Cerca nel blog

2009/04/03

Piccolo corso di nufologia

Nufologia: nuove foto di UFO, coinvolto anche Google Street View


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Prosegue il minicorso di nufologia: l'arte di riconoscere una fotografia che sembra mostrare un oggetto volante alieno ma ha in realtà una spiegazione molto terrestre.

E' un'arte che può rivelarsi utile nel capire meglio il fenomeno dell'ufologia dal punto di vista umano oltre che da quello tecnico e concreto. Perché se da un lato la probabilità di altre forme di vita intelligenti nell'universo è alta per motivi statistici, dall'altro vi sono forti dubbi sull'esistenza di visitazioni aliene a bordo di veicoli. Non vi è dubbio, invece, che esista la credenza in queste visitazioni. Resta da capire da dove scaturisca questa credenza.

Un indizio forte sulle origini dell'ufologia deriva dall'analisi delle sue presunte prove, costituite quasi sempre da fotografie. Quello che molti appassionati non considerano è che nelle fotografie capitano spesso fenomeni che possono essere facilmente scambiati per UFO, e un buon modo per abituarsi a tenere presente questo rischio è studiare queste fotografie.

Giusto per chiarezza, e nella speranza di prevenire i commenti indignati di coloro che sono convinti che siamo oggetto di visite continue da parte di veicoli di entità aliene (manco fossimo le bestie di uno zoo safari), sottolineo che lo scopo di questo corso semiserio di nufologia non è sostenere che tutte le foto di UFO sono false o truccate, ma semplicemente mostrare tramite esempi pratici quanto è facile prendere una cantonata e imparare a riconoscere gli inganni più ricorrenti in questo campo, senza nulla togliere al lavoro e alla professionalità dei fototecnici che fanno queste analisi per mestiere.

Per esempio, potete cimentarvi nel decifrare la vera origine delle due immagini inquietanti presentate qui sotto.

La prima è tratta da Google Street View ed è segnalata dal giornale britannico The Sun, non nuovo a simili parti giornalistici lievemente sensazionalisti:



Secondo l'articolo del Sun, "nove sfere argentee fluttuano sopra una fila di negozi" in un'immagine catturata dalle fotocamere mobili di Google Street View tra Wolverley Street e Bethnal Green Road, nella zona orientale di Londra. L'immagine è cliccabile per ingrandirla.

Stando al giornale, l'ufologo Nick Pope avrebbe descritto la foto come "veramente affascinante": a suo dire, "sembra mostrare nove oggetti che volano in formazione quasi perfetta. Praticamente l'unica cosa che so che può fare una cosa simile è la pattuglia delle Red Arrows, e non sono loro... ho fatto passare la lista delle possibilità che normalmente spiegano queste cose, ma non trovo una risposta".

Voi, invece, riuscite a trovarla?

Date un'occhiata anche alla foto qui sotto, che è un dettaglio di un'immagine che ho scattato pochi giorni fa mentre ero sulla Tangenziale di Pavia (non stavo guidando io, tranquilli). Si vede chiaramente un oggetto allungato e arrotondato, con riflessi multicolori e un contorno molto netto, accompagnato da due o forse tre altri oggetti più piccoli e meno luminosi. Una nave madre con i veicoli ausiliari? Posso dirvi subito che non è stato usato alcun ritocco digitale.



Se vi va di esercitare il vostro talento di nufologi, provate a dare la spiegazione a queste foto nei commenti qui sotto. La soluzione esatta verrà data al termine della puntata radiofonica del Disinformatico di stamattina, ascoltabile in streaming.


La soluzione


La foto tratta da Google Street View mostra semplicemente le Red Arrows, la pattuglia acrobatica britannica. Lo si capisce guardando l'immagine originale su Google Street View, in cui si nota la classica formazione della pattuglia e si distingue la sagoma degli aerei:





Che si tratti di oggetti reali è indicato dalle reazioni delle persone presenti, che guardano in su e scattano foto:



In realtà in questo caso siamo di fronte a un esempio di quello che i prestigiatori chiamano misdirection: l'arte di sviare l'attenzione dello spettatore suggerendogli idee. Il testo dell'articolo, infatti, parla di oggetti "fluttuanti", suggerendo che si tratti di oggetti statici nel cielo: un comportamento incompatibile con velivoli tradizionali. Poi prosegue intervistando un ufologo e attribuendogli le parole "l'unica cosa che so che può fare una cosa simile è la pattuglia delle Red Arrows, e non sono loro". Questo forza il lettore a escludere la possibilità che si tratti di aerei di una pattuglia acrobatica.

