiò, e allora non ho mica capito...
Bon, niente.

TNT ha detto...

Anche io non credevo a Nibiru ma poi ho visto queste prove inconfutabili:

http://forgetstupid.com/wp-content/uploads/2009/03/fake-planet-x-nibiru.jpg

Rado il Figo ha detto...

Neda problema, verzasoft.

Elle ha detto...

Oooooh! Finalmente si sbagliano anche gli svizzeri!

Orsovolante ha detto...

hai nuovamente fatto incavolare straker :-)

http://www.tankerenemy.com/2009/06/disinformazione-da-manuale.html#c5280466027158160878

Santana ha detto...

Paolo, hai sicuramente ragione sugli strafalcioni dei giornalisti; ma cosa dovremmo pensare allora del buio totale sulle cause del disastro dell'Airbus francese?

In quel caso, sono stati proprio gli esperti a propinarci almeno una decina di ipotesi diverse e tutte rigorosamente sbagliate!

Orsovolante ha detto...

@santana

Guarda che gli esperti non si sono ancora pronunciati (non basta essere piloti per essere esperti in indagini tecniche)

Semplicemente ci vorranno mesi prima di avere dati sufficienti per formulare un ipotesi credibile.

Le uniche fonti attendibili sono quelle delle autorità tecniche FAA, EASA ecc. o le agenzie sicurezza volo, al limite l'operatore ed il costruttore.

I giornalisti anche in questo caso hanno detto spesso un sacco di cavolate.

Paolo Attivissimo ha detto...

hai nuovamente fatto incavolare straker :-)

Non ci vuole molto, mi pare.

Certo che deve fare una vita molto grama, sempre arrabbiato com'é. Per non parlare del fatto che è convinto che moriremo (quasi) tutti ammazzati dalle scie chimiche... che allegria.

E noi Scettici Allegri ci divertiamo come matti alle sue castronerie d'inglese e al suo continuo prendere due di picche dagli uffici di copyright di Google ai quali si rivolge, convinto che ascoltino tutti i suoi deliri interpersonali.

Grazie, Straker. Sei il migliore alleato di chi vuole ridicolizzare il movimento delle "scie chimiche". Persino su Luogocomune hanno preso le distanze dalle sue sparate, ed è tutto dire.

Fra l'altro, le scie chimiche non dovevano causare siccità epocali? Qui a Lugano piove da giorni e adesso c'è un temporale pazzesco... avranno invertito i rubinetti dei tanker :-)

Orsovolante ha detto...

@paolo

Se piove è colpa delle scie
Se c'è sicità è colpa delle scie
Se si formano le nuvole è colpa delle scie
Se si disfano le nuvole è colpa delle scie

Il tutto spesso tutto insieme negli stessi commenti di un unico articolo.

Però bisogna fare i complimenti ai piloti dell'NWO (adesso SMOM).

Volano diritti per centinaia di chilometri e riescono senza fare nemmeno una virata a passare su un povero cumulo che quando sono decollati ancora nemmeno si era formato.

Sarà merito dei loro impianti bioplasmatici?

TNT ha detto...

Ma SMOM si puo' dire o e' troppo volgare?

puffolottiaccident ha detto...

Il diavolo é padre della menzogna, la menzogna é madre del giornalismo, chi manda un giornalista al diavolo lo manda a trovare suo nonno.

Riguardo alla fine del mondo nel 2012...
un paio di cianfrinate a gratis non guasterebbero, ma al di lá di questo dettaglio...
Figata, cosí non finisco di pagare la macchina!!

Anonimo ha detto...

Beh i giornalisti* cercano sempre di fare sensazionalismo, se ci fai caso, ogni estate c'è il "caldo record", ogni inverno c'è il "freddo record" (ma la nevicata del 1986 non se la ricorda nessuno?) ogni autunno l'allarme pioggia e così via...
A me è sempre parso naturale che d'estate faccia caldo e d'inverno faccia freddo, e infatti è da un pezzo che non accendo più la televisione, per le notizie Internet è una fonte molto più vasta, solo che bisogna fare la "fatica" di accendere un po' il cervello e non prendere per oro colato tutto quello che si legge... (Solo che se leggo il giornale non posso verificare, su internet si...)

*mi stavo quasi dimenticando che anche te sei un giornalista, lungi da me l'offendere o fare generalizzazioni, so benissimo che te non sei così...

