Cerca nel blog

2009/04/28

Influenza tracciata da Google e Twitter

Preoccupati per l'influenza suina? Google e Twitter vi aiutano. Si fa per dire


Come se non bastasse il bombardamento continuo di notizie apocalittiche sulla febbre suina, se volete portare la vostra ansia a livelli ossessivi potete ricorrere a Internet.

Tramite Google Maps è infatti disponibile una mappa in tempo quasi reale della diffusione della malattia (immagine qui sopra). Anche questa non è male.

Se ancora non vi basta, potete ricevere anche gli aggiornamenti istantanei del Center for Disease Control and Prevention statunitense via Twitter qui.

Ma se volete pensare positivo, considerate che se l'influenza diventa pandemia freghiamo le principali teorie di catastrofe dei menagramo: l'impatto dell'asteroide Apophis nel 2036 e la fine del mondo nel 2012 arriveranno troppo tardi; il pianeta Nibiru potrà fermare la rotazione della Terra e farla ripartire quante volte gli pare, tanto noi non ci saremo; e del signoraggio potremo ovviamente farcene un baffo. Cosa più importante, non dovremo preoccuparci di decidere se adottare Windows Vista o migrare direttamente a Windows 7, di cui è già in arrivo la Release Candidate 1. Buona giornata.

63 commenti:

Gianni Comoretto ha detto...

Non esageriamo. La malattia per ora ha una mortalita' del 10-15%. E si spera di diminuirla, es. con vaccini.

Il che significa che alla peggio muore un miliardo di persone. Non basta neppure a contenere l'espansione demografica, il NWO deve continuare a buttare scie chimiche, visto che l'obiettivo e' di eliminarne 3-4 miliardi. (si spera si capisca che sto scherzando, se l'epidemia parte davvero non credo di essere tra i probabili sopravvissuti e ho un figlio che e' tra i probabilissimi vulnerabili)

Scherzi a parte, quanto tempo ci vorra' prima che qualcuno proponga che il virus sia sparso apposta per questi scopi?

ilpeyote ha detto...

ciao paolo, ti segnalo che anche Andrea Tedeschi e' stato nominato:
http://tinyurl.com/c5klgh

mattia ha detto...

Sì, però ragazzi... io venerdì vado in california. Mi piacerebbe capire se devo andare in giro con la mascherina, oppure se facendolo risulto solo un pirla.
Mah...
Certo che mi piacerebbe avere qualche informazione concreta su come comportarmi e non il solito "rimandate il viaggio se potete". No, cribbio, non posso rimandarlo!
Oppure "se sentite i sintomi dell'influenza..." ma se non faccio un'influenza dal 96... chi cavolo sa come sono i sintomi.
Be', se muoio lascio il mio eee a Paolo.

ilpeyote ha detto...

OT: un aereo della flotta airforce one, cioe' uno dei due 747 presidenziali,ieri ha sorvolato a bassa quota NY,scortato da due F16, per un servizio fotografico, scatendando un po di panico in citta':
http://www.youtube.com/watch?v=faAKs4NTjGU

Marie Quillouch ha detto...

Quello che i luminari della medicina non hanno ancora capito, è che non si tratta di influenza bensì di una nuova, terribile varietà di Morgellons...

Rodri ha detto...

Infatti, i sciacomici diranno che il virus H1N1 è il morgellone di cui hanno sempre parlato. E che ce l'avevano detto.

Si metteranno tutti un cappellino d'alluminio in testa, dato che è ovvio che le mascherine son tutte taroccate dal NWO.

SAL ha detto...

sono perplesso, la notizia è stata riportata dai principali quotidiani che fino a poco tempo fa parlavano di gatti volanti o in bottiglia ecc ecc. mi piacerebbe trovare il tempo di informarmi seriamente sulla cosa, di sicuro questa malattia farà la gioia dei complottardi...

Clem ha detto...

Twitter e la Swine Flu dal sempre geniale xkcd:
http://xkcd.com/574/

Paolo Attivissimo ha detto...

ciao paolo, ti segnalo che anche Andrea Tedeschi e' stato nominatoUna bella dimostrazione della paranoia ossessiva di questa gente.

Fra l'altro, gli organizzatori del convegno mi hanno inviato insulti e minacce. Non posso dire di più perché si tratta di corrispondenza privata, ma è un altro bell'esempio di tolleranza e apertura al dialogo.