Non mi soffermo sulla competenza o incompetenza dell'ufologo in questione, perché il Sun non è l'Economist e quindi può avergli attribuito disinvoltamente parole non sue; ma l'intero impianto della presentazione delle immagini è vistosamente ingannevole. Se questo inganno sia intenzionale o involontario, lascio giudicare a voi. Resta il fatto che l'ufologia è un campo minato a causa di comportamenti irrazionali e sensazionalisti come questo.

Per quanto riguarda la seconda foto, complimenti a chi è arrivato alla soluzione esatta, che era un po' più complessa del solito: la foto è stata scattata attraverso il finestrino laterale dell'auto sulla quale mi trovavo, e il sole sbucava dalle nuvole. La sua luce si è riflessa sulla ghiera metallica lucida che circonda l'obiettivo della fotocamera e si è poi riflessa di nuovo nel vetro del finestrino. Ecco la foto completa, che rivela la posizione del sole e mostra l'intero riflesso circolare della ghiera:



Esiste anche un'altra foto della stessa sequenza che rivela la natura dell'"UFO" ancora più chiaramente:



Rovesciandola specularmente ed esaltandone leggermente contrasto e colori si legge piuttosto chiaramente la scritta "aplio", che è un pezzo del nome della fotocamera Ricoh Caplio, la cui identità era rivelata dai dati EXIF presenti nell'immagine digitale originale. La scritta è a sinistra nel dettaglio della foto precedente mostrato qui sotto:



Complimenti a tutti coloro che hanno azzeccato le soluzioni: per chi non ce l'ha fatta, spero sia stata una buona dimostrazione di quanto sia difficile capire la natura di una foto ufologica se non ci viene presentato il quadro completo o se addirittura il quadro viene presentato in modo ingannevole.

Questo piccolo esempio ci suggerisce alcune regole di comportamento nufologico molto preziose:
  • bisogna sempre esaminare la foto intera, senza accettare versioni ritagliate che falsano il contesto;
  • bisogna sempre esaminare le altre foto della sequenza, perché possono rivelare dettagli importanti;
  • i dati EXIF sono preziosi per risalire alle condizioni di ripresa.

In mancanza di queste condizioni, è meglio sospendere ogni giudizio. Il guaio è che molti appassionati di ufologia rifiutano di condividere le immagini originali adducendo le scuse più strane. Condividere una foto digitale non costa nulla e non comporta la perdita dell'originale: non siamo più ai tempi delle pellicole. Eppure, come è avvenuto in un caso recente qui in Canton Ticino, la mia semplice richiesta di poter analizzare le immagini digitali originali è stata respinta con una levata di scudi.

Chiediamoci perché.

60 commenti:

RB211 ha detto...

Anatre bianche senza finestrini a bassa quota poco prima del "fuel" dumping di massa.

Maximilian Hunt ha detto...

Riflesso su vetro?

genesis61 ha detto...

Probabilmente entrambi i casi sono dovuti a riflessi di qualcosa sul vetro che sta tra obiettivo e soggetto ...

Buona giornata

Luigi Rosa ha detto...

La foto della tangenziale di Pavia l'hai scattata con una fotocamera che si identifica come RICOH Caplio R7; l'hai importata in un Mac (che potrebbe avere il System versione 10.5.6) utilizzando QuickTime 7.6, il trasferimento e' avvenuto il giorno dopo lo scatto, posto che tutti gli orologi siano coretti.

E' un'esposizione molto veloce (1/1410s) fatta a f/5 con 100 ISO di sensibilità; il flash non ha flashato, ma la camera probabilmente l'aveva richiesto (il significato di "Flash did not fire, compulsory flash mode" e' controverso).

Considerando il presunto ufo alla posizione "ore nove" a ore tre ci sono due bei lensflare uno viola e uno verde.

Vista la rapidita' dell'otturatore e la bassa sensibilita', direi che hai fotografato il sole che hi ha fatto dei lensflare sulla destra.

Paolo Attivissimo ha detto...

Ciao Luigi,

la tua analisi dei dati EXIF giusta, naturalmente, ma non è un lens flare. L'effetto è dovuto a un altro fenomeno ottico.

Giuliano47 ha detto...