Anonimo ha detto...

@puffolottiaccident
se il mondo finisce nel 2012 risparmio quasi 20 anni di mutuo!!! :)

CMT ha detto...

@Guido: magari fosse il "caldo/freddo record", il problema è che è sempre "non si vedevano temperature così alte/basse da quarant'anni" (dunque, vediamo, quindi non faceva caldo come o più del 2008 dal 1968, però non faceva caldo come o più del 2009 dal 1969, di conseguenza nel 1969 ha fatto più caldo del 2008 ma meno del 1968 che però era caldo quanto il 2008... uhm...)

Fry Simpson ha detto...

Nel link al MOID, cosa vuol dire "the closest possible approach of the two objects except where excluded by protective resonance"?

Cosa è questa "risonanza protettiva"(?)

Googlando "protective resonance", nel primo risultato ho trovato una "vecchia conoscenza" inquietante! XD

Rado il Figo ha detto...

Oddio, salvi ultimi aggiornamenti che mi sfuggono, non è proprio proprio vero che gli elleccini si siano discostati dalla Premiata Ditta F.lli Marcianò: in realtà è il contrario, giacché Straccher aveva accusato MMZZ di essere pure lui un infiltrato dei disinformatori in quanto nella sigla di presentazione dei video di LC apparivano delle scie chimiche (a dire il vero anche nel logo).

Mi ricordo che gli elleccini nel tentativo di tenere a loro Straker gli fecero notare di non essere troppo paranoico, mentre MMZZ fece l'ennesima figura da fesso, accusando a sua volta l'autore del programma che usava per fare i video di aver messo lui le scie chimiche, in pratica ammettendo di non controllare assolutamente quello che produce (tanto meno di verificare se ci siano incongruenze con tutti i complotti a cui crede).

Exodus68 ha detto...

SCIE

Se c'e' pioggia... è colpa delle scie.
Se c'e' secco... è colpa delle scie.

Qualunque cosa vedi... dovunque te ne vai..
sulla testa sempre scie tu prenderai.

Se c'e' nuvolo... è colpa delle scie.
Ora e' sereno... è colpa delle scie.

Al mondo non c'e' mai, qualcosa che ben va'...
...e scie prenderai senza pieta'!

Sarà così
finché vivrai
Sarà così


Se tu informi... ti arrivano le scie.
Disinformi.... e ti arrivano le scie!

Qualunque cosa fai, capire tu non puoi
se è bene o male quella scia lassu'.

Tu sei bello... imbruttisci per le scie.
Tu sei brutto... imbellisci per le scie.

E il giorno che vorrai, difenderti vedrai
che tante scie in testa prenderai!

Sarà così
finché vivrai
Sarà così


Tu sei buono... e ti tirano le scie.
Sei cattivo... e ti tirano le scie.

Qualunque cosa fai, dovunque te ne vai,
sempre e soltanto scie tu prenderai.

Tu sei ricco... sei tu che fai le scie.
Non sei ricco... e subirai le scie.

Al mondo ormai non c'è, qualcosa che ben va'
e scie su scie avrai senza pietà!

Sarà così
fino al duemilaaaa...docici
Sarà così


Ivo Elmi - Scie
(Da Antoine - Pietre)


P.S. Ma avete letto quella dei due aerei che producono scie uno di seguito all'altro (il primo una scia fissa e il secondo una scia a intermittenza)... Sembra che il secondo butti un catalizzante per la prima.
Questa mi mancava.

Ivo - Modena

Verzasoft ha detto...

Buahuahua :D bella la canzone :D

Guardando la foto di TNT mi stavo chiedendo: perchè quando si tratta di qualche mistercomplotcataclisma ci sono sempre questi nomi così esotici? Invece di Nibiru.. che so... non andava bene Pietro?

Dario ha detto...

Fry Simpson, provo a spiegartelo senza matematica e, spero, senza dire cavolate.

"Accade che" (e questo meriterebbe una spiegazione esauriente, ma che richiede di scrivere le equazioni del moto per il problema ad N corpi) alle volte, quando due o piu' corpi celesti obitano intorno ad un altro su orbite chiuse (le lune di Giove e Giove), quelli che si comportano da satellite fanno un numero di orbite per unita' di tempo che e' rappresentato da una proporzione semplice (1:2:4 per i primi 3 satelliti di Giove: nel tempo che Ganimede fa un'orbita, Io ne ha fatte 4).
Questo e' uno dei modi in cui le orbite possono essere "in risonanza".