E poi saremmo noi quelli che li vogliono censurare e perseguitare.

mattia ha detto...

sono perplesso, la notizia è stata riportata dai principali quotidiani che fino a poco tempo fa parlavano di gatti volanti o in bottiglia ecc ecc. mi piacerebbe trovare il tempo di informarmi seriamente sulla cosa, di sicuro questa malattia farà la gioia dei complottardi...Cavoli, sai che ho avuto la stessa reazione?
Sul corrierone c'erano le FAQ... ed erano firmate da un giornalista col quale mi ero conforntato mesi fa. Siccome aveva fatto un articolo pieno di imprecisioni, gli avevo fatto notare tutti gli errori. E lui sapete che mi ha fatto? No, non ha ammesso di aver preso un granchio... ha indagato su di me, ha scoperto che sono ingegnere e mi ha risposto "Lei mi sembra ingegnere [...]e gli ingegneri non sempre hanno fatto bene all'Italia". Modello asilo infantile (... e tu c'hai le mutande sporche... cica cica bum).

Quando ho visto le sue FAQ non ho nemmeno cliccato sull'articolo, visto che la credibilità del giornalista per me è zero.

Questi non capiscono quanto sia facile perdere credibilità, che per un giornalista è tutto.

archivit ha detto...

... insulti e minacce. ...

Ormai siamo al tifo da stadio.

Anonimo ha detto...

E io come faccio ad arrivare al mio millesimo "amico" su Facebook se muoio prima a causa dell'influenza suina? ARGHHH!
Comincio a non sentirmi bene, ho uno strano indolenzimento al tunnel carpale...

Hanmar ha detto...

@ gianni:
Gia' fatto...

PENNABLOGVedi, sono molto piu' efficenti di noi dell'ufficio scie cOmiche. :D

Saluti
Michele

Patrick Costa ha detto...

:-) Anche nel dramma, hai un modo di scrivere che mi piace un sacco! Per il resto, che Dio o il suo vice ce la mandi buona...

Juhan ha detto...

@ Cementino
mentre io stavo cercando il link tu mi hai rubato l'idea. Però io l'avevo pensato prima, non vale! ;-)

avisintini ha detto...

notate come arabia saudita, africa, sud est asiatico e altri paesi a maggioranza islamica siano immuni probabilmente a causa del fatto che non allevano maiali. che sia un complotto del terrorismo integralista? ;-)

Monica ha detto...

quasi quasi emigro in medio oriente...

Unknown ha detto...

C'è una cosa che non capisco, forse qualche medico può spiegarmela.

Secondo l'OMS i morti per influenza sono "centinaia di migliaia" ogni anno, anche in assenza di pandemia. Facciamo i conti della serva e ipotizziamo che siano circa 3-400.000, cioè uno ogni 20.000 esseri umani. Questo significa (sempre a spanne) che solo nell'area metropolitana di Città del Messico muoiono di influenza circa 1.000 persone ogni anno. Allora perché tanto allarme per 20 morti accertate in un mese? Anche supponendo che tutti i casi sospetti siano effettivamente H1N1 le morti salgono a 149 (dati di Google Maps), ben entro le fluttuazioni statistiche.

Qualcuno può spiegarmi la ragione di tutto questo panico? Lo chiedo senza preconcetti; confesso di essere ignorante in materia.

Guido

Pablo ha detto...

Anche se non credo assolutamente ne scaturira' una pandemia, sono sempre disturbato dai messaggi tranquillizzanti lanciati dalle nostre autorita' attraverso i mezzi di comunicazione: "in Italia rischi insignificanti"

Ma che vuol dire? Su quale base?

Non mi risulta che le persone provenienti da Citta' del Messico (la piu' colpita dal contagio) siano fermate e controllate nei nostri aeroporti.
Quindi i rischi insignificanti sono forse quantificati su base statistica, non certo perche' qualcuno sta facendo qualcosa.

Magari diffondere in modo piu' martellante consigli su come comportarsi se si avvertono sintomi sarebbero piu' graditi.


PS: secondo me poi il NWO non c'entra nulla, a spargere il virus e' stato l'esercito delle 12 scimmie! :-)

ngc1261 ha detto...