Ho visto un riflesso simile causato da una finestra a doppi vetri e da un metallo riflettente posto all'esterno in pieno sole.
Effetto osservato dall'interno della stanza.
Davvero strano: si vede una luce sospesa davanti a noi, ci si sposta di un poco e la luce continua a d esserci. Ma dove si trova? Allora apro la finestra per curiosita' e la luce non c'e' piu'.
Ma perche' gli UFO scappano quando si apre una finestra?

AD Blues ha detto...

L'effetto sulla foto di Google è molto probabilmente dovuto alla correzione dell'immagine che viene eseguita sulle "giunzioni" tra le varie foto.
Quando queste vengono montate per ottenere la panoramica spesso si vedono dei "fantasmi".
L'ipotesi più probabile è quindi che i 9 ufo altro non siano che dei residui del palo sulla sinistra.

---Alex

AleRitty ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
AleRitty ha detto...

Io propendo per il fatto che il vetro della attivissimo-mobile sia da lavare...

Lanciamo una petizione on-line?

Ma soprattutto, Paolo spegni la luce interna che altrimenti scarichi la batteria della macchina!!

Poorman ha detto...

Google Street è davvero fantastico... e inquietante al tempo stesso! ;) Non sapevo, per esempio, che coprisse anche la mia piccola e cara Genova: nonostante i volti "oscurati", ho riconosciuto alcuni colleghi dell'ufficio...

ingo ha detto...

In merito agli UFO di Wolverley St, nella stessa strada e sul marciapiede opposto, c'è tanta gente che guarda in alto, alcuni fotografano pure la formazione.
Deve essere stata qualche manifestazione aerea in occasione di una celebrazione.

Forse il compleanno della regina:
http://www.youtube.com/watch?v=xA8iUrPkZpE

Paolo ha detto...

La prima direi si tratti di uno stormo di anatre.
La seconda... mmm... direi la rifrazione della luce su una goccia di pioggia sul finestrino?

ssss ha detto...

La foto di Google Street, se fate attenzione, mostra un sacco di gente con il naso all'insú: circa una quindicina di persone tra cui un ragazzo con una macchina fotografica (cerchio verde).

Ufo London

Quindi era un "qualcosa" che faceva abbastanza rumore o attirava abbastanza l'attenzione dei passanti.

A vedere come gli oggetti sono in formazione direi una pattuglia di aerei. Bisognerebbe vedere se la foto è stata scattata in concomitanza con un qualche Air Show.

Vostro se.se.su.se

ssss ha detto...

@ingo

...doh!

tardo sempre troppo a photoshoppare...!

Gian Piero Biancoli ha detto...

Il riflesso di un CD sul cruscotto??

RB211 ha detto...

Infatti, la seconda rappresenta il riflesso del CD di Perla Complottista tenuto sul cruscotto per fare pubblicità.
Riflesso causato dalle luci interne accese.

Federico ha detto...

Le Red Arrows in formazione (mentre rilasciano scie chimiche!)

QUI

Camicius ha detto...

Anche io penso sia qualcosa del genere (airshow o commemorazione di qualcosa). La tizia con il giubbotto bianco si sporge sulla strada per cercare di capire...
Inoltre la formazione (a diamante) è più tipica dei caccia che delle oche.

dyk74 ha detto...

Per la foto del SUN a occhio sembrano degli aerei in formazione oppure una pulizia digitale fatta male ;-)
Per la foto fatta da Paolo sulla tangenziale sembra quasi sicuramente un riflesso di un oggetto presente sul cruscotto della sua auto (visto che ha delle sfumatura in alto e in basso), la mia idea e' che non sia un CD/DVD ma sembrerebbe quasi di piu' un oggetto simile ad un cellulare...

Replicante Cattivo ha detto...

Nella prima foto, non potrebbe trattarsi di una bandiera i cui bordi potrebbero essere scomparsi con la compressione video?
Ovviamente non ho la minima idea di cosa potrebbe rappresentare una bandiera del genere :D

Dario ha detto...

Ci provo...
Foto del SUN: un pezzo del lampione. Ovvero: la lampada sta sotto (nel cerchio nero a meta' del palo) e dirige il fascio luminoso contro il riflettore (le nove "sfere" chiare) appeso sopra con dei fili.

Foto tua: sposo la teoria del CD riflesso nel finestrino dell'automobile.

The Larch ha detto...