Questo trovarsi in risonanza ha due effetti:
1) qualsiasi piccola deviazione di uno dei satelliti dai parametri della risonanza viene contrastata dagli altri elementi del sistema, "spingendo" l'errabondo a starsene al suo posto.
Questo ha un effetto stabilizzante, che tende a mantenere i parametri orbitali inalterati per eoni.

2) Oggetti piu' piccoli di massa minore che dovessero entrare nel sistema "da fuori" tendono a venire spinti via, in pratica creando dei corridoi vuoti (delle regioni energeticamente sfavorite nel potenziale gravitazionale del sistema). A questo effetto ci si riferisce generalmente con il termine di risonanza protettiva.

mastrocigliegia ha detto...

...Lilli Gruber ha chiesto se i pannelli fotovoltaici funzionano soltanto di giorno

S'è tradita. Anche i migliori disinformatori ogni tanto sbagliano.

Si sa che la notte è provocata con le scie chimiche per poter spargere le scie chimiche senza farsi vedere e poter provocare la notte.

Infatti prima del 1995 non c'era mai la notte, e solo il NWO/SMOM (?) e i disinformatori corrotti vogliono farcelo credere.

Mostratemi, se ci riuscite, una foto o un filmato anteriore a quella data in cui si veda chiaramente il buio.

mc

Fry Simpson ha detto...

Dario:

Grazie. Quindi, se ho capito bene, quel "except where excluded by protective resonance" significa che il MOID e` calcolato senza tenere conto della risonanza protettiva, e quindi bisogna prendere quel dato come valido "a meno che il punto di incontro così calcolato non cada in una zona 'proibita' dalla risonanza protettiva" ?

Hai mica un link a qualche tutorial o simili sulla risonanza protettiva?
Su Wikipedia non ho trovato nulla.
Grazie ancora.

Fry Simpson ha detto...

Mattia:

> Cioè, se sei in Norvergia, a luglio, probabilmente funzionano anche alle undici di sera.

Secondo me (parlo a intuito, senza dati alla mano) quando c'è il "sole di mezzanotte" i raggi arrivano sulla superficie terrestre troppo attenuati perché il rendimento dei pannelli solari sia significativo.

In ogni caso, se il sole non è tramontato non è notte. Anche se l'orologio segna "mezzanotte".

Per me, in ogni stagione, si trova nella notte quella metà della superficie terrestre che non è illuminata dal sole. Si trova nel dì l'altra metà che è illuminata.

Infatti si dice che all'estremo Nord d'estate non cala mai la notte, e d'inverno è notte per 24 ore su 24.

usa-free ha detto...

"d'inverno è notte per 24 ore su 24."

Devo dirlo a Marzullo. :D

Fry Simpson ha detto...

:P

speri che si trasferisca sopra il Circolo Polare?

Dario ha detto...

Fry Simpson, effettivamente da una rapida ricerca in Google non mi sembra che ci sia molto in giro, ne' divulgativo ne' specialistico.

Ti mando un link piuttosto interessante su di un metodo numerico per calcolare il MOID, inoltre ti rimando alla pagina di Wiky che parla di risonanza orbitale: zero matematica ed un po' di ripetizioni dei medesimi concetti, ma abbastanza descrittiva.

La frase che hai indicato tu, e che sta
qui, in effetti, non e' chiarissima.

Potrebbe voler dire due cose, una delle quali molto simile a quella che hai scritto tu.

Il nocciolo e' che il MOID rappresenta la minima distnaza tra due ORBITE, non l'effettivo minimo avvicinamento tra due corpi celesti.

- visto che il MOID e' solo un indicatore approssimativo per vedere se vale la pena fare calcoli piu' complicati o no, viene calcolato ignorando tutti gli effetti perturbativi possibili. Ci si basa solo sui parametri orbitali noti IN UN CERTO MOMENTO, esclusivamente con un semplice calcolo geometrico (distanza tra due orbite definita in un certo modo). Quindi, avrebbe senso fregarsene di tutto il resto, incluso le buche di potenziale.
Se il risultato e' minore di un certo valore critico stabilito empiricamente, allora vale la pena preoccuparsi e rifare i calcoli con metodi piu' accurati e spendere tempo ai telescopi per migliorare la conoscenza dei parametri orbitali per scoprire se quando il pianetino intersechera' l'orbita del pianeta maggiore, anche esso si trovera' nei paraggi o stara' piuttosto dall'altra parte del Sole. Altrimenti, sotto col prossimo pianetino!