Guido: per quel che ne so io (sono un po' ipocondriaca, indi per cui mi sono informata fin dai tempi dell'aviaria :P) il problema è che questo è un virus significativamente nuovo, verso il quale la popolazione potrebbe non avere un'adeguata immunità. È un po' come per gli indios d'america, che morivano per malattie banali portate dai conquistadores: semplicemente il loro sistema immunitario non era mai venuto a contatto con quegli agenti patogeni.
Anyway, visto che sulla carta stampata non si capisce un beneamato, io preferisco andare alla fonte, e informarmi sul sito del WHO. Del resto son loro ad essere preposti a controllare la situazione.

Elle ha detto...

Nei commenti Mr. Jones si appella a Massimo Polidoro.....

Anghelos ha detto...

Dovevamo già morire tutti per la mucca pazza, poi per la Sars, poi per l'influenza aviaria.
Questa pandemia esiste, come purtroppo sanno bene in Messico, ma io sinceramente non riesco ad essere allarmato...

Anonimo ha detto...

Ciao,
in tutti i casi, mi è parso di capire che la gente muore di " complicanze " dovute a tale influenza, che normalmente sono sintomi alquanto conosciuti ( vedi polmonite ) non per il virus stesso.
Tale infatti, a quanto mi è dato di capire, è un virus influenzale simile alla " Spagnola " o alla " Russa " passate per l'europa negli scorsi anni.
Mica stiamo parlando di Peste, Ebola o dell'Antrace...
Concordo con Guido Q sui numeri, anche se a spanne, e volendo guardare abbiamo avuto più problemi con la meningite che con l'influenza.
E' il solito sensazonalismo, come diceva una ometto simpatico alla svizzera 1 l'altra sera " una volta si stava bene perchè non c'era l'informazione, la comnunità era più legata e sinceramente non ti interessava quello che succedeva nel paese vicino, il tuo mondo è la tua comunità ".
Anche io mi sono preoccupato in un primo momento...anche perchè devo andare in Canada a Maggio, ma bisogna sempre andarvi ad informare da soli....sigh..sigh..

Alfred Borden ha detto...

Scrive Zucconi sul suo blog:-

La peste alle porte della città--

Tanto per dare un senso al panico che sta per esplodere attorno a questa “pandemia” del purscèll, nel senso del maiale, l’ultima pestilenza globale, sarà forse il caso di ricordare che ogni anno, soltanto negli Stati Uniti, la “normale” (e che vuol dire?) infiuenza manda in ospedale 200 mila persone e ne uccide 36 mila, in gran parte anziani particolarmente fragili, adulti e bambini con sistemi immunitari compromessi. Ripeto: trentaseimila persone, senza che giornali e telegiornali perdano la testa come è accaduto ieri al TG1 che è corso a visitare il liceo di San Francesco a Queens, scoprendo che era deserto. Essendo, come forse l’inviata non sapeva, domenica, quando le scuole americane sono, come le nostre, chiuse. L’influenza è una cosa sempre piuttosto seria, ma nelle nazioni con sistemi sanitari sviluppati gli strumenti per limitarne le conseguenze, cioè le complicanze che uccidono, esistono, senza che da oggi ci si metta a correre in farmarcia per fare scorte di farmaci antivirali da ingurgitare senza ragione.

Unknown ha detto...

Strano come l'italia abbia già milioni di vaccini pronti per un virus NUOVO.

Sono le scorte di vaccini per l'influenza aviaria che non sono state usate visto che non c'è stata nessuna pandemia ma Storace ha fatto comprare in fretta e furia. Tempo fa ne hanno parlato a Report.

Ora, questi vaccini in scadenza, li vogliono propinare alla gente a ogni costo. Sono da buttare e sono anche per un altro tipo di virus, ma vogliono usarli per forza.

Come per la mega campagna della Turco per il vaccino per alcuni ceppi (i più rari) di papilomavirus.

Vogliono vaccinare la gente a tutti i costi anche se non serve a un cazzo.

Pietro ha detto...

Che doccia di Ottimismo!!! Dopo questo post mi auguro che la suina diventi pandemica!!! :DDD

ngc1261 ha detto...