A me la foto del Sun sembra un effetto della giunzione delle foto, in particolare potrebbero essere tre isolatori di ceramica del palo accanto, con il supporto metallico tagliato dalla giunzione, replicato e non allineato perfettamente.
Per la foto di Paolo direi il riflesso di una luce interna (escludo il sole viste le nuvole nere) su una bocchetta di areazione sul cruscotto.
Fossi più esperto probabilmente potrei risalire al modello esatto della AttivissimoMobile, mi limiterò a chiamare la sede del NWO per i dati del veicolo e la posizione al momento dello scatto ...

Anonimo ha detto...

Nella prima sono certamente dei caccia in formazione per irrorare sostanze psicotrope che causano il morgellons e fanno piovere contemporaneamente senza far piovere, in quanto stanno rubando l'acqua per dirottarla su Londra ma vogliono lasciare a secco i propri cittadini facendola evaporare prima che questa raggiunga il terreno. Tutto questo ovviamente per permettere alle banche di lucrare sul signoraggio, i cui proventi serviranno a resuscitare Kennedy, fargli demolire le Twin Towers che saranno ricostruite, dopodichè verrà nuovamente assassinato dalla Cia facendolo passare per l'omicidio di un folle, così gli alieni di Nibiru potranno venire sulla Terra tendendoci il ramoscello d'ulivo e distruggerci con l'impatto della loro gigantesca astronave.

Ehm, nella seconda foto si vede chiaramente una forma tondeggiante che la attraversa nettamente. Occhiali, magari sporchi?

Anonimo ha detto...

Oppure lenti a contatto?

ssss ha detto...

@The Larch

peró la gente che guarda verso l'alto?

mmmh..credo sia un artefatto dovuto alla sovrapposizione di due o piú foto. Peró sempre di aeroplani si tratta (caccia o no).

Sto cercando un qualsiasi vetro/superficie che rifletta quella porzione di cielo.

Se il tipo del bmw nero avesse fatto mezzo metro in avanti a quest'ora avremmo giá risolto l'arcano: il cofano prende solo la finestra di cielo in verticale...

Vostro se.se.su.se

Daniele A. Gewurz ha detto...

Scusate, solo una pignoleria: la strada londinese immortalata con le sfere argentee in formazione non è Waverley St, ma Bethnal Green Road. W.S. è la piccola traversa che si vede girandosi nella direzione giusta.

ssss ha detto...

Giocando con le curve in PS sono giunto alla mia personale conclusione che non è una sovrapposizione di foto: si vedrebbero le giunzioni. Le nuvole dietro sono perfette, non sembrano nemmeno aggiunti in postproduzione.

ufo london 2

Gli oggetti hanno una forma tondeggiante, non se se dovuto al "blur" che viene dato alle immagini di google street view o da altro.

Qualcuno mi sa dire se le proporzioni degli oggetti potrebbero essere quelle degli aerei o sono oggetti molto piú piccoli?

Domenico ha detto...

Uhm, per quanto riguarda la foto del Sun, credo anche io siano degli aerei in formazione. Inoltre non capisco perché l'articolo le citi come "sfere" quando non hanno nulla di sferico. Anzi, sembrano delle crocette.

Per quanto riguarda il "riflesso" (se di riflesso si tratta). Inizialmente ho pensato alle luci dello stereo, ma direi che il riflesso da cd è la spiegazione più verosimile.

Ciau.

re ha detto...

Sono contento che tanta gente si attivi a trovare una soluzione razionale a quello che si vede dalla foto di google maps.
Fino a che Google non darà una spiegazione plausibile, mi sembra chiaro che nella foto si vedano degli U.F.O. (Unidentified Flying Object), in italiano O.V.N.I. (Oggetti Volanti Non Identificati).
Che poi questo voglia dire che è un difetto di immagine, o che siano dei riflessi o qualsiasi altra cosa, sempre OVNI rimangono, nessuno dice che siano extraterrestri.

Vi ricordo che, a parte tutte le “castronerie” e bufale che si vedono e sentono in giro, qualche fonte autorevole interessata a determinati fatti c’è… e da parecchio tempo.
Non credo proprio che il Signor Andreotti nel 1978 fosse stato uno sprovveduto qualunque. Tantomeno penso questo del Reparto Generale Sicurezza dello Stato Maggiore Aeronautica. Poi ovviamente ognuno è libero di rimanere con le proprie convinzioni. Io certamente diffido sempre da chiunque pretenda di essere in possesso di una qualsiasi verità assoluta, che sia da parte di scenziati, politici o religiosi.

http://www.aeronautica.difesa.it/SitoAM/Default.asp?idnot=21625&idsez=205&idarg=&idente=67

Ciao a tutti.