- Secondo possibile significato: c'e' una classe di oggetti che possono arrivare parecchio vicino ad altri corpi celesti, anche intersecandone l'orbita, ma senza causare alcuna preoccupazione (non si scontreranno mai). Sono quelli che orbitano intorno ai cosiddetti punti lagrangiani di un'orbita.
Questi punti lagrangiani (o stazionari) sono posizioni dello spazio in cui un corpo di massa trascurabile rispetto al sistema complessivo si trova in equilibrio rispetto al sistema stesso (cioe', stara' sempre li').
In un caso particolare di problema a 3 corpi (la Terra, la Luna ed un sasso) ci sono 5 punti lagrangiani. Due particolarmente notevoli sono quello che segue e quello che precede la posizione della Terra di circa 60 gradi: asteroidi che stiano su orbite chiuse aventi uno di questi punti come fuochi (e piu' o meno complanari all'orbita terrestre) si trovano in una condizione stabile, ed e' molto poco probabile che ci caschino in testa: anche questa e' una forma di risonanza "protettiva" perche' le orbite sono sincronizzate in modo che quando il pianetino attraversa l'orbita della Terra, la Terra stessa e' alla massima distanza possibile e vice versa.
Il secondo significato potrebbe quindi essere: "il MOID che pubblichiamo non vale per quei corpi che si trovano nella condizione appena descritta".

Mamma che giro di parole che ho fatto! Spero di essermi capito e che tu abbia spiegato.

Dario ha detto...

Mannaggia, che cazz... avolata che ho scritto!

Bocciato postumo a meccanica razionale!

"In un caso particolare di problema a 3 corpi (la Terra, la Luna ed un sasso) ci sono 5 punti lagrangiani."

In realta' sarebbe Sole, Terra e Luna, con un sasso avente massa irrilevante (che non perturba il sistema).
Brutta abitudine di dare alcune "cosette" (tipo il Sole) per scontate...

Juleps ha detto...

67.000.000 Gigawatt di Km, così rende meglio l'idea.

Che vuoi che sia... una distanza siderale se la paragoniamo allo spazio che separa Milano da Roma,

Un'inezia rispetto all'immensità dell'universo.

Quindi, visto che di universo si parla, giusto usare il termine "sfiorare". ;-)

Qual'è il giorno preciso?
Vorrei evitare di stendere fuori il bucato e vedermelo portare via dal risucchio dell'aria.

PerAsperaAdAstra ha detto...

@dario
Mi sa che invece avevi ragione prima, il sole non fa parte del problema dei tre corpi.
infatti se consideri anche il sole i punti lagrangiani sono 10

PerAsperaAdAstra ha detto...

A parte, ovviamente, quando influenza i primi 5

Anonimo ha detto...

Incredibile! Ho scoperto un altro motivo per il quale vengono rilasciate le scie chimiche! Per pietrificare gli elefanti!!!

Come potete vedere in questa foto, dove una scia chimica sovrasta inconfutabilmente un elefante pietrificato!!!

Che dite, Straker se la beve? ;-)

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Dario ha detto...

Mannaggia, che figura che faccio...

Per Aspera, si e no.

Si, hai ragione.
Problema speciale dei due corpi -> 5 punti.
Speciale = il terzo ha una massa trascurabile.

No: il Sole c'entra? Dipende cosa stiamo guardando.
Visto che si parlava di un MOID di 24 volte la distanza Terra-Luna, ho pensato automaticamente ai punti lagrangiani del sitema Sole da un lato e Terra-Luna dall'altro (messe insieme).
Non ho pensato ai lagrangiani del sistema Terra-Luna (dove L4 ed L5 starebbero sull'orbita della Luna e non della Terra), sia perche' troppo vicini, sia perche' non mi risulta (ma magari mi sbaglio di nuovo) che ci siano sciami di piccoli corpi che vi orbitino intorno (tranne forse un po' di polvere).