Non credo si faccia riferimento ai vaccini, che non esistevano manco per l'aviaria, se ben ricordo, ma agli antivirali, di cui all'epoca comprammo stock e stock che poi non vennero usati.
Comunque, in generale, una cosa sono i numeri sparati dai giornali e un'altra i dati in possesso del WHO, che parlano di 20 morti accertati, non di 159. Ma, al solito, vuoi mettere parlare di più di cento morti, per di più tutti giovani, piuttosto che aspettare le conferme del caso? Tanto poi la smentita non te la chiederà nessuno, e la giornata intanto l'hai portata a casa.

Hanmar ha detto...

Danut, a parte che NON si parla di vaccini ma di farmaco antivale, per la precisione il Tamiflu(r).

Ma questa frase Vogliono vaccinare la gente a tutti i costi anche se non serve a un cazzo. valla a raccontare al povero virus del vaiolo, che secondo te si e' suicidato...

Saluti
Michele

Alberto ha detto...

http://uchalas.com/influenza/

ecco un altra bella mappa

Unknown ha detto...

Una vaccinazione che finì in vacca.

AUTRICE- voce fuori campo
E’ già successo. Era 1976 e negli Stati uniti moriva un soldato per l’influenza suina e la paura esplose.

G.FORD- WASHINGTON DC-12/08/1976
Confermo con determinazione il mio impegno a sostenere questo programma che fornirà a milioni di americani una protezione contro un’epidemia di febbre suina il prossimo inverno.

AUTRICE- voce fuori campo
Il presidente degli stati uniti Gerald Ford firma il Programma nazionale di immunizzazione contro l’influenza suina perché le autorità sanitarie e autorevoli esperti temono che stia per arrivare una pandemia: un giovane soldato è da poco morto a causa di una polmonite fulminante colpito da un virus di origine suina.
A ottobre inizia la vaccinazione di massa.
il presidente Ford si fa riprendere dalla tv mentre il suo medico personale gli inietta il vaccino contro l’influenza suina…
La campagna di informazione martellante evoca lo spettro della spagnola e gli americani rispondono all’invito di vaccinarsi. In poche settimane seguono l’esempio del presidente 40 milioni di persone.
Ma dopo tre soli mesi il programma viene bloccato.
A dicembre il NY Times titola: il fiasco dell’influenza suina.
Dalle nevi del Colorado, il presidente dichiara sospesa la vaccinazione di massa.

G.FORD- COLORADO 30/12/1976
A questo è un giorno primaverile, felice di vedervi!

GIORNALISTA USA
“ Oggi il Presidente ha difeso la decisione presa la scorsa estate di procedere con il programma di vaccinazione contro l’influenza suina”.

G.FORD- COLORADO 30/12/1976
E’ stata una decisione saggia e deduco che abbiano imparato qualcosa e ho fiducia che i miei successori saranno altrettanto attenti e cauti come lo sono stato io prendendo questo decisione.

GIORNALISTA USA
E’ d’accordo con la cancellazione del programma?

G.FORD- COLORADO 30/12/1976
Credo che considerate le circostanze sia stata una decisione saggia.

AUTRICE- voce fuori campo
Le circostanze sono che 4 mila vaccinati hanno sviluppato una malattia autoimmune che colpisce i nervi fino al provocare la paralisi. Inoltre ci sono anche trenta morti. La paura riuscì a fare più danni del virus del maiale.
Clifford Shoemaker nel 1976 era un giovane avvocato della Virginia, fu il legale che tutelò gli interessi di oltre cento danneggiati dal vaccino contro l’influenza suina.
Oggi è uno degli avvocati americani più esperti sui danni da vaccino.

Anonimo ha detto...

Comunque tra windows Xp, Vista e 7 scelgo...


...Ubuntu :D
c'è la 9.04 che è fantastica...
:)

Fry Simpson ha detto...

Bazzecole...

...la vera pandemia zoologica definitiva sara`...

L'ALTZEHIMER DEI CEFALI!!!!!

Unknown ha detto...

Il vaccino sarà pronto tra 3 mesi.

Quattro aziende farmaceutiche stanno lavorando al vaccino contro l'influenza suina: Novartis, Sanofi Aventis, Roche e Gsk". Lo ha riferito il presidente di Farmindustria, Sergio Dompè, secondo il quale le prime dosi potrebbero essere pronte in circa tre mesi

Secondo voi un vaccino fatto in 3 mesi quanti effetti secondari può avere? I produttori potranno dire qualcosa su quanti e quali effeti secondari porta il loro vaccino?