Francesco ha detto...

Per me è il semplice riflesso della luce interna della automobile (quella che si accende quando si apre la portiera) sul finestrino.

Anonimo ha detto...

E' evidente a tutti, tranne che a voi cicappini del branco, che si tratta di astronavi aliene dirette al vinitaly!

grasg ha detto...

Il riflesso è dovuto alla luce di cortesia che viene riflessa dall'obiettivo della macchina fotografica. La foto non è nelle sue dimensioni normali è stata ridimensionata si nota dalla poca risoluzione degli alberi. Si vede bene la forma circolare dell'obiettivo.

SirEdward ha detto...

@ re

Ma perché, perché, perché, la prima parte del tuo messaggio in fondo la condivido in pieno... e poi rovini tutto con la seconda parte?

-----------------

Per quanto riguarda la foto del Sun, non saprei dire... ma la seconda è per me un rilesso sul finestrino laterale.

Daniele A. Gewurz ha detto...

@re: in realtà, se è un difetto dell'immagine, un riflesso etc., non è né un oggetto né volante. È al massimo un gruppo di pixel non identificato (GdPNI?).

E poi, certo che l'aeronautica chiede di segnalare eventuali velivoli che non si identificano! Penso che anche i carabinieri consiglino di chiamarli, se uno sconosciuto ti passeggia per casa.

Renato ha detto...

presumibilmente è solo un difetto dovuto all'unione delle 8 foto scattate dalla macchina fotografica posta sul tetto dell'auto di Google Street View... Ce ne sono anche altri esempi... ciao

re ha detto...

@ SirEdward

ripeto.. non dò nessun giudizio sull'origine di tali avvistamenti. E' chiaro che nelle foto di Google Maps sicuramente non appaiono extraterrestri, come è anche sicuro che non lo siano quelli nelle foto di Paolo.

Meno evidenti sono però le spiegazioni relative a quella piccolissima percentuale di avvistamenti che non sono stati spiegati nel mondo. Forse per mancanza di prove o altri dati oggettivi.
Seppur minima la probabilità che "qualcuno" possa essere arrivato sulla terra da molto lontano, non è nulla.
Altresì considero molto probabile che nell'universo infinito (o quasi) esistano civiltà che sono nate milioni, se non miliardi di anni prima di noi.. e penso che noi in cento anni abbiamo vissuto un'evoluzione tecnologica inimmaginabile (chi mai avrebbe potuto credere agli inizi del '900 che un giorno avremmo messo piede sulla luna?), mi chiedo a che punto possano essere arrivate le civiltà sopracitate?

Possiamo anche smetterla di essere così presuntuosi.
Ciao.

SirEdward ha detto...

Re

Meno evidenti sono però le spiegazioni relative a quella piccolissima percentuale di avvistamenti che non sono stati spiegati nel mondo. Forse per mancanza di prove o altri dati oggettivi.


Per mancanza di prove o di sbuzzo di chi li ha analizzati. Ma varrebbe per qualunque cosa, anche un eventuale alieno.


Seppur minima la probabilità che "qualcuno" possa essere arrivato sulla terra da molto lontano, non è nulla.


Mai detto questo. Tuttavia è una percentuale talmente risibile da non farmi certo pendere in quella direzione.


Altresì considero molto probabile che nell'universo infinito (o quasi) esistano civiltà che sono nate milioni, se non miliardi di anni prima di noi.. e penso che noi in cento anni abbiamo vissuto un'evoluzione tecnologica inimmaginabile (chi mai avrebbe potuto credere agli inizi del '900 che un giorno avremmo messo piede sulla luna?), mi chiedo a che punto possano essere arrivate le civiltà sopracitate?Possiamo anche smetterla di essere così presuntuosi.


Ammesso che esistano, quelle civiltà. Tra molto probabile e certo c'è una grande differenza. Comunque sia, ammesso che esistano delle civiltà extraterrestri (e perché no, in fondo), e ammesso che abbiano una tecnologia tale da consentire loro di raggiungerci (e perché no, in fondo), non abbiamo ancora alcuna prova che lo abbiano fatto davvero (potrebbero anche averlo fatto, e noi non saperlo).