Spero di non avere aggiunto altre cavolate a quelle precedenti.

Gianni Comoretto ha detto...

Innanzitutto la discalculia e' (come già detto) un disturbo cognitivo piuttosto serio analogo alla dislessia. Conosco un bambino che ne è affetto, ed i genitori ed insegnanti lo affrontano con tecniche pedagogiche particolari. Non c'entra nulla con la "innumeracy". Purtroppo non esiste un termine italiano (il che la dice lunga sulla considerazione per la matematica in Italia).

Sui grossi numeri siamo comunque tutti spiazzati. Qualche giorno fa la Finanza ha sequestrato alla frontiera di Chiasso una valigetta di titoli in transito clandestino per circa 136 miliardi di $. Sfido chiunque a capire quanti siano 136 gigadollari. Certo, con Google confronti con il patrimonio di Bill Gates, o con il debito pubblico italiano, ma senza?

Su Battaglia. Non voglio difendere l'analfabetismo scientifico della Gruber o di moltissimi Verdi, ma stiamo attenti. Battaglia sul clima spara enromi cavolate, gli effetti antropici hanno quasi sicuramente effetti grossi e non piacevoli. Il "quasi" significa che c'e' chi dissente con argomentazioni ragionevoli, ma quelle di Battaglia spesso sono solo ignoranza sul tema (non e' un climatologo e si vede), o rivogare bufale anti-riscaldamento climatico. Incidentalmente il fatto che sia "impossibile" che gli effetti antropici causino cambiamenti climatici e' una di queste.

@Leibniz Reloaded
Confrontare un pannello fotovoltaico con un motore diesel non ha molto senso. Sono oggetti diversi, e i rendimenti si riferiscono a cose diverse. E il pay-back time energetico di un pannello e' di 3 anni, contro i 25-30 di vita stimata, per il silicio cristallino, di meno di 2 per l'amorfo. Meglio del petrolio, circa 1/4 del petrolio estratto viene bruciato per produrre l'energia per estrarlo, trasportarlo, raffinarlo.

Comunque restando ai rendimenti i migliori fotovoltaici commerciali hanno un rendimento del 17-18%, meglio di un motore di auto in uso urbano. Certo, lavora per un sesto circa del tempo (considerando un pannello fisso, che non insegua il Sole). Ma non ha senso moltiplicare questo rendimento per quell'altro. Farlo e' solo giocare con i numeri, e tirar fuori altri numeri che non voglion dire nulla.

PerAsperaAdAstra ha detto...

@dario
non mi intendo molto di gravitazione e compagnia bella.
Per esempio ho letto con interesse il tuo commento sulle risonanze progressive, di cui non avevo mai sentito parlare.
Non mi ricordo chi ha postato qualcosa dicendo che lo spazio non è un sistema caotico...
si sbaglia di grosso. solo che i movimenti sono su scala + grande.
Ma Numeriota non vi piace?

Leibniz Reloaded ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Leibniz Reloaded ha detto...

@Comoretto: prendo atto delle tue osservazioni, ma come già anticipato non intendo abusare di questo spazio per perorare l'utilità di quel confronto esemplificativo e più in generale di certi indici ingegneristici - peraltro non di mia invenzione, come ho ben specificato.

Quel che a me interessa, e solo entro certi limiti, è unicamente la questione generale.

A tale proposito ribadisco solo che una massiccia dose di sano scetticismo sui "miracoli" delle energie alternative, come pure sulle teorie dell'influsso antropico rispetto al GW, è necessaria allo stato attuale. Percepisco un certo tuo entusiasmo al riguardo e mi piacerebbe comprendere meglio la tua posizione, tempo permettendo.

Dal punto di vista logico, non ho alcun dubbio che voi fisici nell'esercizio delle vostre funzioni dobbiate adoprare la parola "impossibile" con la massima cautela, in linea generale. Ignoro tuttavia se Battaglia si sia espresso in modo così tranchant, in quale sede, ed eventualmente per quali motivi - ma la cosa non mi interessa troppo.