Anonimo ha detto...

...magari poi lo spargono con un bel Tanker...e siamo apposto...
Tutti felici!!

Juhan ha detto...

Non vorrei che questa fosse un'occasione per attivare anche da noi il movimento contro le vaccinazioni che partito dall'Inghilterra, con una pubblicazione fraudolenta, ha trovato terreno fertile in tutti i paesi anglofoni. Tutto questo senza voler togliere niente alla validità del post.

Hanmar ha detto...

Danut, e' una forma INFLUENZALE.

E i vaccini per l'influenza sono ben noti da anni.

E ci vuole poco tempo per prepararli.

Quanto agli effetti collaterali, bisogna purtroppo far ricorso alla statistica ed ai freddi numeri per valutare i pro ed i contro.

Se il vaccino salva la vita anche ad una sola persona in piu' di quelle che danneggia il calcolo e' semplice.
E dato che siamo ben distanti da questo estremo...

Saluti (anche dal vaiolo)
Michele

Antoniomeopata ha detto...

Come al solito ci sono persone che cercano di vendere la loro bislacca teoria (vaccini inutili e dannosi) anche se il post ha un argomento diverso. Dato che il vaccino è inutile, perchè non vai in qualche villaggio sperduto in Africa centrale senza vaccinarti per la malaria?

Francesco Graniglia ha detto...

"Ma se volete pensare positivo, considerate che se l'influenza diventa pandemia freghiamo le principali teorie di catastrofe dei menagramo: l'impatto dell'asteroide Apophis nel 2036 e la fine del mondo nel 2012 arriveranno troppo tardi; il pianeta Nibiru potrà fermare la rotazione della Terra e farla ripartire quante volte gli pare, tanto noi non ci saremo; e del signoraggio potremo ovviamente farcene un baffo. Cosa più importante, non dovremo preoccuparci di decidere se adottare Windows Vista o migrare direttamente a Windows 7, di cui è già in arrivo la Release Candidate 1. Buona giornata."

Sei un grande Paolo! ahah

Antoniomeopata ha detto...

Scusate mi riferivo all'epatite B, non alla malaria. Per quest'ultima è ancora allo studio un vaccino.

Salvo Di Grazia ha detto...

L'influenza suina è una normalissima sindrome influenzale, non diversa da quelle che ogni inverno ci fanno starnutire e tossire. Queste influenze stagionali (causate da virus) causano vittime in ogni parte del mondo. Soprattutto le persone a rischio, non avendo un sistema immunitario pronto a rispondere all'infezione, sviluppano complicanze anche letali.

L'unica differenza tra questo tipo di virus e quelli influenzali stagionali, è che si tratta di un virus mutato con caratteristiche comuni al virus influenzale umano, quello aviario e quello suino.

Questa è l'unica preoccupazione, trattandosi di un virus nuovo e di tipo sconosciuto, non si ha idea delle proporzioni dell'epidemia, della sua gravità e della capacità dell'organismo umano di resistergli.

C'è poco da allarmarsi, probabilmente quello che sta succedendo è alimentato dagli organi di informazione che creano uno spettacolo da ogni notizia. L'OMS sta facendo il suo dovere, informare, prevenire, limitare i danni.

Se questo virus colpisce una persona in buona salute probabilmente non creerà danni, se colpisce un neonato o un anziano, probabilmente diventerebbe pericoloso.
Espandete questo per tutta la popolazione mondiale e potete capire dov'è il reale pericolo dell'epidemia.
E' solo un pericolo "potenziale" ed è giusto che si venga avvertiti, ma senza drammi nè ipocondrie.
:)

Sulle terapie e sul Tamiflu: NON esistono farmaci che guariscono dal virus dell'influenza. Il Tamiflu è capace solo di diminuire la carica virale in chi ne è affetto.
Diciamo che se hai un organismo tanto defedato da rischiare la morte per il virus, il Tamiflu è totalmente inutile. Se invece sei solo un po' stressato, può dare una mano.
Tranquilli e sereni, l'umanità è salva.
:)

Pablo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Pablo ha detto...