Tuttavia non ha senso abbandonarsi a un sogno fatto di almeno tre "se" uno in fila all'altro, di cui nemmeno uno ha la possibilità di essere verificata e neppure calcolata, con una certa sicurezza. Se vedo un U.F.O. la prima cosa che penso è che sia un problema ottico. dopo che avrò escluso tutte le possibilità che la nostra conoscenza attuale mi pone (e non potrò certo farlo da solo, dal momento che sono profondamente ignorante sia in ottica che in fotografia che in fisica, quindi dovrò chiedere prima a esperti di queste discipline), allora potrò cominciare a fare qualche ipotesi; e anche a quel punto, tra un'ipotesi e un fatto il salto è enorme.

Quindi, l'idea degli alieni non è impossibile, ma è talmente remota che possiamo anche stare molto tranquilli in qualunque caso di U.F.O.

Paolo Attivissimo ha detto...

Grazie Daniele, ho aggiornato l'articolo.

Paolo Attivissimo ha detto...

Re,

Non credo proprio che il Signor Andreotti nel 1978 fosse stato uno sprovveduto qualunque. Tantomeno penso questo del Reparto Generale Sicurezza dello Stato Maggiore Aeronautica.

Da quello che citi sembra più che altro che Andreotti, come ogni buon responsabile della sicurezza nazionale, abbia considerato che avere oggetti non identificati che volano nel cielo non è bene. Possono essere velivoli nemici o velivoli spia o di contrabbando, per esempio. Ma non mi pare che questo possa essere presentato a supporto di una teoria che implichi che i veicoli sono alieni.


diffido sempre da chiunque pretenda di essere in possesso di una qualsiasi verità assoluta, che sia da parte di scenziati, politici o religiosi.

E fai bene. E' meglio guardare i fatti e trarre da quelli la verità. Finora, i fatti non hanno dato supporto a conferma di visite aliene.

martinobri ha detto...

Seconda foto: visto che ci sono i colori dell'iride, è sicuramente frutto di una dispersione, con la fonte di luce che viene da destra.
Se non fosse nuvoloso direi un parelio; altrimenti, un raggio di sole disperso da una goccia d'acqua sul finestrino?

Ma le soluzioni poi verranno scritte anche qui?

theDRaKKaR ha detto...

diffido sempre da chiunque pretenda di essere in possesso di una qualsiasi verità assoluta, che sia da parte di scienziati, politici o religiosi.

eccone un altro.. che poi però davanti ad una bella diagnosi di appendicite non fa così il galletto :)

theDRaKKaR ha detto...

che poi ha pure scritto "scenziati"..

luigi ha detto...

1 un pezzo del lampione a riflessione
2 riflesso di un oggetto sul cruscotto

Michele ha detto...

La foto della tangenziale di Pavia: dal momento che è fatta con una Ricoh Caplio R7 (come già qualcuno ha fatto notare) e vedendo come è fatta detta macchina, direi che è semplicemente il riflesso dell'obiettivo sul vetro (guardando bene si vede che c'è tutto l'obiettivo, compreso di due riflessi minori verdini diametralmente opposti al presunto 'ufo')


Ciao
Michele

Jusepé ha detto...

In quanto "scienziato" mi sento chiamato in causa su un'affermazione che fa il sig. Re a proposito di "verità". Citando:
"Poi ovviamente ognuno è libero di rimanere con le proprie convinzioni. Io certamente diffido sempre da chiunque pretenda di essere in possesso di una qualsiasi verità assoluta, che sia da parte di scenziati, politici o religiosi."

Caro sig. Re, trovo assolutamente ingiusto, inesatto e fuorviante mettere sullo stesso piano le "verità" religiose e le "verità" scientifiche. Una verità religiosa si basa su un qualcosa che viene accettato (da chi vuole, e liberamente) sulla base di una fede, non dimostrabile e, per di più, non falsificabile (nel senso che si possa smentire certe affermazioni). Su questo tipo di verità non ci sono argomentazioni che tengono. Per quello che riguarda la scienza, essa è per natura critica (ma non diffidente come la sua affermazione lascia intendere) verso ogni tipo di affermazione. La scienza non pretende di dare verità, ma di dare la migliore spiegazione compatibile con le conoscenze e le tecnologie del momento. Ma la scienza non è mai ferma, e si pone sempre delle domande e si mette sempre in discussione. E' questo il suo senso più intimo: la scienza e le sue verità sono falsificabili. Sulla base di argomentazioni, prove, risultati ed esperimenti, tuttavia, si può giungere ad una "verità" che bene descrive il mondo sensibile. Non si può certo "diffidare" e "restare delle proprie opinioni" (a differenza del caso delle religioni) di fronte a questo tipo di verità. Ad esempio, non si può in nessun caso restare diffidenti della natura ondulatoria della luce e restare dell'opinione che invece essa si propaghi in linea retta, perchè ci sono fenomeni (diffrazione ed interferenza) che falsificano quest'ultima affermazione (cioè non possono essere spiegati con la propagazione in linea retta). In un certo senso il sentimento di diffidenza che lei induce nei confronti della scienza porterebbe ad un totale relativismo delle verità.