A me, cittadino qualsiasi e profano di climatologia, risultano in sostanza queste tre grossolane proposizioni:

a) Allo stato attuale, se le nostre conoscenze logico-matematiche fossero comparabili con quel che sappiamo sul clima di questo pianeta, l'enciclopedia universale della matematica avrebbe forse trentadue pagine, e le frazioni "egizie" comparirebbero solo in appendice come frontiera della ricerca... o giù di lì. In sostanza, si tratta di una disciplina che sta ancora lentamente muovendo i suoi primissimi passi.

b) Nulla, ad oggi, mostra un nesso causale tra emissioni antropiche e cambiamenti climatici - meno che mai quantitativamente.

c) Il problema nella sua globalità, specie in ordine ai rimedi pratici da adottare sul medio periodo, è inoltre fortemente gravato da pesanti influenze di natura politico-ideologica.

Quindi, se non vi sono asserzioni gravemente errate in uno o più dei punti precedentemente elencati, per il momento continuerei a propendere per un sano agnosticismo in materia, guardando con occhio fortemente critico gli eccessi di ambedue (o più...) le fazioni.

Fry Simpson ha detto...

Dario:

> Due particolarmente notevoli sono quello che segue e quello che precede la posizione della Terra di circa 60 gradi

Uh... un vago ricordo "visivo" di una illustrazione sul libro di Scienze della Terra dell'ITIS: se non sbaglio ci sono effettivamente due gruppi di asteroidi in quelle due posizioni e hanno anche un nome collettivo...

Quanto alla meccanica razionale... ahem... passato con "diciannove e lode" e un calcio nel cu...rriculum!

Che brutti ricordi... facevo gli esercizi scrivendo a mano su "fan fold" da 180 colonne, e spesso dovevo andare a capo!!! o_O

Grazie delle info, appena ho tempo cerco di informarmi un po'.

Antonio ha detto...

@ Gianni Comoretto
Mi puoi segnalare dove hai trovato i dati sul pay-back time energetico di un impianto fotovoltaico? Sono completamente discordanti dai miei e vorrei confrontare le fonti. Anche i dati sul rendimento degli impianti commerciali mi interesserebbero molto. Grazie mille.

martinobri ha detto...

se non sbaglio ci sono effettivamente due gruppi di asteroidi in quelle due posizioni e hanno anche un nome collettivo...
-

Dovrebbero essere i Troiani, ma seguono e precedono Giove. Se non sbaglio.

martinobri ha detto...

Voto per "Numeriota"

Gianni Comoretto ha detto...

@leibniz
Le tue tre asserzioni sono di fatto false.

E' vero che sul clima ne sappiamo poco, ma non COSI' poco. Possiamo analizzare con modelli SENZA PARAMETRI AGGIUSTABILI l'effetto del Sole, della CO2, e di altri gas serra, e il fit con le serie storiche non e' malaccio per niente. Son stati fatti grossi progressi negli ultimi 20 anni, e un'ipotesi di lavoro sensata basata su stime ad ordine di grandezza è diventata una teoria piuttosto solida, con intervallo di confidenza entro il 5%.

Per gli "innumerates" significa che c'e' una probabilità su 20 che l'accordo tra teoria e quel che vediamo sia dovuto a coincidenze,e non al fatto che la teoria ci abbia preso. Abbastanza per continuare a d ascoltare chi sostiene sia solo una coincidenza, ma non certo per definire il tutto una sorta di bufala o anche "solo una teoria".

Sul terzo punto sono d'accordo. Ci sono pressioni politiche enormi, per NEGARE che ci sia un effetto serra. I protocolli di Kyoto sono un pannicello caldo rispetto a quel che si dovrebbe fare, che non piace a nessuno. Si vendono "rimedi" assurdi e costosi, come i biocarburanti, o il sequestro geologico della CO2. I risultati dei rapporti dell'IPCC sono annacquati quanto possibile. Il punto e' che nessun politico (neanche i verdi) puo' dire di smettere di usare combustibili fossili senza essere linciato.

E viene dato lo stesso peso ad un rapporto di esperti e a una lista di centinaia di "scienziati" (Inhofe), tra cui fai fatica a trovare qualche decina di climatologi e tra questi ce n'e' pure un paio che non sapevano di averla firmata (sic) e che non sono stati tolti dopo aver protestato.

Sulle energie rinnovabili, il discorso e' molto complesso e direi OT qui. Se vuoi continuare in privato (magari postando alla fine le conclusioni) la mia mail non fai nessuna fatica a torvarla.

Mike J. Lardelly ha detto...