WeWee,

correggimi se sbaglio, ma sembrerebbe che la preoccupazione che ha suscitato questo nuovo virus e' quella di essere molto pericoloso (e anche letale) per soggetti apparentemente non a rischio, quindi anche giovani e in buona salute.

Ben diverso da quando si dice che comunque il virus dell'influenza nel mondo fa decine o centinaia di migliaia di vittime all'anno, perche' quelle vittime per lo piu' fanno parte di categorie a rischio (bambini piccoli, anziani, soggetti con particolari patologie,...).

In questo caso il pericolo paventato potrebbe essere molto piu' elevato.

OperationOne ha detto...

virus di tipo "nuovo" = organismo non "preparato" = minori anticorpi = maggior rischio complicanze su larga scala = maggiore mortalità.

lo schema dovrebbe essere questo, giusto?

Lem ha detto...

Ma a leggere questo blog non avete imparato nulla?
Collegatevi al sito dell'Organizzazione Mondiale della Sanità:

http://www.who.int/csr/don/2009_04_27/en/index.html

Ci sono i dati scientifici della malattia, nell'aggiornamento di ieri spiegavano che i casi confermati negli USA (40 ad oggi) sono stati curati come una normale influenza (giustamente, visto che i sintomi sono quelli!) in Messico i casi confermati sono solo 26 di cui 7 mortali.... a questo punto mi domando quale è il livello della sanità Messicana...

Cmq io domani parto per New York tranquillo, anche perchè sono già sopravvissuto ai 50 milioni di morti dell'Aviaria dell'anno scorso!

Pablo ha detto...

@OperationOne

Io personalmente non credo sia questo lo schema, anche se comunque non sono un esperto del settore.

Il nocciolo credo che sia nella "aggressivita'" del virus, se cosi' si puo' chiamare.
Del resto la "normale" influenza che arriva puntualmente ad ogni inverno ci colpisce perche' comunque il nostro sistema immunitario non riconosce il virus (che magari e' solo leggermente mutato rispetto ad un altro gia' preso in passato), ma non per questo subiamo conseguenze letali.

Le conseguenze letali si hanno poi su larga scala perche' ci sono i soggetti a rischio che non reggono alle complicanze prodotte dal virus nell'organismo.

Il problema di questi giorni e' che, sembrerebbe, queste complicanze siano potenzialmente molto pericolose anche su soggetti non a rischio.

Salvo Di Grazia ha detto...

Non ho presente tutti i casi di decesso dovuto a questa influenza, ma quelli che ho letto, erano sempre su persone (anche giovani) ma per complicanze. Per esempio, il primo caso messicano, ha colpito una donna diabetica, un altro (credo il primo statunitense) ha ucciso per una polmonite (tipica dei soggetti immunodepressi) e così via.

Fa riflettere che i decessi si coontano soprattutto in Messico ed in una particolare regione.
Per esempio, oggi gli Stati Uniti dichiarano 40 contagiati senza nessun decesso, mentre il Messico, sempre oggi, 26 casi con 7 decessi, non sappiamo le condizioni di questi 7, se per esempio i decessi si sono avverati in un'area depressa o povera (faccio un'ipotesi) potrebbe essere tutto spiegabile.

Inseriamo nella statistica i (pochi) bambini e gli anziani e vedremo che alla fine ci dovremmo trovare nel campo della normalità.

Non si muore per il virus ma per una complicanza e le complicanze, anche se non comuni in soggetti non a rischio, colpiscono chi ha il sistema immunitario compromesso.

Fondamentalmente a me pare non stia succedendo niente di terribile, pericoloso sì, in epoca di spostamento della popolazione, quindi facilità di espansione della malattia, ma fino ad ora i numeri sono più che normali. Non ricordo benissimo, ma mi pare che un'altra epidemia, alla fine degli anni '60, provocò quasi un milione di morti nel mondo...


Ma mi informo meglio...

Pablo ha detto...

@rd973

A leggere questo blog abbiamo imparato tante cose, ma spesso ci si dimentica delle cose che si imparano, o nella fretta non ci si pensa.

Come anche chi esordisce con atteggiamenti da saccente per bacchettare gli altri si e' probabilmente dimenticato delle buone maniere e dell'educazione, che non si imparano leggendo questo blog.

martinobri ha detto...