Alfred Borden ha detto...

Articoletto interessante dal blog di divulgazione scientifica "Gravità Zero": Si fa presto a dire probabilità (di vita extraterrestre)

theDRaKKaR ha detto...

caro Jusepè,

oltre che "quotarti", vorrei cogliere una tua frase che è da approfondire. All'affermazione dell'utente Re Io certamente diffido sempre da chiunque pretenda di essere in possesso di una qualsiasi verità assoluta, che sia da parte di scenziati, politici o religiosi. tu rispondi In un certo senso il sentimento di diffidenza che lei induce nei confronti della scienza porterebbe ad un totale relativismo delle verità.

Ho fatto la stessa riflessione e sono giunto alla conclusione che la filosofia dell'utente Re è proprio una filosofia relativistica.
Però mi chiedo, come mai una persona mediamente istruita, come sembra essere l'utente Re, può arrivare a pensare che lo scienziato sia una persona che fa affermazioni dello stesso tipo di quelle di un politico o di un religioso?
A mio avviso una persona può pensare così per due motivi differenti:
1) non sa cosa sia la scienza, ignora tutto, a partire dalla basi
2) sa cosa è la scienza, ma crede che una grossa parte degli scienziati nel loro lavoro tradisca le regole della scienza

Chiedo a te e a tutti gli altri ovviamente di esprimere il proprio parere

juhan ha detto...

"... può arrivare a pensare che lo scienziato sia una persona che fa affermazioni dello stesso tipo di quelle di un politico o di un religioso?"
Il problema è che il politico non si cura della verità delle sue affermazioni e il religioso ha una verità di ordine superiore (la fede) che è quella vera anche se in contrasto con la realtà. Quindi per loro diventa naturale credere che tutti si comportino in questo modo. Un esempio preso dal mondo del calcio: non ho ancora trovato un tifoso della Jube che non creda che Moggi sia vittima di un complotto.

Kash ha detto...

Per quanto riguarda gli "ufi" a londra, questo post tratto da un forum "specifico" e' molto interessante :P

http://forum.cosenascoste.com/ufo-alieni/46394-una-formazione-di-ufo-nel-cielo-di-londra-scoperti-tramite-google-maps.html#post410783

tankeriño ha detto...

E fai bene. E' meglio guardare i fatti e trarre da quelli la verità.
Commento pubblicato da Blogger Paolo Attivissimo 3/4/09 13:16


E' sarcastico vero??? "Guardare", se preso alla lettera, assomiglia tanto al "basta guardare il cielo" degli sciachimisti!

re ha detto...

theDRaKKaR


diffido sempre da chiunque pretenda di essere in possesso di una qualsiasi verità assoluta, che sia da parte di scienziati, politici o religiosi.

eccone un altro.. che poi però davanti ad una bella diagnosi di appendicite non fa così il galletto :)


ti ricordo che in passato di verità scientifiche smentite ce ne sono state molte. Magari dovrebbero usare le sanguisughe nel caso ti dovessero diagnosticare una bella appendicite, giusto per rinfrescarti la memoria.


che poi ha pure scritto "scenziati"..

Per cortesia evita di mettere in evidenza errori di battitura che tutti possono commettere e pensa piuttosto all' ignoranza che dimostri nel postare certi articoli all'attenzione di tutti solo per mettere in bella evidenza la tua fede scettica..

Non hai capito a cosa mi riferisco?
Ti rinfresco la memoria, parlo del tuo super mega fanta OFF TOPIC

Paolo e tutti: date un'occhiata a questo articolo: un ricercatore del CNR che dice di poter prevedere i terremoti e fa letteralmente cacare sotto mezzo Abruzzo!

http://www.corriere.it/cronache/09_aprile_01/terremoto_psicosi_fbd94050-1e82-11de-9011-00144f02aabc.shtml

1/4/09 14:17

re ha detto...