Correlazione tra Nibiru e Scie chimiche:

"Ti rispondo con miei video su un problema che è da pubblicare il più velocemente possibile, parlo delle scie chimiche.
Ci sarebbero voci di corridoio che danno la copertura della visibilità di NIBIRU come ulteriore scopo delle scie chimiche. Le scie infatti ( come mostro nei video presi da documenti ufficiali sul Progetto Pioggia ) a 3 ore dalla loro irrorazione aerea, coprono il cielo con un velo gelatinoso che non permetterebbe di osservare stelle e pianeti.."

Ma allora perché le scie vengono fatte soprattutto di giorno?

Giuliano47 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giuliano47 ha detto...

E perche' gli astronomi osservano soprattutto di notte? :-)

Interessante l'ipotesi di correlazione tra Nibiru e Scie chimiche. Interessante perche' come al solito e' infarcita di condizionali "sarebbero", "permetterebbe".
Interessante anche per la solita certezza delle fonti: "voci di corridoio".

Gianni Comoretto ha detto...

@Antonio
Per il pay-back time mi sono basato su questi studi:
http://igitur-archive.library.uu.nl/copernicus/2006-0308-200117/98054.pdf

http://www.chem.uu.nl/nws/www/publica/Publicaties2003/E2003-32.pdf

http://www.chem.uu.nl/nws/www/publica/publicaties2006/E2006-27.pdf

Si riferiscono ad irraggiamenti da Italia meridionale, per cui van un po' ritoccati al ribasso (15% peggio).

I moduli piu' performanti che ho trovato sono gli ibridi della Sanyo (HIP230), con un'efficenza di cella nominale del 19.2%. Esistono impianti a concentrazione commerciali, con efficienze maggiori, ma sono ancora troppo cari. E conviene ancora (se si ha abbastanza spazio) usre l'amorfo thin layer, con efficienze molto piu' basse, ma costi e payback time decisamente migliori.

Fry Simpson ha detto...

MartinoBri:

Ora che me lo dici, mi sa che hai ragione.

Fry Simpson ha detto...

Essì:

Asteroidi Troiani su Wikipedia

Leibniz Reloaded ha detto...

@ Gianni Comoretto: ti ringrazio molto per la tua disponibilità, ne approfitterò senz'altro per approfondire.

Per sbarcare il lunario io faccio obtorto collo il tecnologo: ormai da anni si utilizzano operativamente fonti rinnovabili e anche portatili per potenze "giocattolo", ma sono ancora poco convinto del loro peso complessivo nelle applicazioni su scala globale e continuo a sognare ITER.

Chiudo qui l'OT e ringrazio il padrone di casa e gli altri commentatori per la pazienza.

luzmic ha detto...

Anche questa non è male
http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/scienze/fine-pianeti/fine-pianeti/fine-pianeti.html?ref=hpspr1
(vedi titolo e poi contenuto dell'articolo)

Raffaele ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dan ha detto...

"Non sono d'accordo: magari è noto a te, ma la prima domanda che sento fare dai non adepti è "ma i pannelli solari come funzionano di notte". Ergo, per te magari sarà ovvio, per molti altri no."
Vorresti dire che c'è gente che NON sa che i pannelli funzionano con la luce..? Mamma mia, mi hai aperto sotto i piedi un abisso desolante di ignoranza umana che neanche immaginavo esistesse...
Voglio dire, le calcolatrici solari ci sono da quando andavo alle elementari... in un episodio dei Barbapapà Barbabravo fabbrica una macchina con i pannelli... ribadisco, per chiedere una cosa del genere serve una bella dose di ignoranza. Direi che rientra nel quadro di generale ignoranza caprina che impera in questo Paese...

"mi stavo quasi dimenticando che anche te sei un giornalista, lungi da me l'offendere o fare generalizzazioni, so benissimo che te non sei così..."
Ma no Guido, hai detto bene: Paolo è un giornalista, sono gli altri che sono dei cialtroni, imbrattacarte a pagamento. Quando correttezza formale e deontologica vengono da uno che scrive a gratis e non da quelli appositamente pagati, ti rendi conto che c'è qualcosa che non va.

ivan.paduano@uniroma1.it ha detto...

Oggi 22/6 la notizia è appasrsa senza correzione alcuna anche su Metro, che dire....