è un virus influenzale simile alla " Spagnola " o alla " Russa " passate per l'europa negli scorsi anni.Hai detto niente.... la Spagnola è l'epidemia che ha fatto più morti in assoluto in tutta la storia!

Prevengo obiezioni: Peste nera, più morti in percentuale, non in assoluto. Malaria non è epidemica, è endemica

Thhh ha detto...

ultime news direttamente dal prof di microbiologia, pare che dopo i primi sequenziamenti in spagna e negli usa il virus non sia un ricombinante suino-umano-aviario, ma grossomodo un virus suino con qualche pizzico di umano.

E' ovviamente più forte di un virus influenzale "comune", ma non dovrebbe essere neanche paragonabile a una Spagnola o simili, avendo comunque analogie con altri influenzali con cui siamo già entrati in contatto.

martinobri ha detto...

"è inutile mettere il maglione per non prendere freddo: vedi, lo metto sempre e non mi ammalo mai"

é un ragionamento senza logica, giusto?
Allo stesso modo, è sbagliato ironizzare sul fatto che i governi hanno speso molto per mettere in campo misure molto rigorose per proteggersi dall'aviaria. Poi l'epidemia non è arrivata, certo, ma perchè non doveva arrivare o per le misure di sicurezza? Non si sa, forse le precauzioni erano sovradimensionate; ma voi quando arrampicate in montagna usate una corda di diametro 7 mm o 10 mm? Chi di voi rischierebbe, di fronte a una malattia con quel tasso di mortalità?

Per quanto riguarda quella di adesso, le cose non sono così semplici. E' vero che la pericolosità è quella di tutti i nuovi virus, cioè che non abbiamo anticorpi. Però, se i primi dati saranno confermati, questa influenza potrebbe avere lo stesso meccanismo della Spagnola: una robusta risposta immunitaria dell'organismo inonda gli alveoli polmonari di un velo di liquido, con conseguenti gravi problemi di respirazione. Per cui, come nella Spagnola e come sembra adesso, muoiono di più i giovani in buona salute, in cui la risposta immunitaria è più forte. Al contrario delle altre influenze. Per cui a) speriamo che i primi dati vengano smentiti b) un po' di prudenza è necessaria.

Anonimo ha detto...

..sono d'accordo, ma dai primi del 900 però..
Il mio voleva esere solo un richiamo per chiarire il concetto, anche se ha fatto tantissimi morti...sempre influenza rimane.
Se poi volgiamo farci pippe sui numeri non finiamo più...;)

Lem ha detto...

-Paolo

Mi scuso se sono stato frainteso, non voleva essere un atteggiamento da saccente (colpa mia! rileggendomi anche io mi son dato del saccente! :-) )

Volevo solo invitarvi a mettere in pratica gli insegnamenti del blog, cercare fonti attendibili.
Anche sui giornali molti esperti ridemesionano il fenomeno e lo espongono con obiettività, ma i loro commenti sono in due righe in un articolo di mezza pagina titolato "150 morti in Messico! Panico a New York"

In ogni caso mi scuso per il fraintendimento!
Ciao

Thhh ha detto...

ma che vuol dire "sempre influenza rimane"?

la 'normale' influenza ti pare che non faccia danni perchè è abbastanza conosciuta al nostro sistema immunitario, per cui gli unici che ne risentono in maniera letale son i soggetti deboli (che non resistono a una ultetriore immunosoppressione)
Se non erro, fa qualcosa tipo mezzo milione di morti l'anno.ù

Una variante mutata non uccide solo i vecchi e i malati, ma ha una discreta possibilità di uccidere anche uno in salute.
E si diffonde MOLTO facilmente (virus altamente infettivo, e per via aerea, la "migliore").

Non è un allarmismo, è considerarlo per quello che è. Dire "che vuoi che sia è solo un'influenza" è una frase insensata

-con questo non voglio dire che questa sarà una catastrofe eh ;) intendo dire che non lo si può sottovalutare "perchè è un virus influenzale", ma casomai ridimensionarlo visto che pare non sia il mutante che temevamo

Pablo ha detto...

rd973,

per me era molto chiaro (e condivisibile) il tuo intento di richiamare l'attenzione sulle metodologie di ricerca delle fonti.

E' stato solo l'esordio del tuo commento che mi aveva un po' infastidito e spinto ad una replica.