@Juhan


"... può arrivare a pensare che lo scienziato sia una persona che fa affermazioni dello stesso tipo di quelle di un politico o di un religioso?"
Il problema è che il politico non si cura della verità delle sue affermazioni e il religioso ha una verità di ordine superiore (la fede) che è quella vera anche se in contrasto con la realtà. Quindi per loro diventa naturale credere che tutti si comportino in questo modo. Un esempio preso dal mondo del calcio: non ho ancora trovato un tifoso della Jube che non creda che Moggi sia vittima di un complotto.


Te lo dico io Juhan. Moggi NON è vittima di nessun complotto. Se ha sbagliato è giustissimo che paghi.

Alfred Borden ha detto...

ti ricordo che in passato di verità scientifiche smentite ce ne sono state molte. Magari dovrebbero usare le sanguisughe nel caso ti dovessero diagnosticare una bella appendicite, giusto per rinfrescarti la memoria.

Esempio infelice, dato che in passato l'uso massiccio delle sanguisughe non si basava certo su studi di qualche tipo o su prove scientifiche. Era un dogma e nulla più, esattamente l'opposto delle "verità" scientifiche di oggi.

re ha detto...

Esempio infelice, dato che in passato l'uso massiccio delle sanguisughe non si basava certo su studi di qualche tipo o su prove scientifiche. Era un dogma e nulla più, esattamente l'opposto delle "verità" scientifiche di oggi.

Ciò non esclude che alcune "verità" scientifiche di oggi possano essere modificate o superate in futuro con lo stesso metodo scientifico attuale.

Alfred Borden ha detto...

Appunto, la capacità di valutare solo ed esclusivamente i fatti, di riconoscere gli errori e di agire di conseguenza è il fulcro del metodo scientifico. Metodo che non ha nulla a che vedere con le affermazioni (= atti di fede) dei religiosi e con le affermazioni (= balle propagandistiche) dei politici.
Cioè proprio ciò theDRaKKaR stava cercando di farti notare.

re ha detto...

Ciao a tutti, visto che è stato instituito questo bel corso di "nufologia" perchè non provate tutti a dare una spiegazione a questo? Paolo potresti scriverci su qualcosa anche te...

http://www.corriere.it/cronache/09_aprile_08/ufo_avvistamento_roma_0ed6f892-2486-11de-a75a-00144f02aabc.shtml

http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Dall%20Italia&vxClipId=2524_3cfa7eee-2484-11de-a75a-00144f02aabc&vxBitrate=300


Saluti!

Paolo Attivissimo ha detto...

Re,

non ne vale la pena. Un puntino vago per pochi secondi in un video sgranato?

Ci puoi vedere quello che vuoi. Non puoi dire nulla di concreto. Non puoi analizzare, misurare, osservare nulla. Potrebbe essere un insetto, un uccello, qualunque cosa.

Si può indagare sui casi che hanno della sostanza, dei dettagli.

Questa, invece, è fuffa e un ufologo serio l'avrebbe già cestinata.

re ha detto...

A questo punto mi assale la tristezza nel vedere che pubblicano sulla
prima pagina del Corriere online queste notizie.. possibile che l'informazione abbia raggiunto tali livelli in Italia?

Domenico ha detto...

@re
A questo punto mi assale la tristezza nel vedere che pubblicano sulla
prima pagina del Corriere online queste notizie.. possibile che l'informazione abbia raggiunto tali livelli in Italia?


Di che ti stupisci caro Re, il Corriere ha tenuto per giorni le dichiarazioni in prima pagina di Giuliani mentre non ho visto traccia dell'intervista al professore giapponese che diceva chiaramente "il terremoto in Abruzzo era imprevedibile".
Non dico che Giuliani andava censurato, ma più par condicio no?

Ah no, non avrebbe fatto audience. Giusto, giusto.

Talksina ha detto...

ehm...Paolo... io che son ciecata, ma ciecata forte... l'esame della vista non funziona vuol dire che sono infetta da conficker? :-)
No dimmelo perché se è 28 anni che sono affetta da conficker anche quando non avevo il PC, almeno, so che mi basta mettermi un cd di qualche antivirus da qualche parte :-)
scusate l'ironia ma era doveroso
non c'è mica altro modo per capire se si è infetti oltre che visualizzare 'sti cavolo di loghi? Non basta digitare le URL delle aziende di prodotti antivirus? No perché un ciecato come me chiaramente i loghi non li vede x forza!