Ti ringrazio per la tua precisazione, e le tue scuse sono ovviamente piu' che accettate da parte mia.

Ciao

Anonimo ha detto...

@ Thhh

Ciao,
ma perchè ti arrabbi?
L'influenza come tale è l'influenza non può essere altro. Siamo tutti d'accordo?
Fondamentalmente il discorso che hai fatto non è diverso da quello che intendevo dire io e sono d'accordo con te ( io mi sono esperesso forse male nel mio primo post e me ne rammarico).
Non ho mai detto " che vuoi che sia è solo un'influenza ".
Il mio dubbio è..:

Anche io mi sono preoccupato in un primo momento...anche perchè devo andare in Canada a Maggio, ma bisogna sempre andarsi ad informare da soli....sigh..sigh..

Ecco qual'è il problema....l'informazione.
Tutto qua. Ripeto, preoccupazione ma non catastrofe come dici tu.

Ciao!

Federica ha detto...

Se posso evitarmi Winzoz Vista grazie alla Peste Suina, allora la Peste Suina è una buona cosa :D

Federica ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Federica ha detto...

Io eviterei il paragone con la Spagnola...
Per quanto terribile fosse, era pur sempre il 1918, le condizioni igienico e sanitarie erano ben diverse da ora, la vita era assolutamente diversa da ora (malnutrizione, condizioni lavorative spesso inaccettabili ecc).
Era appena finita la prima guerra mondiale, con i suoi 10'000'000 di morti e la distruzione e la miseria che ne erano conseguiti.
Nemmeno la medicina era quella di adesso e non era arrivata ai risultati ottenuti adesso; non c'erano nemmeno gli antibiotici!

Per cui io tenderei a non preoccuparmi troppo di questa malattia, in quanto credo che siamo tutti ben più robusti per sopravviverle, rispetto al 1918, nonché credo che una medicina che è capace di riattaccare una mano a qualcuno possa essere anche capace di curare la peste suina :p

martinobri ha detto...

Quel che dice Federica è tutto vero (anche se gli antibiotici contro i virus non servono).
Il paragone con la Spagnola però sta nel fatto stesso: il meccanismo con cui il virus uccide è lo stesso (sembra).

Federica ha detto...

Sarà lo stesso, ma le nostre "armi per difenderci" sono altre.
Una volta si moriva frequentemente di parto, ora è una notizia eccezionale (in Occidente, ovviamente). Eppure il parto è sempre quello da migliaia di anni :p

Terenzio il Troll ha detto...

Federica: Una volta si moriva frequentemente di parto, ...
Infatti oggi abbiamo eccellenti armi per difendere le nostre donne da questa causa di morte: gli anticoncezionali.

Federica ha detto...

Oltre a quelli, abbiamo anche un'assistenza migliore dell'ostetrica che viene a casa tua e ti dice di spingere, senza darti nessun modo per alleviare quel poco dolore che comporta far uscire un bambino da un buco dilatabile, sì, ma solitamente piuttosto piccolo :p
Sempre nella speranza che il bambino sia messo bene ed esca bene...

lorydane ha detto...

Lorydane
A proposito dell“ l'influenza A/H1N1:
“ Una giornalista accusa OMS e ONU di bioterrorismo e dell’ intento di provocare un massacro”
La giornalista austriaca Jane Burgermeister ha recentemente sporto denuncia il 10 giugno 2009 presso l’FBI in Austria contro l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), le Nazioni Unite (ONU) e molti dei funzionari di più alto rango di governi e società in merito al bioterrorismo e ai tentativi di provocare massacri. Il dossier della Burgermeister…" ecc. ecc.
… dunque, anche oggi ho ricevuto in mail notizie di notizie catastrofiste che riguardano i programmi di vaccinazione previsti negli Usa: lì verrà messa in atto una vera e propria campagna genocida utilizzando la vaccinazione obbligatoria per prevenire l'influenza A/H1N1. Ma i normali cittadini del mondo, a chi potranno più credere se anche l'OMS e l'ONU vengono accusati con inchieste giornalistiche di favorire omocidi di massa? Vi posto il link che parla di queste scelleratezze perpretrate per far guadagnare le case farmaceutiche produttrici del vaccino e degli antivirali...
http://www.naturalnews.com/025760.html

C’è qualcuno che ci capisce qualcosa?